Translate

Cerca nel blog

mercoledì 4 aprile 2018

Il dramma della privacy

Cari fratelli

La maggioranza della fratellanza nella giornata di domani che è Giovedi riceverà all'adunanza un documento da firmare. E’ un normalissimo documento per il trattamento dei dati personali ed avrà questo formato


 

Questo documento consente alla struttura teocratica di poter utilizzare i nostri dati. Quale è lo scopo? In parte il documento lo svela  fra le righe si legge "al fine di partecipare ad alcune attività religiose legate alla mia fede e per ricevere assistenza spirituale". 

Già da queste poche righe si percepisce come questa privacy in realtà includa molto altro. Nella circolare c'è la dichiarazione di intenti. Dichiarazione di intenti che facciamo molta fatica a comprendere e attuare considerando i precetti che compaiono nella circolare allegata



















I tre punti che indicano la finalità del documento sono:

1 Il proclamatore viene informato dovutamente da parte dell'organizzazione dell'utilizzo dei suoi dati personali

2 Il proclamatore viene messo a conoscenza delle informazioni sulla pagina Trattamento dei dati personali della sezione informativa sulla privacy di Jw.org. (Link privacy ufficiale)

3 Il proclamatore può dare il suo consenso all'utilizzo e trasferimento dei suoi dati personali per determinate attività religiose.

Come è facile notare tutti e tre i punti presentano alcune lacune implementative che facciamo fatica a comprendere. Perchè il proclamatore non viene informato ufficialmente dall'organizzazione? Ad esempio perchè la fratellanza deve venire in questo sito per scoprire il link sulla privacy? 

Ma non finisce qui perchè abbiamo qualche ulteriore interessante aspetto relativo al rifiuto del consenso. La circolare ci aiuta a comprendere meglio





















Come si può notare rifiutare il consenso alla privacy avrà delle conseguenze importanti che potrebbero diventare un dramma per chi ha già incarichi o per chi ha intenzione di fare carriera teocratica. In questo caso gli anziani dovranno rendere noto al proclamatore che senza il consenso non sarà possibile essere valutato per svolgere determinati ruoli nella congregazione come ad esempio il pioniere regolare servitore di ministero o anziano. Non sarà più possibile utilizzare il nome sulla tabella informazioni quindi pare anche l'impossibilità di partecipare alla scuola. 

Ci asteniamo dal dare giudizi di merito definitivi anche se questi aspetti in particolar modo quelli legati alla circolare lasciano molti dubbi. Per alcuni questa è una opportunità per altri lascia il tempo che trova. Onestamente ad una sommaria analisi considerando gli incarichi solo mansioni organizzative non vediamo compromessi spirituali per chi decidesse di firmare. 


83 commenti:

  1. Quella frasetta: "Per ricevere assistenza spirituale" mi sa tanto che includa il consenso a utilizzare il proprio nome in caso di riprensioni pubbliche ed annunci di disassociazione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto come si stanno mettendo le cose e' meglio soprassedere e non firmare niente,così la palla passa agli anziani e a chi li istruisce al riguardo,lasciamo la patata bollente a loro,così il potere di dominare sulla vita degli altri sarà ridotto e più rischioso,
      sempre per loro però.

      Elimina
  2. Di sicuro il mio consenso non l avranno 😂

    RispondiElimina
  3. Sarebbe interessante sapere come reagiscono i fratelli al riguardo,anche se la stragrande maggioranza firmerà ad occhi chiusi,fidandosi
    ciecamente che questa è una disposizione che vuole Geova,per il bene del suo popolo.
    Guai a chi non darà il consenso,sarà sempre visto come una mosca bianca da tenere sottocchio,uno che non accette l'autorità di chi è
    preposto a farlo,ma la domanda è,chi lo ha preposto?
    Dio o l'uomo?
    Personalmente sono per la seconda,non so voi.........

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, un po come le votazioni alla bulgara. La maggioranza manco capisce per cosa ha alzato la mano.
      Mi sa che mi toccherà fare la mosca bianca..

      Elimina
  4. Quella sul trattamento dei dati è una Decreto legislativo del 30 giugno 2003, n. 196
    (CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI)

    Quello che mi lascia perplesso e la frase nella lettara inviata agli anziani che dice:

    "Il mancato rispetto della normativa può danneggiare l’immagine dell’organizzazione e comportare il pagamento di ingenti sanzioni e/o il rischio di incorrere in procedimenti legali contro l’organizzazione
    o singole persone (Rom. 13:1)"

    1) Ne deduco che dal 2003 fino ad oggi i TdG non hanno ubbidito alle autotità superiori in ottemperanza a Rom. 13:1.

    2) Abbiamo quindi un'immagine che può essere danneggiata?

    Per quanto riguarda la dichiarazione da firmare sul trattamento dei dati, tra contratti telefonici, gas, luce, banca, assicurazioni, ecc. aggiungerne un'altra liberatoria non cambia molto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un amico mi mandò una lettera standard da spedire agli anziani formulata da un legale.
      Tra le richieste c'era proprio la diffida a usare i propri dati personali, incluso fare il proprio nome dal podio.
      Quindi firmando la liberatoria vengono autorizzati a fare per es un annuncio di dissociazione.
      Mi sa che lettere simili comincino ad arrivare e per questo si sono svegliati adesso sul problema del consenso.
      Leggendo tra le righe dell'informativa intanto dice che non si è obbligati a dare il consenso MA se si nega saranno tolti i privilegi e dovremo aspettarci la visitina pastorale.

      Elimina
    2. Si...invece cambia, anche molto. Ammettiamo che io viva nella congregazione × e abbia subito un comitato per un peccato y. Se mi trasferisco di congregazione i documenti di quel comitato si trasferiranno di mano, passando dalla congregazione x alla congregazione z, aumentando il numero delle persone che saranno a conoscenza del mio passato....
      Se non firmò il consenso , forse questo spostamento di informazioni personalissime non potrà avvenire.
      Giusto?

      Elimina
  5. C'è sempre la possibilità di ritirare il consenso al trattamento dei dati personali se si inizia ad avere noie con gli anziani. A questo punto sarà palese che se fanno il vostro nome in un contesto pubblico violano la vostra privacy.

    RispondiElimina
  6. Ed ecco che 1 timoteo 3:2 diventa: il sorvegliante perciò deve firmare il consenso alla privacy per il trattamento dei dati personali ...........😂😂😂😂😂

    RispondiElimina
  7. Tra l altro da me la parte di cosa succede se non si firma non è stata nemmeno menzionata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi questa circolare è stata letta solo in parte nella tua congregazione?
      Sono stati consegnati anche i moduli ad ogni singolo fratello/sorella?

      Elimina
    2. Perché o si firma o si firma,non sono contemplati astensioni al riguardo,
      è tutto preso per scontato che tutti firmino e zitti.......come sempre,mai mettere in dubbio l'operato degli anziani o chi per loro,chi mette in dubbio viene messo alla berlina e tacciato di idee apostate e ribelle.
      Dio c'è ne scampi e liberi da questi ominuccoli e saltimbanchi.

