Translate

Cerca nel blog

sabato 5 maggio 2018

In merito all'adunanza speciale...

L’adunanza speciale con il rappresentante del CD in visita alla filiale italiana non ha deluso le aspettative. Il solito trito di banalità è stato infatti servito, condito ad nauseam dalla solita autocelebrazione dedicata all’organizzazione, come sempre la più meglio di tutte, a tal punto che non si sa come, cresce anche quando cala, vince anche quando perde e ovviamente cade sempre in piedi.

Ad un certo punto, Flodin ha raccontato esperienze che, ha tenuto a precisare, “sono realmente accadute” e dimostrerebbero la benedizione di Geova sull’organizzazione.

Difficile poter comprovare se una squadra d’assalto SWAT in tenuta da guerra abbia realmente fermato una coppia di testimoni per fare loro una domanda biblica e attraverso la risposta evitare in modo provvidenziale che si ammazzassero fra di loro. 

L’altra esperienza però riguardava fatti che si possono comprovare. 

Nel 2014 si sarebbe registrato un calo dei decessi relativi a coloro che si sono suicidati buttandosi dal famoso Golden Gate, il ponte di San Francisco in California. 

Secondo l’esperienza narrata da Flodin, il calo rispetto agli anni precedenti sarebbe dovuto al fatto nel 2014 è stato dato il permesso ai fratelli di usare sul ponte gli espositori mobili con le pubblicazioni della WTS. Molti di quelli che andavano con l’intenzione di farla finita sarebbero stati dissuasi dalla copertina di una particolare rivista.

Poiché ho imparato a mie spese che non sempre ci si può fidare degli uomini e quasi mai quando parlano avendo un’agenda da portare avanti e un “dovere istituzionale” da assolvere, sono andato a controllare l’esattezza dei dati e delle affermazioni.

https://www.sfgate.com/bayarea/article/38-Golden-Gate-Bridge-suicides-last-year-after-6059465.php

Come si può notare dalle statistiche ufficiali, nel 2013 si ebbe il record storico di suicidi dal Golden Gate con un totale di 46 morti. Nel 2014, l’anno degli espositori salvavita, le morti furono 38, con un calo di 8 unità, ma in linea con la media dei 5 anni precedenti. 

Nel 2012 i morti erano infatti stati 33, nel 2011 furono 37 e nel 2010 i decessi ammontarono a 32. A chi daremo il merito del minore tasso di suicidi del periodo 2010-2012 visto che gli espositori non c’erano? Perché le morti nel 2014 furono superiori a quelle di ciascuno di quei tre anni?

E come possiamo spiegare il fatto che nonostante gli espositori, secondo un’altra statistica, nel 2014 le forze dell’ordine dovettero convincere un centinaio di persone che erano pronte a gettarsi a non farlo? Non dovremmo celebrare piuttosto questi agenti come principale fattore salvavita sul Golden Gate durante quell’anno?

Questa, caro Flodin, si chiama manipolazione dell’informazione finalizzata all’abuso della credulità popolare alla quale la WTS ci ha purtroppo abituato. Se poi dici che queste sono le informazioni certe, basate sui fatti.......

Da parte mia almeno, puoi dire al CD che invece di inviare abbracci e baci istituzionali per interposta persona, che hanno lo stesso sapore della famosa frase: “date una carezza ai vostri bambini e dite che gliela manda il Papa” di Papa XXIII, preferirei un po’ di profondità nei contenuti, di onestà e di trasparenza, ammesso che ne siano capaci. Grazie

Vengodopoilcd

23 commenti:

  1. @Vengodopoilcd, mi è sembrato meglio postare il tuo commento in una nuova discussione.

    RispondiElimina
  2. Ottima ricerca.. Davvero interessante notare come sono in grado di girare la frittata pur avendo dei dati così chiari da poter confrontare. Quando la meretrice dice "siedo regina e non vedrò mai lutto".. Loro son talmente certi di aver drogato psicologicamente la fratellanza che neanche pensano che qualcuno possa andare a documentarsi sulle baggianate che dicono. È un peccato perché alcuni spunti interessanti di vita cristiana è riuscito a esprimerli Kenneth flodin che in quanto a oratoria si è dimostrato davvero molto capace e abile nel mantenere desta l'attenzione. Peccato perché quando ti rendi conto che non sono persone affidabili anche le poche perle che dispensano non riesci più a percepirle per la rabbia/schifo/delusione nel capire la falsità di questa organizzazione.

