Mail ad Ossevatore Teocratico

Spedisci una mail ad osservatoreteocratico@gmail.com

Translate

martedì 2 aprile 2019

OT Impertinente: La Genesi perduta

Da un collaboratore abbiamo una nuova serie di domande impertinenti che proponiamo alla fratellanza.

Buona compilazione



59 commenti:

  1. Possiamo chiedere l'aiuto da casa?

    RispondiElimina
  2. La Bibbia è piena di metafore, i poeti ne fanno largo uso come anche nel parlare comune. Gli sposi fanno rientro al loro nido (NIDO)il,il braccio dell'abagiur (BRACCIO),La gamba del tavolo (GAMBA),le inneggianti spighe nel campo, (ONDEGGIANTI),Il timone dello stato, (TIMONE)Etc etc etc etc. "Del frutto che è nel...Non ne devi mangiare, nel giorno in cui ne mangerai.......(FRUTTO, MANGERAI),E SI POSSONO sorgere molto dubbio su cosa fosse realmente IL frutto, insieme a chi Eva mangiò IL frutto, e dopo avere scoperto il delizioso gusto DI questo frutto proibito, che un famoso scritto,definisce questo tipo di frutto la sconosciuta novità. Eva torna da Adamo vuole condividere con Lui questa che anche per lui è la sconosciuta novità, è una volta che anche lui assapora il meraviglioso gusto di questo frutto della le cose fra loro cambiano radicalmente, questa ultima parte, e IL pensiero DI un traduttore biblici dall'ebraico e aramaico, per una nota Bibbia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero Virgilio, ci sono tanti piccoli aspetti che sfuggono.

      Elimina
  3. Io personalmente non sono in grado di dare risposta a queste profonde domande, che in parte mi sono fatto durante la mia vita, magari formulate diversamente, ma tendenti alle stesse incertezze interpretative dovute fondamentalmente alla sinteticità di quanto esposto nella Genesi e al significato probabilmente allegorico dei simboli descritti, come giustamente ha fatto notare Virgilio nel suo intervento.
    Piuttosto vorrei, se mi è concesso, aggiungere un'altra domanda da 10 milioni di dollari a quelle già complicate sopra esposte.
    Visto che si è "osato" formularle al limite di una certa "blasfemia", passatemi il termine, mi butto anche io in questo calderone, essendomi sempre chiesto, e Dio mi perdoni: "Considerato che la Bibbia dichiara che ognuno darà conto dei propri errori (Rom.14:12), perchè la razza umana innocente, originata dopo il peccato, avrebbe dovuto pagare per colpe che non aveva commesso nè concepito? Come ci si può convincere ragionevolmente che siccome "lo stampo era stato ammaccato, di conseguenza tutti i dolci cotti nella stessa avrebbero riportato l'ammaccatura"? (per usare un esempio tanto caro alla WTS)
    Per via di questo impianto dottrinale, a ciascuno di noi è stato di conseguenza insegnato che è necessario chiedere costantemente a Dio il suo perdono, ma per quale peccato? Quello commesso dal nostro progenitore Adamo? Tutta la razza umana ha solamente SUBITO le scelte del suo progenitore, e lo scotto da pagare, PER NON AVER COMMESSO l'errore, è grande assai: sofferenza dovuta a malattie dall'esito fatale, vecchiaia debilitante, incidenti fatali, e alla fine, sempre e solo morte, una morte che stronca il genere umano come un cinico e spietato killer, a soli 80-90 anni. E tutto questo si perpetua ormai da oltre 6000 anni, senza soluzione di continuità.