      Elimina
    3. Mika, quando parli di omuncoli e saltimbanchi, a chi ti riferisci? Ad anziani e CO? Perché la circolare non l hanno mica (😂) scritta loro.
      La circolare viene dal nostro caro Corpo dirigente che non vuole avere rogne con gli stati e chiede alle filiali di adeguarsi alle leggi statali.
      Ora questa deliberatoria, in effetti non cambierà nulla nelle varie operazioni compiute da anziani &co con i nostri dati. Perché loro da sempre hanno avuto piena libertà di fare con i nostri dati sensibili tutto ciò che vogliono. Il tuo nome con la tua storia potrebbe già essere tra gli archivi della filiale e tu neppure lo sapresti.
      La circolare, piuttosto rende noto ciò a cui molti di noi non avevano mai pensato: all interno dell organizzazione siamo soggetti pubblici che non hanno diritto ad alcuna privacy.
      Sono felice di non essere più all interno dell organizzazione perche questa deliberatoria non l avrei mai e poi mai firmata, e ancor meno avrei dato ad estranei la possibilità di gestire i dati dei miei figli minorenni.

      Elimina
    4. Ho letto alcune info sulla privacy. Le geggi precedenti non richiedevano liberatoria alle associazioni volontarie non a scopo di lucro per scopi interni.
      A maggio ci saranno nuove leggi sulla privacy e probabilmente questo è un adeguamento necessario.
      Il fatto che questi dati vengano poi autorizzati a passarli anche all'estero con leggi diverse, che ogni successivo cambiamento venga già autorizzato con la firma, non mi piace.
      Però resta interessante che ci sia la possibilità di annullare l'autorizzazione data in ogni momento.

      Elimina
    5. Faith,gli ominuccoli e saltimbanchi,sono tutti coloro che in ogni loro rango e posizione non si lasciano guidare dalla loro coscienza e dalle scritture,ma pretendono che gli altri ubbidiscano ciecamente alle disposizioni umane,spacciate per celesti,e
      poi loro invece fanno e agiscono di testa propria,caricando sulle spalle dei fratelli pesi, che loro non si sogneranno mai di portare,perché consapevoli che sono gravosi e inutili,non volendo riconoscere che ne renderanno conto amaramente.

      Elimina
  8. Non tutto il male vien per nuocere . Voglio vedere come fanno a farti un comitato giudiziario se non hanno la liberatoria ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo, benvenuto. Potresti metterti un nik per favore?

      Elimina
  9. Scusate , avevo troppa voglia di commentare ... Adesso nom sono più anonimo ...

    RispondiElimina
  10. E dopo la WTS cosa inventerà?Ma...............................

    RispondiElimina
  11. La richiesta di consenso all'uso dei dati personali non sarebbe di per se sbagliata, ogni azienda che si rispetti deve attenersi a questo obbligo, e fin qui niente di strano.
    Colpisce però il forte ritardo all'adeguamento da parte di chi fa un vanto del rispetto delle leggi e della onestà in ogni cosa, se fosse così sarebbe stato giusto prestare attenzione ai dati dei membri senza necessità di un obbligo da parte dello stato, visto che tu WTS a differenza dello stato ritieni di essere migliore e guidata dalla spirito santo dovresti anticipare e non rincorrere le norme di buon senso.
    Ma colpisce anche come è stato redatto il testo del modulo di consenso, perché non usarne uno di tipo standard semplicemente applicato agli scopi di comunicazione, istruzione e condivisione spirituale della comunità, ma perchè farne uno così particolare?
    Se leggiamo un qualsiasi modello standard di consenso al trattamento dei dati di una azienda traspare subito lo spirito che c'è dietro, ovvero mi devi mettere in condizione di lavorare quindi mi permetti di usare i tuoi dati, ma tranquillo i dati sono tuoi ed io li gestirò con attenzione e rispetto, non andrò oltre il mandato che mi hai conferito, ti permetto di porre delle condizioni all'uso che ne faccio (trasferimento a terzi o no ad esempio) e potrai revocare o modificare il mandato in qualunque momento “sopratutto se i termini del contratto dovessero cambiare”.
    Quale spirtito traspare dal modulo della WTS? La solita spocchiosa spavalderia di chi si crede più furbo dei furbi e al di sopra di ciò che è eticamente corretto. Quali interessi vanno salvaguardati? Non i nostri ma come recita testuale i modulo “i suoi legittimi interessi religiosi”
    Cosa ti chiedono di fare con i tuoi dati? Non solo le normali attività e comunicazioni ma anche “l'assistenza spirituale” che in teocratichese significa che posso infilare il naso nei tuoi affari personali e/o familiari anche se tu non mi hai chiesto aiuto, che posso mandarti i membri del comitato sanitario ad investigare se per debolezza spirituale non hai rispettato la direttiva dell'Organizzazione sul rifiuto delle emotrasfusioni, che a prescindere dalla legittimità o meno di quello che vado a giudicare posso farti un comitato giudiziario (che ora la Filiale cataloga ufficialmente con una espressione più soft di “disciplina spirtuale”) e tu non potrai più denunciarmi.
    Il modulo è assurdo anche nell'ultima parte che dice che il consenso resta valido “anche a seguito di successive modifiche”. Tanto vale firmare un assegno in bianco e la cifra la metto io come mi pare.
    Ma lo scopo vero di tutto questo non è il rispetto della privacy mia o vostra, lo scopo non lo dobbiamo immaginare, viene esplicitato nel modulo che spiega il "consenso made in WTS", consegnato però solo agli anziani, al paragrafo 2 dice testualmente che altrimenti si potrebbe “danneggiare l'immagine dell'organizzazione e comportare il pagamento di ingenti sanzioni” oltre che portare a procedimenti legali.
    I soldi e l'immagine non la correttezza verso gli altri è la molla vera, il che non mi meraviglia perché si tratta della stessa molla che spinge qualsiasi azienda del cosidetto mondo di Satana.
    Personalmente, finché sarò parte della congregazione, darò il mio consenso all'uso dei dati per le normali comunicazioni e lo svolgimento delle attività religiose cancellerò la dicitura “assistenza spirituale” perché se la vorrò la chiederò al momento e l'ultima parte relativa al consenso al buio perché in caso di modifiche me lo devi dire prima e il consenso attuale decade automaticamente.

    RispondiElimina
  12. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  13. http://palermo.repubblica.it/cronaca/2018/04/06/news/fece_trasfusione_a_una_testimone_di_geova_medico_condannato_per_violenza_privata-193180294/?refresh_ce

    É totalmente off topic, ma non sapevo dove metterlo.

    RispondiElimina
  14. Gamma codivido il tuo pensiero ma la mia domanda è possso cancelllare i punti da te citati e rimanere anziano di cogregazione o servore di ministero,o pioniere,o essere iscritto alla scuola ,o aspirare a tali privileggi?dal momento che nepure in nome di chi rifiuta di firmare non deve comparire sulla `tabella informazioni`?