    RispondiElimina
  3. Vorrei fare un appunto. Flodin non ha parlato in modo generico dei dati 2014 ma ha specificato che le autorità hanno notato il calo nel mese di aprile, mese in cui c'era la locandina con la rivista in questione che poi hanno chiesto di lasciare fissa in almeno un espositore.
    L'esperienza credo vada ridimensionata quindi al fatto che le autorità abbiano notato un cambiamento e fatto la richiesta.

    RispondiElimina
  4. Commodoro consapevole6 maggio 2018 11:44

    A me sarebbe piaciuto che si facessero applicazioni sul rinnovamento della mente sugli anziani. Molti cda mancano sotto molti aspetti. Non puoi aspettarti che le congregazioni facciano la loro parte se Non hanno l esempio dai pastori. Uscirsene con la frase "quando gli anziani ci deludono" Non porta da nessuna parte

    RispondiElimina
  5. che bisogno c era di questo blog se gia esiste pc? stessi argomenti e stessi attori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @idem abbiamo alcuni argomenti in comune e non mi stupisce che ci siano parti della fratellanza in comune. Noi siamo un po' più dei "bravi" ;D ;D Saluta tutto PC con un abbraccio fraterno.

      Elimina
  6. Caro Idem con patate, se non capisci la differenza la vedo dura a spiegartela.

    RispondiElimina
  7. Punti Notevoli della giornata streaming

    Franceschetti e Maranini alle preghiere giusto per far vedere che sono sempre operativi.

    Falone presidente.

    Introduzione di Andreotti con manifesto autocelebrativo del progresso italiano nonostante i cattivi auspici di Russel. Flodin fa parte della falange wt antirusselita ma millenovecentoquattoridicista. Una veloce carrellata con la descrizione dei nuovi asset logistici. Nessun accenno alle spese, nessun accenno alle vendite, ringraziamenti per le contribuzioni. L'unica cosa certa è che le vacanze romane si faranno ancora per un bel po di tempo quindi prima di abituarsi ai tortellini e zampone c'è ancora spazio per l'abbacchio e la rughetta. Andreotti è un po' teso (strano direi) ma in effetti anche gli altri non sembravano molto a loro agio.

    Comodi poverino impegnato in una torre di guardia da dimenticare, ha fatto quello che poteva con un Flodin in gran spolvero con la pinna dorsale più grande di tutti. Si è rilassato solo quando ha detto che i motivi per giustificare il battesimo di bambini li scopriremo nel prossimo studio. Torre di guardia imbarazzante con una bambina in uno studio fotografico in pose contraffatte di finta adorazione a Dio.

    Poi il discorso. Flodin ha dominato la platea dicendo tante cose sensate e anche condivisibili. I problemi teocratici li conosce: la decontestualizzazione delle scritture, l'incapacità di applicarle anche nelle più semplici situazioni. Pantomima su se stesso l'ipocrisia delle frasi di circostanza "Bel discorso fratello Flodin" "Tutto merito a Geova" risponde ciondolando la testa. Ad un certo punto rivolgendosi alla platea zeppa di super nominati è sembrato che ne ammettesse la presenza anche in quel momento. Notato niente di strano? Non avete notato quella continua presunzione di colpevolezza sempre degli altri? Non avete notato nello sviluppo logico che sono sempre gli altri che non studiano, non applicano, non mettono in pratica. Non avete notato quel fastidioso atteggiamento di non mettersi mai in discussione? Alla fine mi è sembrato che si considerasse come il padrone di un canile che si lamenta perchè sente abbaiare. Leggendo le varie circolari io non sarei così sicuro che ci sia sempre stata una direttiva coerente e quando un cane abbaia c'è sempre un motivo e spesso quel motivo è perchè il padrone non fa il suo mestiere. Le esperienze? Ne aveva di meglio degli SWAT che litigano.

    Falone conclude con i saluti più fantozziani che abbia mai visto che mi viene voglia di chiede scusa a Flodin non oso immaginare cosa abbia pensato ("another brownose..."). Falo' te vojo beneeee assaje.

