giovedì 20 settembre 2018

Esperienze teocratiche - Le pecore smarrite

Immagine correlata




GUALDO TADINO , 19 settembre, 2018 / 4:00 PM (ACI Stampa)-

In una calda estate due turisti si avventurano nella bella e soleggiata campagna del Moranese. Camminando lungo i campi dorati di grano incontrano casolari diroccati e disabitati. Quando improvvisamente ne avvistano uno dove si intravedono segni di vita. Circondato da una staccionata, qualche pecora che pascola poco più in là, una stalla da dove arrivano muggiti, ed una modesta casetta con la porta d’ingresso aperta. Qualche gallina e qualche oca razzolano nell’aia e alla vista dei due scappano lasciando piume e grida.

I due rassicurati da questa immagine bucolico provano a bussare. Si presenta all’ uscio una donnetta minuta e risoluta, con un camicione e un grembiulone annodato dietro la schiena, i capelli raccolti in un fazzoletto legato alla nuca e le mani infarinate: “ Chi siete, che volete?” domanda incuriosita e anche stizzita. “ Siamo testimoni di Geova alla ricerca di pecorelle smarrite” rispondono i due.

La donna allarmata va verso la stalla urlando: “ Gustavo, corri, ci sono due di Genova che hanno perso le pecore!” “ Che c’è?” risponde dalla stalla un vocione sgraziato. Sulla soglia compare un omaccione basso e tarchiato con dei pantalonacci larghi e sudici tenuti su da due bretellone sfilacciate, una maglia colorita dagli aloni di sudore, e pochi capelli irti che da tempo non provavano il piacere del sapone.

Emanava uno strano odore misto a puzza di stalla e sporcizia personale. “Curre, vien’ò, sti due so di Genova e s’enno persi le pecore” ripete la moglie in dialetto. “ E che c’entramo noijarti? Ste bestie so’ tutte nostre”.

I due “turisti” si rendono conto dell’ equivoco creato e della inquietudine creata in quei due poveri contadini, e cercano di rimediare: “ Non siamo di Genova, ma siamo Testimoni di Geova, e andiamo nel mondo alla ricerca delle pecorelle smarrite”. “ Sentite ’n po’- risponde il contadino- io non so chi è sto ….di Geova, ma si volete potete restà a magnà con nojialtri!” - “ Si- aggiunge la donna- sto a stenne lo sfoio de pasta. Oggi magnamo le taiatelle col sugo de oca”.

I due “turisti” si guardano in faccia e capiscono che è assolutamente inutile proseguire con discorsi filosofico-religiosi, e considerato che s’è fatta l’ora di pranzo, accettano di buon grado l’invito dei due contadini e trascorrono con loro una giornata serena.

15 commenti:

  1. Capitano, ma..., ho cliccato su Aci Stampa ma... non ho trovato la notizia, puoi postare il link per favore 😂😂🤣🤣

    RispondiElimina
    Risposte
    1. https://www.acistampa.com/story/storie-dun-tempo-la-semplicita-dellaccoglienza-9445

      Elimina
    2. 😂😂😂

      Elimina
  2. E io che pensavo che non era una storia vera 🤣🤣🤣

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra una anche a me una storia forzata... ma di incomprensioni in servizio sai quante? Comunque come tutti i miti penso che abbiano una parte di verità e in quella parte vera penso che i fratelli si siano davvero fermati. Anche a me in territorio rurale è capitata una esperienza simile.

      Elimina
  3. Strano sia una storia vera, questa storia con la frase: "Siamo Testimoni di Geova alla ricerca delle pecorelle smarrite" con tutto il seguito di divertenti incomprensioni girava da quando ero bambino in contesti sempre diversi, alla porta, al citofono, in campagna, con la padrona di casa affacciata alla finestra.....Ha le connotazioni proprie delle fake news di oggi. Però divertente!

    RispondiElimina
  4. Si anche a me è sembrata un po’ forzata però è divertente. Ma se ci pensi bene di incomprensioni simili tutti li abbiamo vissuti.
    Perché a te dopo aver suonato non ti hanno mai risposto “non c’è nessuno”

    RispondiElimina
  5. No Capitano a me hanno risposto un secondo dopo aver suonato da dietro la porta (ma proprio attaccati)che erano sotto la doccia.


    La gente mette il bagno in posti assurdi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Accccc Gamma anche a me mi hanno detto che erano sotto la doccia... ma io ho risposto "non si preoccupi allora ritorno in un altro momento più opportuno" vuoi dire che non c'era la doccia dietro la porta????

      Elimina
  6. In una trasmissione televisiva di pochi giorni fa facevano vedere i commenti sui social alla notizia che i politici vogliono il crocifisso in tutte le aule pubbliche. Uno commentava: "io sono testimone di Geova, posso avere il citofono?" - ovviamente è una presa in giro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lucioooooo mi hai fatto sbisciare dal ridere.... :D:D:D:D:D:D

      Elimina
  7. Signora che annuncia dalla finestra: "Non c'è nessuno!"
    "Acc, meno male che non son passato!" Rispose il fratello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho combinato anche questa ma non era alla finestra sono al top delle barzellette 😂😂😂 non vi dico l’espressione del mio compagno...

      Credo però di essere sotto al fratello Andreotti 😂😂

      Elimina
  8. A me ma ha aperto una bambina,che canditamente mi ha detto:Mi ha detto mamma
    che non c'è.........Allora se non c'è,quando torna,digli che siamo passati e non l'abbiamo trovata e non si lasciano le bambine piccole da sole.

    RispondiElimina
  9. Ricordate la rivista che in copertina parlava della regola aurea?
    Una sorella la presentava con una domanda, ma sbagliando la pronuncia esordiva:" cosa ne pensa dell'AURELIA?"

    Ma la risposta di un padrone di casa completò il quadro.."Ma guardi, sono arrivato ieri sera percorrendola e non ho trovato molto traffico!"

    RispondiElimina

Grazie per il commento.