    RispondiElimina
  15. Virgilio rispondo volentieri al tuo quesito. E' chiaro che se io non concedo l'autorizzazione all'uso dei miei dati, a parte essere presente alle adunanze non potrei fare molto altro. Ma la mia idea è quella di dare il consenso, ci mancherebbe, solo con dei limiti che riguardano l'assistenza spirituale, che non ti autorizzo in automatico e chiederò io di volta in volta, e con il limite che se le cose cambiano non autorizzo automaticamente le modifiche alla politica di gestione della privacy, prima mi avvisi del cambiamento e poi io decido se accettarlo o meno, cosa che viene fatta da tutte le aziende (se avete un conto bancario o un contratto telefonico, normalmente vi avvisano per tempo se vi sono cambiamenti e vi danno la possibilità di continuare o sospendere il rapporto). Se questa operazione della WTS è trasparente e senza secondi fini non vi saranno obiezioni a questa modifica che non impedisce il rapporto con il proclamatore, se si dovessero impuntare rispondendo che o autorizzi tutto o niente allora sarà evidente che è l'ennesimo gioco sporco della WTS che bada solo ai propri interessi a danno dei poveri fratelli e sorelle che gli vanno dietro-

    RispondiElimina
  16. ... ecco: "Il marchio" di Rivelazione 13:16.

    Emanuel

    RispondiElimina
  17. Ti ringrazio Gamma della tua risposta ,sei veramente un caro fratello.un caro saluto a te ,e a tutti gli altri fratelli e sorelle che commentano .

    RispondiElimina
  18. Non so se qualcuno a letto con attenzione il punto.4. Ecco cosa dice:

    4. Un anziano inviterà il proclamatore, oppure il genitore o il tutore di un proclamatore minorenne, a compilare il modulo Consenso al trattamento dei dati personali (S-290) nei seguenti casi:

    (1) Una persona viene approvata come proclamatore non battezzato

    (2) Un proclamatore (battezzato o non battezzato) si trasferisce nella congregazione e con la lettera di presentazione non si riceve un modulo di consenso firmato

    (3) Una persona viene riattivata o riassociata come Testimone di Geova, a prescindere dal fatto che abbia firmato in precedenza un modulo di consenso o meno

    Quindi coloro che saranno invitati a firmare il modo sono tre categorie di persone:
    chi diventa pr. non battezzato
    un pr. che si trasferisce in un'altra congregazione
    chi viene riattivato o riassociato

    Domanda: ma allora tutti quelli che sono diventati pr.(battezzati o non battezzati) prima dell'entrata in vigore di questa normativa non saranno invitati a firmare il modulo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. probabilmente non è retroattiva, a meno che dopo il 25 maggio, tu non ritiri il consenso anche dato con le vecchie norme. In tal caso saresti obbligato (penso) al rapporto in forma anonima. Bisogna capire la legge e capire il motivo perchè pongono la questione in questi termini

      (Salvo)

      Elimina
    2. Chi avesse informazioni più certe riguardo la domanda posta da Antonio, per favore risponda!

      Elimina
  19. Gamma, tu dici che la tua idea è quella senza dubbio di sottoscrivere il documento. Ma ti riservi la facoltà di scegliere se e quando richiedere l'assistenza spirituale. Credimi, o accetti tutto o non accetti niente. Perché se tu imponi clausole sull'assistenza spirituale stai dicendo in altre parole che decidi tu se e quando gli anziani possono "interessarsi" della tua spiritualità. Ciò denoterebbe mancanza di fiducia nei pastori da Geova "costituiti" per la tua salvaguardia, e dunque, saresti passibile di visita pastorale anche tu...o mi sbaglio?

    RispondiElimina
  20. Caro Ieu quando io mi sono battezzato le domande del battesimo erano queste o simili, riconosci Geova ....riconosci Gesu come suo unico figlio e riscatatore , e di lasciarti guidare dallo spirito santo di Dio?a queste domande si rispondeva di si e si veniva batezati, domande totalmente diverse dal battesimo.Anziani di congregazione, servitori di ministero? e chi li conosceva ? e ora fratelli e sorelle come me si trovano a essere visitati ,che in confronto sono ragazini ,che potrebbero essere nostri figli o nipoti, solo perche non si firma il consenso alla praivasi, non permetendo ad altri di interferire con la nostra spiritualità.non farmici pensare .non so cosa faro ma condivido in pieno ilpensiero del fratello Gamma.

    RispondiElimina
  21. A me viene da pensare che questa richiesta possa essere soloun modo per proteggersi non tanto dalla legge, ma guarda un po.....dai possibili fratelli che hanno denunciato la Wts per aver usato i loro dati o il loro nome, senza avere avuto in mano un consenso firmato.
    Questo legalmente li renderebbe in teoria perseguibili ...
    Ricordo però un caso in cui un fratello chiese alla betel i suoi dati citando un articolo di legge. Gli restituirono solo la classica cartolina con cui ê schedato ogni proclamatore, citando a loro volta un articolo di legge che consentiva loro di tenersi i dati richiesti.

    Personalmente ritengo questa richiesta macchiavellica e inaccettabile. Mi pare un modo per vedere chi sono i reticenti che non firmeranno e agire contro di loro..É evidente che sta solo cercando di pararsi da eventuali problemi secondo me già venuti fuori...indi per cui ecco pronta la richiesta..

    La sicurezza per i fratelli a questo punto mi pare molto molto compromessa.

    Nel periodo di guerra durante le persecuzioni, vari fratelli sono morti pur di non rivelare i nomi di altri fratelli.
    Con questo sistema, direi che viene alquanto facilitalo lo scovamento dei fratelli in caso di avversità, o sbaglio?
    Nome e indirizzi completi di chiunque....meglio di così. ...

    Ma se avessero seguito il modello iniziale radunandosi nelle case, ma quanti problemi e situazioni assurde si sarebbero evitate?

    Fortuna che in sala non vado e non avranno il mio scalpo!


    RispondiElimina
  22. Caro Ieu hai ragione quando dici o accetti tutto o non accetti nulla, questo è quello che temo mi si dirà e questo è proprio quello che rivelerà le vere motivazioni di questa manovra sulla privacy, come spiegavo sopra. Quanto all'aiuto spirituale, sì sono io che decido di riceverlo e sono io che nel caso lo rifiuto, l'esistenza dei pastori serve a dare aiuto a chi ne ha bisogno e lo desidera non a forzare gli altri altrimenti da aiuto si trasforma in abuso. Non sto' dicendo che un adultero o un ladro o un abusatore di minori vadano lasciati nella congregazione senza che i pastori possano fare nulla, ma sia io che te sappiamo bene cosa si intende con la parola "aiuto spirituale" di quel modulo. Gli abusatori saranno lasciati al loro posto per la regola dei due testimoni e perché ci ostiniamo a negare l'evidenza e i soggetti a quell'aiuto saranno i non allineati con l'organizzazione, anche se non hanno commesso alcun peccato o reato. Io sono un "pastore", come si dice, e proprio per questo, proprio perché so' come vengono oggi "costituiti" tantissimi pastori, proprio perché so' di che pastori va in cerca l'organizzazione e proprio perché vedo che quelli che si interessano veramente dei fratelli sono pochi e vessati che non mi fido a farmi curare in automatico dal primo che passa.
    La legge da diritto al malato di accettare o rifiutare un trattamento sanitario, la WTS dice che i TdG hanno diritto, a prescindere da quello che ritengono medici esperti, di accettare o rifiutare un trattamento medico. In modo simile credo di avere diritto di decidere se e da chi farmi curare spiritualmente, se questo mi costerà qualcosa vorrà dire che per me è arrivato il tempo