    Un abbraccio a tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se ridere o piangere,ma questa è la triste realtà.
      Continuo a pensare che il buon vecchio Franz aveva ragione,il nipote non lo zio,quando scrisse che siamo "Vittime di vittime"

      Elimina
  8. Se proprio dobbiamo rivendicare l'intervento di Dio nelle faccende umane odierne, allora senza ombra di dubbio il Suo intervento è stato evidente nell' evitare a tanti anziani consapevoli di condurre l'imbarazzante articolo torre di guardia di questo fine settimana. Peccato che a pagarne le spese sia stato il caro fratello Comodi in veste di vittima sacrificale...
    Un articolo non solo improponibile per il messaggio lanciato, ovvero la validità scritturale (dove, esattamente?!) del battesimo in giovanissima età, ma per la stessa stesura dell'articolo, quanto mai contorta e contraddittoria.
    Si inizia al paragrafo 1 con la descrizione della scena di una "bambina" che sta per rispondere con un sì alle due domande del battesimo e i genitori che si chiedono se la propria figliola stia facendo la cosa giusta. Già questo paragrafo è tutto un bel dire.
    Al paragrafo 4 si accenna ad una poco velata minaccia: "Chi rimanda senza un motivo valido il battesimo mette in pericolo la possibilità di ricevere la vita eterna". Chi autorizza a questa assoluta categoricità?
    Al paragrafo 8 poi si afferma, con un "forse", che Gesù apparve a 500 persone nell'occasione immortalata al capitolo 28:19,20 di Matteo, mentre Gesù si stava in quell'occasione accomiatando solo dai suoi undici apostoli e da qualche donna devota, come suggerirebbe il contesto esaminato con attenzione.
    Interessante che la scrittura di matteo 28:19,20, ivi citata, rivela una sorta di ordine nei passi da compiere per divenire discepoli di Gesù:
    1) andate e fate discepoli
    2) BATTEZZANDOLE nel nome del padre....
    3) insegnando loro ad osservare tutte le cose che vi ho comandato
    In effetti, facendo attenzione alla storia del primo cristianesimo riportata negli Atti degli apostoli e secondo quanto si può evincere dai testi antichi riguardo alla storia della prima chiesa cristiana, non passava poi tanto tempo dal momento in cui si dava testimonianza ad un non credente a quello in cui quest'ultimo era battezzato. Come a dire che, una volta aver sufficientemente metabolizzato che bisognava pentirsi dei propri peccati, convertirsi e decidere di fare la volontà di Dio, un credente poteva compiere il passo del battesimo. Il tempo avrebbe poi permesso a questo nuovo cristiano di giungere alla maturità spirituale, attraverso una più profonda conoscenza della volontà di Dio, la meditazione e la pratica cristiana.

    RispondiElimina
  9. Continua
    I paragrafi 9 e 10 riportano le vicende dell'eunuco etiope e di Saulo di Tarso, i quali, a conferma di quanto sinora osservato, stando a quanto riporta la Bibbia, si battezzarono nel giro di poche ore o giorni dall'aver conosciuto la verità circa Gesù e il cristianesimo. E' vero che si trattava di persone che appartenevano alla religione ebraica, ma, specie nel caso di Saulo, "la sera prima", si fa per dire, dell'incontro col Signore Gesù, aveva appena ordinato l'assassinio di qualche povero cristiano. E le opere degne di pentimento non avrebbero dovuto richiedere ragionevole tempo per essere rese manifeste alla comunità?
    Considerazione: un appartenente ad una qualunque delle religioni della cristianità porta con sè un certo bagaglio di conoscenza di Dio e di Gesù, come anche di tante norme morali comuni a tutte le religioni, quando poi viene a conoscenza della "verità". Gli basterà magari solo raddrizzare un pò il tiro sulla persona di Dio, sulla sua identità unitaria e non trinitaria, e cosette del genere. Ma per il resto, l'impianto di base gli ha già permesso di vivere la sua precedente vita all'insegna di una spiritualità più o meno intensa in relazione alla divinità. Un pò come avveniva per un ebreo che traboccava nel cristianesimo, per il quale, stando alle succitate scritture, sarebbe stato sufficiente pochissimo tempo per battezzarsi quale cristiano. E perchè allora, se tanto mi dà tanto, anche oggi il cattolico devoto dovrebbe attendere tanto tempo per battezzarsi nella fede TdG?
    Dico tutto questo perchè poi al paragrafo 12 si schiaccia il pedale del freno sull'argomento. Si afferma infatti che (i maiuscoli sono miei) "prima di battezzarsi, una persona che STUDIA la Bibbia deve conoscere BENE Dio, IL SUO PROPOSITO E CIO' CHE HA FATTO PER SALVARE L'UMANITA'. Poi, SULLA BASE di questa PROFONDA conoscenza, deve SVILUPPARE fede, che lo spingerà ad ABBANDONARE ciò che Geova odia e SEGUIRE le sue giuste norme.....Ma ubbidire alle alte norme morali di Geova NON BASTA: chi vuole dedicarsi a lui DEVE ANCHE frequentare le adunanze e partecipare in modo SIGNIFICATIVO all'opera di predicare e fare discepoli....SOLO DOPO aver compiuto questi passi una persona PUO' fare in preghiera a Geova una dedicazione che sia valida e poi renderla pubblica con il battesimo"- fine citazione Non vi sembra che rispetto alla "frettolosa" conversione di Saulo qualcosa non quadra? Allora vale l'osservazione secondo la quale uno si battezza in un ragionevole tempo e poi in seguito matura la sua persona cristiana, o vale il contrario?