    Qualcuno osserverà che in passi come quello di Eso. 20:5 si legge di Dio che "infligge la punizione per l'errore dei padri ai figli, ai nipoti e ai pronipoti" di coloro che lo avessero odiato. Altri riferimenti dicono altrettanto. Sebbene a noi incomprensibile questa scelta di punire generazioni successive, al massimo la punizione si propaga a 3 generazioni, tutto sommato. Siamo a 6000 anni invece e continuiamo ancora a rispondere di errori da noi lontani "anni luce"...
    Dunque, il racconto della genesi con tutta probabilità non è stato pienamente compreso da nessuno sinora. Anche le spiegazioni date secoli dopo dall'apostolo Paolo, secondo le quali il peccato entrò nel mondo per mezzo di un uomo, spiegano solo il meccanismo di trasmissione del peccato, ma non certo forniscono risposte adeguate al PERCHE' gli esseri umani si trovano a dover rispondere in perpetuo per gli errori del loro sciagurato progenitore.
    Riusciremo mai ad avere risposta su questa e sulle altre domande a riguardo della Genesi?

    RispondiElimina
  4. @Ieu, avevi detto una domanda ma sono due. Davvero interessanti perché se si toglie la sovrastruttura dell'interpretazione dell'apostolo Paolo, solo usando il VT, appare difficile elaborare tutta la dottrina del peccato originale con colpe che non ho, però trasmesse all'infinito (non 6000 anni che sono solo nella mente del protestantesimo evangelico più radicale, WTS compresa). Le tue domande si collegano anche al concetto difficile della codifica del peccato a livello del DNA/stampo per torte, come chiede la domanda 3.
    Comunque la "blasfemia" delle domande è solo data dal fastidio delle risposte che esse potrebbero comportare e dal fatto smuovono le facoltà mentali, e si sa che chi pensa non può essere controllato facilmente dal Potere, che sia politico o religioso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gamma, la domanda mia alla fine è sempre e solo una, magari composita :-)
      In realtà hai fatto bene a risaltare il concetto di apparente blasfemia, parola che ho usato con fare più che altro provocatorio. Siamo menti pensanti, secondo la stessa Genesi addirittura siamo fatti ad immagine e somiglianza di chi ci ha inventato, il quale ha pensato bene di dotarci di un cervello che è avido di sapere, un sapere insaziabile, come mai ci si sazierà di alimentarci di cibo. Pertanto il fatto di cercare di andare oltre le barriere imposte da antiquati tabù non deve spaventarci, fa parte del processo di maturazione individuale, del progresso di una civiltà, è un cammino che non sappiamo dove porterà ma vale la pena intraprendere sebbene apparentemente diretto verso l'ignoto.
      D'altronde porsi questo genere di domande può risultare devastante per l'anima, perchè potrebbe sradicare, dal terreno su cui poggiamo la nostra esistenza, quei paletti che erano per noi punti fermi e rassicuranti. Tutti noi, a vario titolo, stiamo vivendo la nostra consapevolezza in uno stato confusionale, in attesa di nuove certezze che ci restituiscano la nostra stabilità. Siamo come automobili il cui navigatore satellitare, su cui avevamo impostato una destinazione, ha perso d'improvviso il segnale GPS imponendoci una guida "a senso"....speriamo in un ritorno quanto mai prossimo del segnale.....

      Elimina
    2. Gatto di Schroedinger4 aprile 2019 15:37

      Penso che la prima realtà da accettare è che anche le "nuove certezze" saranno probabilmente esse stesse precarie come quelle che le hanno precedute, solo che questa volta si spera che se ne abbia consapevolezza a priori e non a posteriori. La capacità di saper coesistere con l'indeterminato è la chiave per farsi meno male possibile

      Elimina
    3. @Ieu,
      Trovo anch'io illogico chiedere scusa per un peccato che non abbiamo commesso. Sarebbe come chiedere scusa per il colore della nostra pelle o per il fatto che siamo poveri in un paese in via di sviluppo. Spesso la condizione in cui ci troviamo sono il frutto dell'accidente storico-geografico e non dipende da noi. Ovviamente se non c'è il peccato non serve un salvatore.
      Dalla w di questa settimana si legge che Gesù andò incontro a una morte di sacrificio e non si sottrasse pur potendo. Per logica se io so di andare incontro alla morte, sto' in effetti cercando il martirio, una sorta di suicidio. Anche questi ragionamenti pongono non pochi problemi morali.
      Ho l'impressione che cercando le risposte ai grandi interrogativi della vita, la Religione abbia creato dei veri "mostri" dottrinali.