    RispondiElimina
  23. Cari tutti. Io sono assolutamente con voi e con i vostri pensieri che avete espresso. Non saprei aggiungere altro. Il mio era solo un intervento per ricordare che quel documento è stato compilato per essere "volontariamente" accettato in tutte le sue parti. Insomma, avete capito cosa intendo. La nostra struttura organizzativa è assolutamente blindata ed ermeticamente sigillata. Non permette un minimo di contenzioso. Non permette di esprimere alcun parere diverso da quanto già stabilito dall'alto. Perché ognuno di noi deve assumere che tutto ciò che viene provveduto dall' alto è pensato per il nostro bene e non può essere modificato in nessuna parte perché sta già bene così. Punto. Ogni minima variazione sul tema viene identificata come tentativo di destabilizzazione del cibo provveduto da Dio attraverso il suo canale visibile.
    Fatta questa divagazione, mi chiedo realmente cosa fare di fronte a questo documento in discussione. Come comportarci? Qua ci vuole il parere di un esperto. Magari un legale possibilmente fratello nostro, che possa, nella sua disamina, tenero conto degli aspetti legali e "teocratici" della faccenda. ..

    RispondiElimina
  24. Ma scusate prima di questo consenso la Wts non ha tenuto registrazioni a piacimento, fatto visite pastorali e comitati a piacimento, cosa cambia ora? Resta tutto come prima, ma firmando il consenso non potrai intentare un'azione legale con la speranza di ottenere un risultato...

    È prevista la possibilità di rifiutarsi di firmare ma è più che evidente che in questo modo si uscirebbe allo scoperto ... e la Betel avrebbe un elenco dei dissidenti ...

    Non firmare sarebbe come firmare che sei consapevole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse è un rischio che si dovrebbe correre,ma tutti insieme,come una class action............

      Elimina
    2. Mika, dai, non siamo mica a scuola...."o entriamo tutti o nessuno"!
      Non sono abituata a far parte della massa: questo aspetto del mio carattere lo devo certamente all educazione da tdg che ho ricevuto. Non firmerò semplicemente perché altri cento, mille, un milione firmeranno. Non esiste proprio. Perché così sarà :firmeranno tutti, indistintamente. C é chi firmerà perché si fida ciecamente dell organizzazione, chi firmerà perché nemmeno capisce ciò che gli viene richiesto, chi capisce e pensa " tanto che cambia"...e poi ci siamo noi consapevoli...firmeremo? Dipende dall indirizzo che vogliamo dare alla nostra vita.
      Io non solo non firmerò, se mi sarà richiesto, ma vista l opportunità, revochero il consenso al trattamento dei miei dati che tacitamente avevo concesso all organizzazione nel momento del mio battesimo ...

      Elimina
    3. Tommaso non firmare non vuol dire affermare di essere un consapevole ma semplicemente non accetto che i miei dati vengano forniti a società terze di altre nazioni e soprattutto non accetto di firmare assegni in bianco per regole postconsenso.a la dignità ci è rimasta? Quanti nominati abbasseranno la testa costringendo i familiari a firmare pur di salire quello scalino?

      Elimina
    4. Gorizio mi auguro di sbagliarmi, vedremo come si evolverà la questione, forse è solo un fuoco di paglia...

      Elimina
    5. Grazie per non aver pubblicato il mio commento,avevo solo risposto a Faith,non credo di aver offeso nessuno...........

      Elimina
    6. @MiKa, non ho trovato alcun commento. Forse non è arrivato.

      Elimina
    7. Va bene Osservatore,in linea di massima avevo detto a Faith che lo so che non siamo a scuola,però supponiamo che un intera congregazione,partendo dai nominati non firmasse alcun consenso,e questo lo farebbero in più congregazioni,che accadrebbe?
      Chiuderebbero la baracca?Cosa si inventerebbero?
      E comunque,come avevo commentato sopra,sono certo che la stragrande maggioranza firmerà da bravi scolaretti, senza mettere in dubbio il motivo di questo documento.
      Poi avevo fatto un appunto a tutti quelli inattivi o disassociati o ex per scelta,e' facile dire io non firmo e non mi adeguo,ma per il povero e consapevole proclamatore,bisogna usare empatia e capire che qualsiasi scelta faccia,nel bene o nel male al momento opportuno,gli si rivolterà contro,volente o non volente.
      Vediamo con il tempo se questa scelta si rivolterà contro, a chi pensa di dirigere la baracca,perché nominato dallo spirito santo,il tempo e' galantuomo e il Padre Celeste non si può continuare a prendere in giro per ancora molto tempo.

      Elimina
    8. Ciao Mika. Ciò che tu proponi é in effetti il mio sogno da circa un anno: intere congregazioni che si risvegliano, guidate da anziani che desiderano solo aiutare e servire i fratelli. Un sogno, appunto.
      Credo cmq che forse ci stiamo scaldando un Po troppo. Sembra infatti che solo a coloro che diventeranno da ora in avanti proclamatori,o si battezzeranno, o saranno riattivati/riasssociati, sarà chiesto di firmare la liberatoria.
      Tutti gli altri, forse , avendo concesso i propri dati consegnando il primo rapportino, hanno tacitamente ,in quel momento, dato l assenso al trattamento degli stessi. A questi quindi, forse non verrà richiesta alcuna firma su alcun documento.
      Ad ogni modo l organizzazione sta soltanto attenendosi alle nuove normative europee: non ha scelto di intraprendere questa strada, é costretta a farlo.
      Concedondogli i nostri dati, cmq, l organizzazione non avrà su noi un potere maggiore di quanto ne avesse in precedenza.

      Elimina
    9. Be' Faith,non avranno un potere maggiore di prima può darsi,ma forse a chi non firma non potranno fare nessun comitato o annuncio di dissociazione.
      Lasciamo che il tempo faccia luce su questa normativa europea e sia di insegnamento a chi di dovere,speriamo,io me lo auguro.

      Elimina
    10. No purtroppo chiedono la firma a tutti e mi si prospettano giorni difficili prossimamente...

      Elimina
  25. Allora? Anche se non siamo d'accordo firmiamo, e non ci mettiamo nell'elenco dei dissidenti. ........

