giovedì 17 gennaio 2019

Betel Bologna che succede?

Da questo link notiamo che a Novembre dell'anno appena terminato abbiamo presentato un SCIA differita presentata al comune di Bologna con 17 (ignote!) ma consistenti varianti di progetto protocollate che si sono aggiunte sino al 18/12/2018. Di cosa si tratta? Non si sa. Voci di corridoio parlano di una consistente incosistienza(!) della ristrutturazione che non prevedeva l'adeguamento alle norme antisismiche(!!!!!). La prima domanda è: che mansioni ha LDC? Questo fatto per caso necessita dover richiedere l'intervento di una ditta esterna "congrua" che provveda il riallineamento normativo della struttura? Ora tralasciamo il dramma della ditta esterna (le conoscete le bestemmie dei cottimisti?) se fosse vera questa cosa, non è che stiamo cercando di mettere una pezza ad un bel pacco? Tralasciamo l’inglesismo del Branch Relocation Project nel logo del video che posso solo inquadrare come una semplice americanata, alcuni hanno pensato bene di far vedere qualche settimana fa a tutte le congregazioni nazionali uno stato dei lavori, che mi duole dirlo l'impressione è che sembrava fortemente propagandistico e poco consistente come i carri armati di Mussolini. Qualche metro cubo di calcinacci e poi la mensa? 100 150 persone ogni giorno che ci stanno a fare? A guardare progetti che vengono da Warwick? Video editing? Le voci di corridoio parlano di un termine dei lavori demandato all'estate del 2021. 

11 commenti:

  1. Fortemente propagandistico? Perché dici così. Si sentono fratelli in giro entusiasti dei lavori che procedono alla grande. Il video della scorsa settimana fa vedere centinaia di persone allegre!!! E tutto bellissimo la mensa e guasi pronta.procede tutto come da programma. Peccato che un betelita bufalottiano è tornato da Bologna (uno che conta) per una visita e non potete immaginare cosa ha detto!!!! Tutto lo stabile è fermo da mesi. E i video!!!! E le contribuzioni che chiedono da un paio di anni cosa ci hanno fatto? A Bologna non è stata messo un mattone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A onor di cronaca ricordiamo che la situazione di Bologna è in stallo,cioè tutto fermo.
      Aspettano che un illuminazione divina cerchi di salvare capra e cavoli da tutti gli intelligentoni che hanno fatto fare l'affare,non a chi ha comprato ma a chi ha venduto.
      E pensate se non ci fosse stata la benedizione divina,che macello sarebbe successo,
      invece,lasciamo perdere.

      Elimina
    2. Ci stavo pensando proprio adesso. Ma ora ditemi voi che pagliacciata colossale quella dei video work in progress finti come i soldi del monopoli, con i fratelli che guardano muri di mattoni da intonacare. Anche li ma che bisogno c'è di mentire alla fratellanza... ditemi voi se mi sbaglio.
      Propongo una dichiarazione ufficiale con una circolare a tutte le congregazioni "La ristrutturazione della Betel è ferma perchè abbiamo avuto dei problemi che non sono stati presi in considerazione durante l'acquisto. Se ci sono delle responsabilità interne stiamo valutando il da farsi. vi faremo sapere quanto riprenderà."

      Elimina
  2. Succede che con i potenti mezzi a disposizione e con i migliori yes man al servizio della fratellanza italiana,ancora una volta come dice Kirk,il pacco è servito, ma non c'è problema,la non informazione e il tenere allo scuro la fratellanza che continuerà a contribuire sempre,sarà tutto come al solito,come per i casi di pedofilia e i risarcimenti milionari,sono tutte voci degli apostati
    brutti,sporchi e cattivi,che vogliono mettere in cattiva luce il felice popolo di Geova,ecc ecc
    Ma quando finirà questa commedia eterna?
    Ma davvero pensano che i fratelli,hanno tutti gli orecchini al naso?
    Che tristezza,alla faccia dei proclami di stato,che Geova continua a benedire le scelte di questi
    imbranati e inefficienti,messi li a gestire gli averi del regno.
    Lassù il Signore degli averi si è messo le mani nei capelli e non solo.