      Elimina
    4. Gatto di Schroedinger6 aprile 2019 14:22

      infatti i contemporanei di Gesù attendevano un restauratore più che un salvatore, non mi pare avessero culturalmente il concetto di "peccato originale". E' possibile che il sacrificio di Gesù abbia maggiore riferimento all'adempimento della Legge?, Con la sua morte acquisisce il titolo legale per invalidarla annullando di fatto la "maledizione" che rappresentava tale legge, impossibile da sostenere e rispettare in modo completo. Di li in poi la palla passa a te, te la vedrai tu individualmente con chi dovrà giudicare sulla base della conoscenza che hai di lui, e non parlo di conoscenza teorica. Vista così il "peccato originale" perde subito di peso e di senso..

      Elimina
  5. Metafora, Aristotele,nella poetica,definisce metafora "TRASFERIMENTO DI UNA DI UN NOME PROPRIO DI UN'ALTRA O DAL GENERE ALLA SPECIE O DALLA SPECIE AL GENERE O DALLA SPECIE ALLA SPECIE O PER ANALOGIA ".esempio, "ECCO CHE LA MIA NAVE SI È FERMATA (FERMATA),GIACCHÉ "ORMEGIARSI" È UN CERTO FERMARSI ",dalla SPECIE AL GENERE. E inverso Odisseo ha compiuto mille e mille gloriose imprese ",GIACCHÉ "mille "è molto "e Omero se ne vale invece di dire "molte";da "SPECIE a SSPECIE ".Mosè era una persona molto colta e queste cose le sapeva. Genesi 1:28."QUINDI LI BENEDISSE E DISSE LORO "SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI E RIEMPITE LA TERRA ",in sintesi dice con questa frase ciò che è riportato IN Genesi, cap.1:27-2:25.ma in questo racconto si dice al paragrafo 25,del cap.2,che Adamo ed Eva "CONTINUAVANO A ESSERE NUDI "MA IN GENESI 1:28,L'ORDINE ERA "SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI ED EMPITE LA TERRA. Cosa anno fatto un voto di castità, prima di avere rapporti?senza parlare dell'eden che aveva entrata che dopo la cacciata di Adamo ed Eva ci furono 2 Angeli a guardia per impedire l'accesso all'albero della vita. Ma andiamo avanti Genesi 4:1 nasce Caino in seguito partorì Abele esibito dopo parla della rivalità tra Caino e Abele e termina con l'assassino di Abele .Geova intervie e Caino fuggiasco si stabilisce nel paese a nord dell'eden (PAESE A NORD est di EDEN) .PAESE, nord est non si parla di sorelle, ma di paese a nord est di Eden sì. Intatti al versetto 17,del Cap 4 dice che ebbe rapporti con la moglie e rimase incinta, Caino fuggiasco va in un paese dove mette famiglia, potrebbe far pensare che gli unici abitanti della terra non fossero solo Adamo ed Eva e i suoi stretti familiari. Ma cerano anche altri paesi abitati, dal momento che Caino sceglie di andare nel paese a nord est di Eden. Ma andiamo avanti;dal versetto 17,del Cap. 4 al 21 e 22 passa poco e Mosè scrivendo scrive qualcosa che appartiene ad un'altra era. Nei versetti 21 e 22 scrive "IL NOME DI SUO FRATELLO ERA IUBAL, E QUESTI FU IL COMPOSITORE DI TUTTI QUELLI CHE SUONANO LA CETRA E IL FLAUTO. (22)ZILLA INVECE PARTORÌ TUBAL CAIN ,E QUESTI REALIZZÒ OGNI TIPO DI ARNESE IN RAME E FERRO. LA SORELLA DI TUBAL-CAIN FU NAAMA.Si dice che TUBAL-CAIN REALIZZÒ "ogni tipo di arnese in rame e in ferro. Certo che TUBAL-CAIN in un Arco di tempo brevissimo e passato dall'età della pietra, all'età del ferro, che il ferro neanche lui conosceva, o qualcuno ha scritto ciò che vissuto nell'età del ferro facendo credere che fosse Mosè a scrivere che TUBAL-CAIN REALIZZÒ OGNI TIPO DI ARNESE IN RAME E FERRO?È un bel rompi capo. 😉😉 secondo me la metafora ci sta proprio tutta,.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho trovato delle scritture che fanno capire molte cose su Geova,Dio?Deutoronomio 32:8-12..