    RispondiElimina
  26. Anche i miei figli a scuola hanno dovuto firmare il nuovo documento sulla privacy. Fa parte della nuova legge europea in questione di protezione dei dati sensibili. Questo tutela tutti noi e responsabilizza maggiormente le organizzazioni. Quindi tranquilli fratelli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sandy, se sei tranquilla siamo contenti per te ma le cose non si possono liquidare con questa superficialità. Il nuovo regolamento europeo sulla privacy recepisce molte delle norme della legislazione italiana in materia ma ne amplia i campi di applicazione. Ad esempio nel caso delle confessioni religiose queste ultime non sono tenute a chiedere sempre il consenso per tutti i tipi di dati agli aderenti (esempio i dati di chi è stato battezzato nella Chiesa Cattolica restano sempre registrati a prescindere)
      Vedere sul sito del Garante della privacy "Stato di attuazione della legge n. 675/1996 e nodi da affrontare - Relazione 1999 - 3 maggio 2000" e "Autorizzazione n. 3/2016 - Autorizzazione al trattamento dei dati sensibili da parte degli organismi di tipo associativo e delle fondazioni - 15 dicembre 2016
      (Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 303 del 29 dicembre 2016)".
      L'entrata in vigore delle norme europee rendono necessaria la richiesta esplicita in molti più casi del passato soprattutto nel caso dei minori e rendono molto più rigido l'obbligo della cancellazione dei dati (tutti) da chi lo richiede. Questo non è in discussione, ed è giusto che anche la WTS si adegui. Ma nel regolamento europeo non c'è traccia ne degli "aspetti di cura spirituale" ne i nebulosi rimandi alla pagina del sito jw, ne cenni al fatto che se cambiano le regole io debba autorizzare fin d'ora anche le successive modifiche, ne che se non concedo tutte le autorizzazioni non possa fare l'anziano o il pioniere, queste sono aggiunte che nulla hanno a che vedere con la legge europea. Perciò per piacere non facciamo disinformazione, se vogliamo chiudere gli occhi, padroni di farlo ma non induciamo un falso senso di tranquillità nei fratelli perché questa sarebbe una grande colpa

      Elimina
    2. Ma guarda che non hanno dati come li ha Facebook o Google....ma solo dati per fini statistici .Non registrano tutto di te solo il rapporto se hai una nomina e roba del genere quindi é solo un polverone mediatico sul nulla

      Elimina
    3. Sandy la tua ingenuità fa tenerezza. Non hanno dati come Facebook? Non registrano tutto di te? Sei sicura di quello che dici? Hai mai visionato un archivio di congregazione? Qui ci sono molti anziani...chiedi a loro quali dati personali conservano nel loro archivio per almeno cinque anni...

      Elimina
    4. Il polverone non è mediatico perché i media non ne sanno nulla. Per il rapporto non è necessario dare l'assenso, c'è scritto sulla circolare. Ma credo che tu non abbia nemmeno letto il modulo e la circolare collegata. Auguri

      Elimina
    5. Ripeto è solo un polverone Google sa più cose di noi. Ci tracciano tutto. Ma
      con la tecnologia odierna è inevitabile. A meno che non si voglia tornare ai carri ed ai cavalli. Obiettivamente non riesco a capire questo polverone . Comunque sono pienamente d'accordo che l'organizzazione non è trasparente, su questo non ci piove!!
      Grazie comunque

      Elimina
  27. Ciao a tutti, Io sono fuori, ma quello che posso dire e che questo è un altro modo x controllarvi tutti e comandare sulla vostra vita. Loro sanno che posso tenere la cartolina e i rapporti come ente religioso... Loro stanno giocando sporco. Hanno ricevuto lettere da fratelli che si sono dissociati e hanno espressamente chiesto di non rendere pubblico il tutto proprio x la questione privacy. Firmando darete il permesso a queste canaglie di fare ciò che vogliono con la vostra vita e se avete figli minori metterete anche loro in questa situazione.
    Comitati giudiziari sono illegali esattamente come fu illegale quello che fecero a Gesù. Le domande che fanno, sono illegittime. E quando invece c sono peccati gravi come la pedofilia allora non fanno niente, anzi la vittima viene trattata come se fosse un peccatore.

    Svegliatevi, Dio non vuole questo... Queste persone non hanno niente di spirituale, pensano solo ai loro interessi e a come pararsi il fondo schiena.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SisterAct abbiamo chiesto più volte di rispettare la netiquette a chi partecipa ad Osservatore Teocratico. Rinnovo a tutti lo spirito del forum che ci ha preceduto in questo forum, i commenti possono essere sentiti anche coloriti sempre che non trascendano. Ci aspettiamo che tutti abbiano cura del proprio commento senza che i moderatori debbano intervenire. Termini ingiuriosi e offensivi non rendono un'opinione più vera. Grazie per la collaborazione che ci vorrai dare in futuro.

      Elimina
  28. Cari fratelli, questo è uno di quei casi in cui ciascuno porterà il proprio carico. Chi non frequenta ovviamente non si porrà il problema, ma sappiamo che tra noi ci sono anche altri modi di vivere la consapevolezza e situazioni soggettive che ci porteranno a prendere decisioni differenti con conseguenze differenti.
    Personalmente ho trovato molto interessante ascoltare i vari modi di vedere il problema e alla fine dovrò decidere il da farsi ma con maggiore chiarezza.

    In alcuni casi sembra che qualche zelante anziano abbia subito cercato di far sbrigativamente firmare il modulo in barba anche alle istruzioni che davano del tempo per leggere eventualmente le info.
    Nella mia congregazione sono stati più corretti e hanno lasciato un paio di settimane.

    Credo che tergiverserò finchè non verranno a trovarmi come da istruzioni per convincermi. Chiederò se è obbligatorio firmare, (la circolare chiariva di no) mostrerò la mia perplessità su alcuni aspetti e chiederò nel mio caso quali conseguenze prevedono.

    Posso dare un consenso parziale, per le normali attività di congregazione, ma non certo carta bianca come vorrebbero far firmare.
    Certo, sarò tra i "ribelli" ma tanto non sarebbe niente di nuovo, non ho incarichi e non aspiro ad averne.. ;)

    Credo sarà interessante ascoltare i chiarimenti che non chiariranno niente e informare con pacata cautela in cosa consiste in realtà questo documento.



    RispondiElimina
  29. Inoltre nel foglio in cui si dovrebbe firmare ce anche questa frase molto interessante: acconsento al trattamento dei miei dati personali come indicato in quella pagina(ovvero pagina del trattamento dei dati personali sul sito jw o in forma cartacea solo sotto richiesta) anche a seguito di successive modifiche.
    Mah. ......

    RispondiElimina
  30. Mi ripeto. Si può dare l'assenso e in caso di noie con gli anziani ritirare prontamente l'assenso con lettera raccomandata. Dite che non desiderate più il loro interessamento.
    A questo punto gli anziani saranno spiazzati, ci sono leggi per la privacy e pure contro gli stolker.
    Lo dico pure per esperienza, tutti gli anziani stanno diventando più prudenti e situazioni che un tempo sarebbero state prese di petto, ora languiscono per evitare noie legali.