    RispondiElimina
  10. Continua
    Il paragrafo 17, dopo che nei precedenti si puntualizza come i genitori siano felici quando i loro figli giungono al battesimo (a quale eta? E' stata suggerita al primo paragrafo....) si dice che chi si battezza accetta in realtà su di sè il giogo di Cristo, che, sebbene leggero, è pur sempre un giogo. Può mai un bambino reggere tale "peso" sul proprio "collo"?
    Il paragrafo 18, con una serie di domande, preannuncia poi l'argomento che (ahimè) verrà considerato la prossima settimana. Una di esse chiede: "E se dopo essersi battezzato commettesse un peccato grave?" (sempre in riferimento ad un bambino)
    Ora, ma ci vuole la zingara per indovinare perchè un genitore cristiano abbia timore quando un figlio giovanissimo sceglie di battezzarsi, a fronte della domanda suddetta? Claro che no! Perchè certamente nel prossimo articolo, dove si insisterà che i genitori non devono fasciarsi la testa prima di essersela rotta, non si dirà MAI che un povero ragazzino, soggetto alla tentazione, potrebbe rischiare di essere facilmente disassociato con tutte le devastanti conseguenze del caso. Me lo immagino il nonno testimone di Geova che non potrebbe più godersi il nipotino per via dell'ostracismo applicato senza esclusione di colpi, o la famiglia che non potrebbe più visitare i propri parenti o stare in loro compagnia per via della presenza della pecora nera ostracizzata. Questo è un carico troppo pesante per un bambino, minorenne, al quale verrebbe fatta una vera e propria violenza psicologica non esente da postumi traumatizzanti. E' difficile dunque capire perchè un genitore abbia PAURA quando un figlio minorenne di giovanissima età dovesse esprimere il desiderio di "dedicarsi" a Geova e battezzarsi? Cosa può veramente capire quel giovanottino di dedicazione, conversione, amicizia con Dio, insomma, cose da adulti?
    Ecco perchè sono stato ben lieto di non aver condotto questo studio domenica passata. Meno male così. Non ce l'avrei proprio fatta. E come sono contento che neanche domenica prossima, per via di impegni, riuscirò a farlo. Questo è proprio un argomento off-limit per un cristiano ormai consapevole.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono permesso di farci un post...

      Elimina
    2. Grazie.
      Sono onorato.

      Elimina
  11. L'addetto stampa dei tdG che è stato intervistato dal programma " presa diretta" ha detto che chi si battezza deve essere ben cosciente della responsabilità che comporta questo passo, visto che si rischia di perdere i rapporti con i familiari qualora si venisse disassociati.
    Giustissimo questo suo pensiero!
    Però ci vuole veramente tanto per capire che a questa età non si può essere pienamente consapevoli della responsabilità che ci si assume per tutta la vita con il battesimo?

    RispondiElimina
  12. Sul discorso speciale: non sono riuscito a capire perché era "speciale", sembrava un comune discorso, solo un po' più lungo. Profezie e profondità spirituali assenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Losch in Canada ha fatto di peggio. Lui e la sua fissa per l'università.

      Ma nel CD oltre a dividersi i comitati si dividono anche le fisse? Chi per l'università chi per i pantaloni attillati...

      Elimina
  13. Capitan_Kirk :Franceschetti e Maranini alle preghiere, giusto per far vedere che sono sempre operativi sono da ammirare perché alla fine degli anni 60 e 70 erano impiegati in lungo e in largo per l'Italia, stadi, teatri palazzetti dello sport ,teatri tende, a predicare, ed essere convincenti nei loro discorsi che la fine era alle porte, e non solo loro, erano in buona compagnia, con Magni, Ciallini, Caparelli, etc etc etc. ..alla loro preghiera, mi è tornato in mente il tempo passato e i loro discorsi. Caparelli disse che per dimostrare di essere in piedi ,lo faremo solo impegnandoci sempre di più nella predicazione e non a costruire una casa perché presto, l'avremmo persa ad armaghedon .Un caro saluto a tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al bisogno riescono a tirare fuori le mummie dai sarcofagi,per farli apparire sempre attivi e sulla cresta dell'onda,che squallore però.