      Elimina
    2. il 12 dice : Nessun dio straniero era con lui ...ma se gli dei stranieri erano pietre?

      Elimina
    3. L'altissimo diede alle nazioni un'eredita',separò i figli di Adamo,a Geova spetta (la FAMIGLIA DI GIACOBBE).Altissimo è colui che sta'sopra,e geova sta sotto..altro che Dio ETERNO..POI NELLA BIBBIA ANTICA IL TERMINE ETERNITA NON ESISTE,è un'aggiunta..come onnipotente, onniscente..In ebraico ALTISSIMO=ELION,DIO=ELOHIM,SIGNORE,PADRE,ETERNO=GEOVA..Poi se leggiamo Numeri 31 si capisce che il Signore Geova,non può essere Dio:IX. BOTTINO E DIVISIONI
      Guerra santa contro Madian
      31 Il Signore disse a Mosè: 2 «Compi la vendetta degli Israeliti contro i Madianiti, poi sarai riunito ai tuoi antenati». 3 Mosè disse al popolo: «Mobilitate fra di voi uomini per la guerra e marcino contro Madian per eseguire la vendetta del Signore su Madian. 4 Manderete in guerra mille uomini per tribù di tutte le tribù d'Israele». 5 Così furono forniti, dalle migliaia d'Israele, mille uomini per tribù, cioè dodicimila uomini armati per la guerra. 6 Mosè mandò in guerra quei mille uomini per tribù e con loro Pincas, figlio del sacerdote Eleazaro, il quale portava gli oggetti sacri e aveva in mano le trombe dell'acclamazione. 7 Marciarono dunque contro Madian come il Signore aveva ordinato a Mosè, e uccisero tutti i maschi. 8 Uccisero anche, oltre i loro caduti, i re di Madian Evi, Rekem, Sur, Ur e Reba cioè cinque re di Madian; uccisero anche di spada Balaam figlio di Beor. 9 Gli Israeliti fecero prigioniere le donne di Madian e i loro fanciulli e depredarono tutto il loro bestiame, tutti i loro greggi e ogni loro bene; 10 appiccarono il fuoco a tutte le città che quelli abitavano e a tutti i loro attendamenti 11 e presero tutto il bottino e tutta la preda, gente e bestiame. 12 Poi condussero i prigionieri, la preda e il bottino a Mosè, al sacerdote Eleazaro e alla comunità degli Israeliti, accampati nelle steppe di Moab, presso il Giordano di fronte a Gerico.

      Massacro delle donne e purificazione del bottino
      13 Mosè, il sacerdote Eleazaro e tutti i principi della comunità uscirono loro incontro fuori dell'accampamento. 14 Mosè si adirò contro i comandanti dell'esercito, capi di migliaia e capi di centinaia, che tornavano da quella spedizione di guerra. 15 Mosè disse loro: «Avete lasciato in vita tutte le femmine? 16 Proprio loro, per suggerimento di Balaam, hanno insegnato agli Israeliti l'infedeltà verso il Signore, nella faccenda di Peor, per cui venne il flagello nella comunità del Signore. 17 Ora uccidete ogni maschio tra i fanciulli e uccidete ogni donna che si è unita con un uomo; 18 ma tutte le fanciulle che non si sono unite con uomini, conservatele in vita per voi.(SECONDO VOI IL SIGNORE GEOVA DEGLI ESERCITI,PUÒ ESSERE DIO?SI DEL GENOCIDIO E FEMMINICIDIO..)

