mercoledì 15 maggio 2019

La fine delle note di casa in casa

Risultati immagini per note di casa in casa
Stanno leggendo una circolare a tutte le congregazioni per decretare a tutta la fratellanza italiana la fine delle note di casa in casa e quindi del loro uso. Questo evidentemente fa seguito a delle pericolose sentenze europee riguardo alla privacy che se applicate porterebbero problemi imbarazzanti.


salute e prosperità a tutti

16 commenti:

  1. Il bello è che un CO, IN VISITA ALLA NOSTRA CONGREGAZIONE. confidenziaqualche fratello e sorella, aveva detto,che se lo teneva utile per ricordare (per chi scordata tutto)poteva usare un blocconotes, in maniera strettamente privata.il risultato, e che nella congregazione erano forniti tutti di blocco notes. Io essendo a conoscenza sul nostro blog di ciò che stava accadendo, e o richiami nei nostri confronti, dissi che era sbagliato fare uso di blocco notes, e che era contro la legge sulla privacy. Mi fu risposto:se l'ha detto il CO vuol dire che va bene. E questa settimana la lettera è una doccia gelata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. XVirgilio, il tuo episodio raccontato e la prova lampante che è attendibile solo quello che viene reso noto dai dirigenti della JW, se la stessa informazione viene diffusa prima da altre fonti non è attendibile. Mi chiedo allora il popolo bereano era disubbidiente perche si accertava di ogni cosa a 360 prima di prendere una decisione, eppure in molti articoli della JW viene lodato per la sua intelligenza nell'accertarsi di ogni cosa, vai a capire il comitato scrittori scrivono tutto e il contrario di tutto, roba da TSO.

      Elimina
  2. Attenzione che alcuni A consiglieranno metodi ingannevoli con note non decifrabili. Non date ascolto a simili istruzioni poiché la circolare parla chiaro. I vigliacchi dei sotterfugi locali sono sempre pronti a girare la minestra per cercare metodi alternativi poi quando fanno al fine dei russi gridano al complotto o alla persecuzione.

    RispondiElimina
  3. Teniamo in mente che il CO non disse alla congregazione di usare un blocco notes a carattere personale per prendere gli appunti, per sostituire le note di casa in casa. Ma ha qualche fratello e à qualche sorella che aveva il problema di diccordare ,non se la è sentita forse per non scoraggiare disse loro (Quello che loro avevano già IN mente di fare)se lo ritenete opportuno a carattere personale, potete usare un blocco notes. Ma non fu inteso così, che in caso eccezionali, inoltre poteva usare, una blocco notes ,ma che era la regola, e a un altro anziano. Mi sono permesso dice dire, proprio ieri, che dovremmo essere chiari, che non si deve scrivere nulla, e se ino scrive sì assume le proprie responsabilità di fronte a Cesare, che come cristianità dobbiamo rispettare. Concordo su CI che ha scritto Antonio2,perché ciò che viene detto anche se non chiara sia dal CO o per mezzo della letteratura, i tramite gli anziani anche se non molto chiaro noi estrapoliamo da contesto (come fa la grande maestra la WTS)la parola che ci interessa, e non diciamo che IN caso eccezionalmente posso usare il blocco notes, ma lo devo usare sempre perché il CO, o l'anziano ha detto che dobbiamo usare quello. È Gorizio,dice che "I vigliacchi DEI sotterfugi locali sono sempre pronti a girare la minestra per cercare metodi alternativi.......Dopo l'anno a fine adunanza una sorella ha detto :non posso scrivere appunti, ma IO sono ugualmente come fare. La sorella, cosa avrà voluto dire che lei sapeva ugualmente cosa fare?dovremmo diccordare che la legge europea sulla privacy non è fatta di quelle poche righe (scritte, per nostro uso,e consumo)che hanno fatto firmare nelle congregazioni, ma è fatta da 88 pagine, e conclude, che sì deve rispettare in TUTTE LE SUE PARTI, SOTTOLINEÒ "IN TUTTE LE SUE PARTI. E che noi (purtroppo)siamo in prima linea a non rispettare.