      Elimina
  14. PICCOLA CONSIDERAZIONE TRA ME E ME

    Durante le adunanze ormai non faccio altro che introvagare all'interno della mia testa e riflettevo sul modello di congregazione cristiana del primo secolo. C'era quella scrittura che parla di sottomissione dove marito e moglie , Cristo e la congregazione ecc....Tra me e me mi chiedevo dov'è il tramite di sottomissione tra cristo e la congregazione, ovvero il Corpo Direttivo o Schiavo Fedele e discreto. Non ho trovato ovviamente nessuna scrittura. L'unica scrittura che si usa ad oggi per giustificare il corpo direttivo è quella del famoso concilio di Gerusalemme. Potrei fare successivamente delle considerazioni su quel concilio ma ora voglio solo soffermarmi su un aspetto logico, matematico per cosi dire. Una volta l'intendimento distingueva lo SFD dal CD. Ad oggi le due figure sono le medesime,  SFD = CD.  Un altro intendimento recente è che lo SFD non compare prima del 1919. Perciò se SFD= CD e siccome SFD non compare prima del 1919 significa che quel famoso concilio di Gerusalemme non poteva essere il Corpo Direttivo di allora. E quindi l'unico appiglio scritturale di creare la struttura piramidale odierna è senza base scrittura a livello logico. Voi che ne pensate di questa equazione?
    Alen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gatto di Schroedinger13 maggio 2018 22:02

      Che non è un'equazione, è una formulazione assiomatica. Talmente assiomatica da ricadere nel campo dei teoremi limitativi :)

      Elimina
  15. Ecco cosa ne penso Alen:

    Partendo dal postulato di Efesini 5:23

    Cristo : Ekklesia = Uomo : Donna

    Abbiamo una prima possibilità:
    Cristo : Pietro = Cristo : Papa

    Abbiamo una seconda possibilità:
    Cristo : Cd del 1°sec. = Cristo : Sfd

    Dato che dagli ultimi intendimenti:
    Sfd = Cd

    Sarebbe anche vero:
    Sfd : Cd = Sfd : 1919

    Tuttavia se è vero che:
    Cristo elevato al cielo : Spirito S. = Cristo : Ekklesia dal 33 e.v.

    Chi sa risolvere l'equazione:
    Cristo : Ekklesia dal 33 e.v. = Cristo oggi : X

    Oppure traducendo, chi conduce oggi l'Ekklesia?

    Che sia ipotizzabile partendo dall'enunciato postulato di Efesini 5:23, un movimento di emancipazione dell'Ekklesia?

    RispondiElimina
  16. Traduco in parole più semplici:
    un'equazione è un'eguaglianza tra due insiemi,
    partendo da questo concetto si potrebbe dire che Paolo in Efesini 5:23 fà un'eguaglianza, paragona la relazione che c'è tra il Cristo e l'ekklesia con la relazione che c'è tra il marito e la moglie, in entrambi le relazioni è evidente chi dovrebbe essere il capo.

    Ma in circa 2000 anni le cose sono cambiate! Oggi le donne, specialmente nella cultura occidentale hanno cercato e ottenuto una certa l'emancipazione, sempre più donne svolgono ruoli che erano ricoperti solo da uomini, questa emancipazione influisce sulle stesse famiglie.

    Personalmente vedo oggi la stessa analogia nella relazione tra il Cristo e l'ekklesia, quest'ultima nel corso dei secoli sempre più organizzata in religioni secolarizzate si è 'emancipata' dal ruolo che compete l'ekklesia e ha voluto assumere il ruolo di capo del Cristo, solo per fare due esmpi: il Papa come vicario del Cristo, oppure il CD dei TdG come canale del Cristo. Vedete come viene sminuito e usurpato il ruolo del capo dell'Ekklesia.

    Quindi il ragionamento di Alen non fà una piega, e aggiungo che mentre col versamento dello Spirito Santo avvenuto il giorno di pentecoste del 33 e.v. era più che evidente che Cristo era capo dell'ekklesia e dirigiva direttamente le cose, oggi non è più cosi evidente! E voler prendersi il ruolo di capo stabilendo anche la data di partenza (1919) in cui sarebbe nato lo Schiavo fedele e saggio, sminuisce la figura del capo dell'ekklesia facendolo apparire incapace di dirigere la sua famiglia, abbandonata a se stessa.

    Magari se tornasse avrebbe il pieno diritto di esercitare la sua autorità e riprendersi quello che gli spetta di diritto ...

    RispondiElimina

Grazie per il commento.

Chatteria