    RispondiElimina
  3. E non dimentichiamo le contribuzioni versate nella cassetta per Bologna confluiscono senza alcuna segnalazione in quella di Opera Mondiale...

    RispondiElimina
  4. E non dimentichiamo...

    RispondiElimina
  5. Noi ce ne andiamo arrivano i mormoni avete letto i giornali innagurato tempio mormone spettacolare a via della bufalotta 6mila metri quadrati a marzo apre ai fedeli.... Contano 21milioni di aderenti in tutto il mondo

    RispondiElimina
  6. Repubblica
    "La "Chiesa di Gesù e dei santi degli ultimi giorni" è una delle più opulente organizzazioni religiose nel mondo, capace di tentare anche la scalata alla Casa Bianca con il candidato repubblicano Mitt Romney, poi battuto da Barack Obama. Il suo bilancio non solo non è gravato dalle spese, come avviene per i cattolici, di un clero retribuito (il loro è laico, fatto da volontari). Ma è alimentato a dismisura dai versamenti di un decimo del guadagno di tutti i 14 milioni di fedeli sparsi in oltre 150 nazioni. Insomma, nei bilanci della sede principale della Chiesa, a Salt Lake City, nello Utah (Usa), confluisce un immenso fiume di denaro. Nessuno sa a quanto ammonti con esattezza, si stima in circa 10 miliardi di dollari l'anno. Quel che è certo è che "i soldi - dicono - li usano per costruire il regno di Dio sulla terra"."

    RispondiElimina
  7. Ex anziano riflessivo19 gennaio 2019 17:24

    In provincia di Napoli è stato acquistato un lotto di terreno di ca 8000mq per la costruzione di tre strutture con annesse due case per i viaggianti; l'attuazione di tale progetto viene continuamente rinviata, infatti la nuova data è stata spostata a metà febbraio.
    Comunque visti gli ultimi sviluppi in merito alle continue vendite di sale e i lavori "quasi fermi" alla nuova betel, nutro seri dubbi che sarà posata la prima pietra. La sola cosa certa è che ogni mese è stata stabilita in 12 sale una nuova cassetta per le contribuzioni dedicata a tale scopo.
    Si realizzerà tale sogno???? Vedremo

    RispondiElimina
  8. Ma sai sono tante le cose che sono implicate nei progetti edili. Per certi versi le ristrutturazioni sono ancora più complicate dei progetti ex novo. Gli slittamenti di progetto non sono un problema in se, la burocrazia italiana è piena di uffici complicazione cose semplici così non tutti i problemi sono imputabili alla mala gestione. Se hanno previsto la costruzione di nuove sale razionalizzano le attività teocratiche, di solito accorpando sale con vantaggi per tutti. I sogni si realizzano se si desiderano pregate Geova farà il resto.

    RispondiElimina
  9. Capitan_Kirk codivido in toto il tuo pensiero, alle voci di corridoio a me pervenute se risultassero vere, indicherebbero che la WTS ha acquistato un edificio fatiscente ,con strutture portanti da rinforzare, ma rinforzare le strutture portanti di un palazzo, potrebbe verificarsi ciò che succede a un castello di sabbia fatto in riva al mare. I cosiddetti nostri architetti, ingegneri, geologi dov'erano? O sono stati interpellati a cose fatte, e a cose fatte hanno saputo che era zona sismica? Come menzionato nel blog c'è Matteo 24:14 e i fratelli e sorelle sono convinti che tutto va bene. Se queste dritte verrebbero confermate ci vuole il progetto per rinforzare la struttura i tempi di approvazione, altro che il 2021. si era fatto meglio a farla nuova la nuova bettel; tanto la manodopera è gratuita.

    RispondiElimina

Grazie per il commento.

Chatteria