    RispondiElimina
  4. Scusate la mia ignoranza. Ma questa legge sulla privacy si applica pure all'interno della congregazione ? Mi spiego meglio ... Visto che vogliono presentato rapporto di servizio dettagliato su cosa fa un programmatore ogni mese e si prendono pure le presenze all'adunanza secondo me anche questa è una violazione della privacy di ogni singolo proclamatore e un controllo della loro vita. Un abbraccio a tutti Manu

    RispondiElimina
  5. "È vietato trattare dati personali che rivelino l'origine razziale o etnica, le opinioni politiche, le convinzioni religiose o filosofiche, o l'appartenenza sindacale, nonché trattare dati genetici, dati biometrici intesi a identificare in modo univoco una persona fisica, dati relativi alla salute o alla vita sessuale o all'orientamento sessuale della persona." Il divieto non si applica in presenza di consenso esplicito o di necessità per assolvere gli obblighi.

    quindi:
    1)in sala ti hanno fatto firmare il consenso
    2)il numero di presenti non è un dato "sensibile", ed è anonimo
    3)le ore che fai o le riviste che dai sono solo numeri e poi vedi punto 1)

    per quanto riguarda le note di casa è tutto un discorso a parte, li segnavi nome e cognome più dati particolari ti faccio un esempio:
    "la signora rossi è cattolica ma mostra interesse verso il tema felicità familiare in quanto è sposata ha dei bambini (giocattoli in giardino). ripassare dopo le 18.00 che il marito è a lavoro"

    questa è una nota che viola palesemente la PRIVACY.

    RispondiElimina
  6. Bobcat grazie per avermi per la spiegazione molto chiara. Cmq io non ricordo di avere firmato qualche consenso 😱 . In caso lo abbia fatto posso posso tornare in dietro ? Aiuto voglio uscire al più presto da questo inferno . Manu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che puoi il consenso alla privacy è modificabile sempre e decide la persona.

      Elimina
  7. Grazie capitain Kirk

    RispondiElimina
  8. Nella mia congregazione hanno letta la lettera , l anziano che la letta gli è scappata una battuta e ha detto con un sorriso ironico : se siamo in un palazzo speriamo di ricordarci tutti i nomi e cognomi degli assenti , un buon allenamento per il cervello.

    RispondiElimina
  9. Anonimo, Capitan_Kirk è stato chiaro, questo argomento è stato trattato in passato, se non firmi, un anziano ti farà vista, per fartelo firmare .se rifiuti, ti informa che il tuo nome scomparirà dalla bacheca o tabella informazioni, quando farai rapporto, il tuo nome non comparirà, in altre parole diventerai un perfetto sconosciuto. La tua identità come persona con nome e cognome, diventerà un ricordo del passato, la stessa regola vale per il minorenne, se chi ha la patria potestà rifiuta di firmare la privacy. In sintesi questo è ciò che dice la circolare al numero 10 per l'adulto, e al numero 11 per il minore, questa è la condizione in cui viene a trovarsi chi non firma il documento sulla privacy, che non viene letto alla congregazione, ma detto a chi rifiuta di firmare. Se questo non lo sapevi ora è più chiara la faccenda anche per altri che ancora non lo sapessero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella realtà non è cosi. Se non firmi, come ho fatto io, posso assicurarti che in congregazione vieni estromesso da tutto. Non puoi fare più nulla, tranne che assistere alle adunanze e predicare. Per il resto diventi solo una presenza al limite della segnatura. Nel mio caso è stato applicato cosi. Ma sono comunque libero.

      Elimina
    2. @Libero, mi pare di intravedere che @Virgilio abbia fatto un commento con i tuoi stessi contenuti detto questo colgo l'occasione per dire che le congregazioni sono considerate tipicamente e storicamente come ovili. In un ovile le pecore (i fratelli) e i pastori (gli anziani) vivono entrambi dentro un recinto. Chi ha fatto il recinto però non sono la pecore ma nemmeno il pastore r tutto dipende da chi lo ha costruito.

      Elimina
    3. @Capitan Kirk, c'è una bella differenza tra non comparire sui programmi perchè non hai firmato il trattamento ai dati personali e non fare più nulla. Io posso sparire tecnicamente dai programmi affissi nella tabella informazioni, ma perchè non dovrei più fare la preghiera, letture varie, microfonista, usciere ecc come facevo prima ? Ma ora la spiritualità è dettata dall'aver firmato un modulo ? E se cosi fosse, perchè non è stato detto alle congregazioni ?

      Elimina
    4. come dire è una questione tecnica non c’è niente di spirituale. La firma è una “salvaguardia” dell’organizzazione. E’ la stessa cosa che accade quando stipuli un qualsiasi contratto (ad esempio telefonico) se non dai la delibera non ti viene erogato il servizio. Se non ti possono inserire nei programmi non ti possono dare incarichi.
      Questo è l’aspetto tecnico ma in conseguenza a questo fatto il rifiuto di firmare implica che la persona verrà inserita istantaneamente nella categoria dei poco spirituali.

      Elimina
  10. Grazie anche a te Virgilio. Al più presto revoco il consenso alla pravacy. Mi siete stati molto utili grazie non voglio essere sotto il loro controllo.

    RispondiElimina

Grazie per il commento.

Chatteria