    RispondiElimina
  31. Se volete saperne di più su cosa cambia nella normativa europea sul trattamento dei dati sensibili dal 25 maggio 2018:

    https://www.gdpr.net/regolamento-europeo-privacy-cosa-cambia/

    Interessante il diritto all'oblio.

    RispondiElimina
  32. VengodopoilCD8 aprile 2018 21:49

    Guardando un poco oltre, in effetti non credo che la firma di questo modulo sulla privacy sia di per sé un punto a favore della WTS. Credo invece si siano dovuti adeguare obtorto collo dopo tanti anni durante i quali hanno approfittato della più blanda normativa italiana alla quale non si sono realmente mai adeguati. Anche coloro che firmeranno possono quando vogliono ritirare il consenso e la Legge sarà comunque dalla loro parte. In sostanza, chiunque, volendo, potrà ora minacciare azioni legali ed evitare così un comitato giudiziario con il relativo annuncio di disassociazione. Buona notizia allora? No, ovviamente no. Esiste già l’ostracismo preventivo per tutti coloro che si macchiano del delitto di lesa maestà e osano anche solo mettere in dubbio l’autorità dei principini di Warwick. In una recente assemblea si è infatti sottolineato come non sia necessaria una disassociazione per ostracizzare qualcuno che non rispetta le regole del gioco. La mia previsione è quindi che si inasprirà questa pratica dell’ostracismo preventivo in assenza di disassociazione a partire da quelli che non firmano che saranno messi immediatamente in quarantena. La procedura è abbastanza semplice e l’ho sperimentata di persona. Gli anziani dovranno visitarti e ti faranno una serie di domande per testare il grado di fiducia o di sfiducia nella WTS. Credi che questa sia la sola organizzazione diretta dallo spirito di Dio? Hai fiducia nello “schiavo” e nei suoi rappresentanti? Riconosci che quando ti sei battezzato ti sei impegnato a lasciarti dirigere dall’organizzazione che a sua volta è diretta dallo spirito? Cose del genere....
    A quel punto, per tutti quelli che non risponderanno o daranno le risposte sbagliate, scatterà l’ostracismo preventivo attraverso il passaparola. Certo, non prevedo un clima piacevole all’interno delle congregazioni e questo non farà altro che accelerare il declino già in corso. Attenzione però.... l’elefante diventerà sempre più irascibile e geloso del suo territorio.

    RispondiElimina
  33. Da maggio 2018 entra in vigore una nuova normativa per la Privacy secondo la quale il trattamento di dati sensibili, ecco perche la WTS e' costretta a far firmare questa circolare. Ovvio che per la societa questo diventa una grossa seccatura, in quanto li espone piu facilmente a possibili infrazioni.

    RispondiElimina
  34. Per piacere cerchiamo di essere precisi nel dare informazioni. Tra chi dice che non c'è niente di strano nel modulo, chi dice che fanno firmare solo i nuovi si rischia di fare disinformazione impedendo di concentrarsi sulla realtà dei fatti. Di seguito riporto la sezione riservata agli anziani collegata al modulo Comunicazioni e Promemoria che normalmente trovate appeso nella tabella informazioni. Come vi si sta dicendo in tutti i modi il modulo viene distribuito a tutti e se non lo compili scatta l'allarme.
    Leggete un po' il testo e vedete da voi stessi:

    COMUNICAZIONI E PROMEMORIA
    Aprile 2018

    Per il coordinatore del corpo degli anziani: Le comunicazioni e i promemoria per la congregazione
    dovranno essere letti alla prossima adunanza infrasettimanale. Dopo di che dovranno essere affissi
    alla tabella delle informazioni per un mese.

    RISERVATO AGLI ANZIANI

    1. Trattamento dei dati personali: Il 25 maggio 2018 entrerà in vigore il Regolamento generale
    sulla protezione dei dati (GDPR). La normativa si applica al trattamento dei dati personali dei
    procla- matori da parte della congregazione. Tutti gli anziani dovranno immediatamente prendere
    visione del contenuto dei moduli Consenso al trattamento dei dati personali (S-290) e Istruzioni
    per il trattamen- to dei dati personali (S-291). Questi moduli sono disponibili nella sezione
    “Moduli” della scheda “Documenti” di jw.org. Per agire in conformità con il GDPR, procedete come
    indicato di seguito:
    • Per i sorveglianti dei gruppi: Al termine dell’adunanza in cui viene letto l’annuncio per la
    congregazione, consegnate una copia cartacea del modulo Consenso al trattamento dei dati personali
    a ciascun proclamatore del vostro gruppo. Per la distribuzione del modulo seguite le indicazioni
    riportate nelle Istruzioni per il trattamento dei dati personali. Si do- vrà chiedere a tutti
    quelli che ne riceveranno una copia di compilare il modulo di consenso e restituirlo a voi o al
    segretario entro il 18 maggio 2018.
    • Per il segretario: Informa il corpo degli anziani degli eventuali proclamatori che si rifiuta- no
    di compilare il modulo di consenso.


    Mi pare abbastanza chiaro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stanco e stufo9 aprile 2018 12:47

      Scialla Gamma..,che ti viene un embolia! .
      Se hai delle informazioni più precise dalle, ma senza fare il professore.
      I tipi che insegnano come te dobbiamo sopportarli già in congregazione...qui evitiamo di ergerci a dispensatori di verità incomprese dalla maggioranza ignara e ignorante.

      Elimina
    2. Non mi sembra che stia facendo il professore....ha solo cercato di far capire a chi aveva capito diversamente com'erano le cose....Non penso che qui ci sia gente che si sia offesa per una precisazione.

      Elimina
    3. @Stanco e stufo...........ok abbiamo capito il tuo stato d'animo,ma non buttare la croce addosso a Gamma,lui sta solo dicendo di fare chiarezza e non dire cose che non hanno nessuna base scritta,come da circolare allegata.
      Come disse Renzi a qualcuno tanto tempo fa "stai sereno" 😊

      Elimina
    4. @Stanco e stufo, non pubblicheremo il tuo ultimo commento perché oltre a non apportare niente di costruttivo alla discussione risulta inutilmente offensivo nei confronti di altri utenti.

      Elimina
  35. VengodopoilCD9 aprile 2018 13:38

    In questo campo, non l’unico peraltro, la WTS agisce per mera convenienza in base ad un semplice principio utilitaristico, vale a dire dopo una fredda analisi costi/benefici effettuata sotto la consulenza del reparto legale che all’atto pratico ha l’ultima parola in merito.

    Sotto la vigente legislazione italiana per la tutela della privacy il problema per la WTS si poneva solamente nel raro caso in cui qualche singolo fosse disposto ad intraprendere un’azione legale per la tutela dei propri diritti e al massimo quello che la vittima otteneva era di evitare una disassociazione annunciata pubblicamente e magari la restituzione della propria cartolina di proclamatore. Non mi risulta che la WTS abbia mai pagato qualcuno a titolo di risarcimento per violazione dei diritti sulla privacy in conseguenza di una sentenza dettata in un tribunale italiano.

    Con l’entrata in vigore della normativa europea, le cose cambiano abbastanza, almeno in teoria. L'autorità europea a garanzia della privacy ha infatti promesso di obbligare i singoli stati ad effettuare controlli anche in assenza di denunce di violazioni commesse. Quello menzionato di seguito potrebbe quindi essere uno scenario possibile dal 25 maggio in poi.

    Un’apposita sezione della Guardia di Finanza si presenta presso una qualsiasi Sala del Regno per un controllo, chiede di poter avere accesso all’archivio e di poter controllare il consenso firmato da parte dei membri della congregazione per il trattamento dei dati personali. Nel caso in cui non si possano esibire i documenti richiesti dalla nuova normativa, scatterebbero automaticamente la segnalazione e le conseguenti sanzioni. Nel caso in cui l’organizzazione non avesse fornito direttive scritte in merito, non sarebbe solamente la singola congregazione ad essere sanzionata, ma la WTS verrebbe messa sotto inchiesta a livello europeo per lo meno. Per questo nelle istruzioni agli anziani si parla di rischi legati all’immagine dell’organizzazione. Se le autorità europee dovessero rilevare un comportamento illegittimo da parte di un’organizazzione come la WTS rendendolo noto al pubblico, a quel punto chiunque potrebbe approfittarne per intraprendere un’azione legale, anche in forma di class action, avendo molte più possibilità di ricevere una sentenza favorevole e di ottenere il risarcimento del danno rispetto alla situazione attuale.

    L’adeguamento alla nuova normativa era quindi una strada obbligata per la WTS.

    Il modo poi in cui hanno redatto il modulo e reso disponibili solamente agli anziani certe informazioni nascondendole ai proclamatori, per non parlare delle azioni punitive e ricattatorie che verranno prese verso coloro che non firmeranno, fanno purtroppo parte di uno stile al quale la WTS ci ha tristemente abituato, soprattutto negli anni recenti.

    Per i fratelli e le sorelle consapevoli prevedo che diventerà sempre più difficile mantenere una posizione defilata, sperando di essere lasciati in pace. In fondo però credo che dentro di noi tutti quanti già sapessimo che le cose sarebbero andate in questo modo. Personalmente mi aspetto di molto peggio andando avanti.

    Avete mai visto un elefante arrabbiato e preso dal panico?

    https://m.youtube.com/watch?v=FWHudJXRnMI

    RispondiElimina
  36. scusate ,la WTS,è una soccietà formata da un determinto gruppo di persone,( 500 ?)di testimoni e non testimoni che ha un suo statuto.che dentro il quale è stato stabilito che una ben precisata categoria di persone ha il dirito di voto,che la stragrande maggioranza dei fratelli (compreso gli anziani di congregazione )ne sono alloscuro .Sono venuti a casa nostra parlandoci delle meraviliose promesse descritte nella bibbia , che si sarebbero realizzate tramite il nostro riscattatore Gesù.Avremmo conosciuto la verità che ci avrebbe resi libberi da false credenze.Eche fa pocchi anni si sarebbe attuato perchè la cronologia biblica indicava chiaramente che i 6000 anni dala creazione di adamo finivano nel 1975.la generarazione che aveva visto giadempimenti delle proffezie dal 1914 in poi quei pochi rimasti erano pochi. i morti sarebbeo stati risuscitati, e nei 1000 anni tutti compreso i risuscitati sarebbero stati portati alla perfezione ,lunica via di salvezza era di uscire da babilonia la grande l'impero della falsa religione che presto sarebbe stata distrutta seguita dalla distruzione di tutti i governi umani,e sarebbero rimasti solo i servitori di Geova .Andate ha leggere tutta la leteratura e i dscorsi cherano scritte e fatti innegiando al 1975.Fra di noi non ci sono regole ci veniva detto siamo tutti fratelli e come tali siamo informati tutti alla stessa maniera . non apparteniamo a una struttura,ma a Geova,e questo sembrava straordinariamente vero nei primi anni,poi lecose non si sono verificate ,la fine non è venuta ,la cristanità è sempre li i governi umanii son più potenti che mai . E noi habbiamo nominato anziani con i loro rispettivi incarchi,con la scuola per loro in cui fu fornito il primo ks seguito in seguito dal secondo ks da binare al primo e in seguito il ks che i nuovi anziani,conoscono,e sono incominciate le circolari anche queste solo per gli anziani,potrei aggiungere dell'altro ma mi fermo qui.tutto questo per porre una domanda,dato che al comune proclamatore gi viene nascosto tutto ciò e deve ubidire per approvare ciò che è stato decciso dall'alto per contribuire o mandare i soldi delle sue contribuzioni per Matteo 24:14,e ora firmare il consenso alla privacy come se fosse a conoscenza di tutto ciò che c'è dentro? Altro che libertà a me sembra cuasi dentro una gabbia senza via d'uscita costretti a mangiare e bere tutto ciò che ci viene fornito attraverso le sbarre della gabbia.@@@@@@@@@@queste dovrebbero essere delle facine

    RispondiElimina
  37. Scusate ma qualcuno l'ha ricevuto il documento da firmare sulla privacy? Dalle mie parti non ho ancora sentito nessuno che l'abbia avuto, ne io l'ho ricevuto..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui l'hanno dato da una settimana.

      Elimina
    2. @VDCD, magari quando ti sei ripreso ci spieghi qualcosa in più? ?

      Elimina
  38. Consiglio caldamente a tutti i consapevoli la visione di un film appena uscito. Il titolo è: “Come Sunday”. Al momento sono troppo scosso per spiegare le ragioni del mio suggerimento perché ho appena terminato di vederlo, ma le capirete benissimo da soli vedendolo.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm... ho risposto sopra.. sorry...

      Elimina
  39. Il film è uscito il 13 aprile ed è già disponibile in italiano su Netflix con il titolo: “Domenica”.

    RispondiElimina
  40. Collaborando con il comitato regionale di costruzione, come consulente, sagnalai una decina di anni fa il problema della privacy e di altri aspetti associativi e fiscali. Mi comunicarono che, avendo sentito la filiale, le cose erano corrette così come gestite. In parole povere, "fatti i fatti tuoi". E' singolare la premura nell'adeguarsi alla normativa in concomitanza del preoccupante parere espresso dall'avvocato generale Paolo Mengozzi nel "rinvio pregiudiziale" della Corte Finlandese dalla quale potrebbero nascere ripercussioni negative nell'opera di predicazione per quanto riguarda l'acquisizione di dati delle persone del territorio (http://curia.europa.eu/juris/document/document.jsf?text=&docid=198949&pageIndex=0&doclang=it&mode=lst&dir=&occ=first&part=1&cid=102086).
    Da me non hanno fatto annunci riguardo la privacy nè la settimana scorsa nè in questa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Interessante Apologetico. C'è da dire che questa nuova normativa che entrerà in vigore a partire dal 25 maggio cambia le cose, infatti nella vecchia normativa gli enti volontari non erano obbligati a far firmare deliberatorie per la gestione di affari interni.

      Elimina
  41. Barnaba ,in un ente volontario ,io mi metto al servizio,sapendo in tutti gli aspetti in che cosa consiste la mia mansione allinterno di questo ente,e dame accettate,e sottoscritte .Noi siamo stati contatatti per studiare la Bibbia.Abbiamo accetatto di studiare credendo che tutto ciò che leggevamo nel libro fosse realmente ciò che Geova diccesseo,vedi il libro La verità che conduce alla vta eterna,Potete vivere per sempre.......Vita eterna nella libertà dei figli di Dio ,Quindi è finito il mistero di Dio ,Babilonia la grande è caduta il regno di Dio domina ,Cose nelle quali è impossibile che Dio menta.Etc.Etc.Etc.....che fine anno fatto la stragrande maggiotranza di quelle informazioni che tutti compresi i membri del CD che a quel tempo erano ragazzi e alcuni ragazzini,si insegnavano come la pura lingua della vertà che Geova tramite lo lo schiavo fedele e dischetto,rapresntato dal uncorpo direttivo ,come cibo a suo tempo,.Caro Barnaba sono ricordi bellissimi di mezzo secolo e olre .E che attratti da queste meravigliose speranze,che avremmo viste realizzarsi fa pocchi anni ;Cisi dedica Geovaa divntandodiscepoli di Gesù.Con questo entusiamo ci si battezza,ricnoscendo Geova Gesù e la guida dello spirito santo,e senza saperlo ,con il battesimo ci siamo ritrovati(senza firmare nulla) apartenenti come soci di questo ente beneefico ,che non si chiama CD ma WTS.In altre parolee noi non ci siamo dedicati a Geova come pensavavamo,ma alla WTS,parti di una societa ,e come tali obbiamo firmare il doccumento sulla privacy;che scondo il mio modestissimo parere è nullo ,perchè non conforme alla legge europea ,formata da 88 paggine e i ultimo dice che ciò che si firma devessere conforme in ogni aspetto alla legge europea,speriamo in bene altrimenti la multa da pagare è del 4%dellintero fatturato,o una multa che può arrivare fino a 20000000 ventimilioni di euro. Senza contare ,che chi è stato battezzato da cttolico si trova registrato in due registri.e che dire di chi diventa proclamatore che deve firmare anche lui l'adesione alla privacy,so sa cosa firma?Lo dobbiammo informare?Se si,come? Cari fratelli bisogna continuare a pedalaree e cotinuare a tenere in ordine la nostra bicicletta ,dalle ruote manubrio freni sellino catena rochetto pedali sellino pompa e il cotenitotrre attaccatotto il sellino che contiene colla chiave cartavetro forbice e della camara daria che in caso di foratura essere in grado di riparare il guasto.e in ultimo un bel faro che funziona tramite una dinamo ,che la sua rotella viene fatta girare dalla ruota della bicicletta,e se noi smettiamo di pedalare non andremmo da nessuna parte.

    RispondiElimina
  42. Ho dimenticato che nel contenitore ci dovevano essere anche tre levere che penetravano (stando attenti a non rovinare la cameradaria )tra il cerchi e la gomma per poter estrarre la cameradaria e aggiustarla.scusate

    RispondiElimina
  43. Firmare o meno il documento della privacy non credo sia il problema fondamentale. Il problema vero è che si tratta di un ulteriore passo in un cammino che sappiamo tutti molto bene dove conduce, verso la fidelizzazione sempre più marcata ad una organizzazione umana piuttosto che al Creatore, ed è un cammino sbagliato, punto.

    Si dice che il Diavolo spesso sta nei dettagli.

    Purtroppo non riesco a mettere qui la foto, ma potete prendere se volete l’ultimo broadcast di aprile al minuto 48:08 e vedrete il disegno dello scudo descritto da Paolo in Efesini capitolo 6 come parte dell’armatura spirituale con al centro, bello in grande, la scritta JW.ORG.

    Suggerire che la fede debba risiedere in un simbolo o in una organizzazione piuttosto che in Geova mi pare già in sé qualcosa di blasfemo, ma ritengo oltretutto difficile da credere che sia stata una iniziativa della sorella intervistata mettere quella scritta in quella posizione. Qualcuno deve averla convinta a mettercela, del resto il logo di JW.ORG viene inquadrato ogni volta in modo strategico durante tutto il programma del broadcast mensile e fa parte oramai di una specie di propaganda anche a livello subliminale.

    In definitiva, credo quindi la questione sia non tanto se firmare o meno, ma fino a che punto siamo disposti a camminare in questo cammino sapendo bene che qualsiasi linea che continua a divergere anche di pochi gradi da quella retta, si allontana sempre di più senza la possibilità che si ricongiunga.

    RispondiElimina
  44. Caro vengodopoilCD , come darti torto ?Se le notizie risultassero vere anche i nostri raporti di servizi verranno spediti da noi tramite il nostro computer o dispositivo eletronico.cari fratelli dormiamoci sopra .

    RispondiElimina
  45. Copio un commento interessante dal blog tdG dom. Mi sa che iniziano i dolori per la Betel. .
    Anche i proclamatori che non firmeranno saranno udenti dolente..

    informatore (nick assegnato)


    Mi giunge voce che un fratello ha provato a chiamare alla Filiale per sapere se può mandare una raccomandata per eliminare i dati in loro possesso. Il giovinetto al reaprto gli chiede il nome e il fratello ribatte: E il tuo nome? Il giovinetto fa: No, non ti dispiacere che non non diamo il nostro nome. Il fratello: Manco io, per privacy. Allora questa raccomandata posso farla o no?
    Viene messo in attesa per ben 6 minuti, ritorna a telefono e comincia a balbettare dando il lei poi scusandosi col tu e dicendo di inviare una mail. Quando il fratello indica che una smeplice mail non ha valore legale rispetto alla pec lui è costretto a confermare l'invio della raccomandata affermando però che chi risponderà alla lettera dovrà valutare se si possono cancellare i dati e rimanere fratelli. Il fratello gli dice che secondo la legge dell=UE sta dicendo una bugia e lui ha continuato a balbettare non sapendo più cosa dire. Il fartello a quel punt l'ha salutato e ha riattaccato perché al reparto hanno messo uno impreparato al 100%.
    Ragazzi avete capito in che mani siamo in Italia?
    Non sanno manco loro che pesci prendere.

    RispondiElimina
  46. Confermo il mio pensiero gia espresso,non sanno che pesci prendere, perchè?perchè,il documento sulla privacy deve essere conforme in tuttele sue parti,e sottolineo in tutte le sue parti,compresa la cancellazione di consenso alla privacyp.La WTS forse non ha capito ancora che ogni medaglia ha il suo rovescio.E anche a una semplice rchiesta risponde ,non so forse vediamo ,si dovrà valutare.

    RispondiElimina
  47. Sembra che in passato già ci siano stati problemi per la privacy

    http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/1085106

    RispondiElimina

Grazie per il commento.

Chatteria