      Elimina
    4. Sumero boy se sei stato illuminato dalle scritture e sei giunto alla conclusione di doverti "disintossicare" dalle religioni, se lo scopo della tua vita è diventato la missione di convincere altri: non credi stai sostituendo una "droga" con un'altra? Non è meglio godersi la vita lasciando perdere la bibbia le religioni e i blog filo-religiosi?

      Elimina
    5. Per Tommaso,sono stato illuminato da chi ha studiato le religioni da una vita..PIÙ studiosi convergono nella stessa direzione..Poi non voglio convincere nessuno,e lo scopo della mia vita é vivere a giornata..Ps:Un fratello mi disse:Ma questi sono pensieri dell'uomo che ti stanno sviando....e la bibbia cosa credi che sia gli risposi:La parola dell'Uomo per Dio,E l'uomo creò Dio a sua immagine e somiglianza,dall'Antico Israele ai suoi Testimoni..🤗

      Elimina
    6. @ Sumero boy non hai risposto alle mie domande poste alla fine del mio commento, prova ad analizzarle e rispondere..🤗

      Elimina
    7. NON CREDO DI ESSERE MAI STATO DIPENDENTE,da nessuna Religione,ho sempre vissuto ai margini dell'organizzazione...La bibbia l'ho accantonata da molto tempo..Riguardo ai blog,mi piace ogni tanto scrivere qualcosa..Se vedrai altri miei commenti,capirai che non sono un frequentatore assiduo...Ogni tanto dico la mia opinione...Poi se do'fastidio,Potete non pubblicare i miei commenti..😏👍

      Elimina
    8. La molteplicità delle opinioni se espresse con intelligenza ci arrichiscono sicuramente, quindi
      riformulo la domanda diversamente: tu come gestisci la tua spiritualità? È un argomento con cui ti confronti interiormente visto i tuoi commenti da questi parti?

      Elimina
    9. La mi spiritualita'e'andata a farsi benedire😂,non prego neanche piu'perche'ho sempre avuto la sensazione,adesso la certezza,di parlare al muro!!La verita'non sta né a destra né a sinistra,ma nel mezzo..L'uomo si è fatto un'idea di Dio,e di Gesù, e l'ha portata avanti,per il bisogno di credere ed avere uno scopo..In realtà di Dio non sappiamo niente,abbiamo la bibbia,un'insieme di libri,scritti,riscritti,manipolati,e non ispirati!!Guarda le discrepanze tra il Dio del vecchio e quello del nuovo testamento,le inesattezze,le profezie non adempiute e quelle post eventum,che prima si verificavano e poi le scrivevano..Forse ho raggiunto un certo livello di consapevolezza,forse lo avete voi?Illuminatemi,sono aperto mentalmente a tutto--Se anche Geova vuole darmi nuova luce spirituale,sono pronto ad ascoltare,anche perché dovrei fargli un bel po' di domande!!Ma siccome Dio non lo ha mai visto e sentito nessuno,nutro seri dubbi che accada..Poi se uno fa uso di stupefacenti,PUÒ vedere anche Gesù e gli Unti e la rigenerazione sovrapposta..🤪🤪🤪🤡😇😇😇Ps:La spiritualita'e'prettamente legata al pensiero umano..Chi decide chi è spirituale,il corpo direttivo?Gli anziani in base alle ore di servizio?Puo'essere piu cristiano,un non credente di un testimone,che perde tempo a fare PROPAGANDA..

      Elimina
    10. Le congregazioni sono come piccoli capannoni artigianali, altro che spiritualità! è un cristianesimo con le stesse radici aziendali , con questo sistema tieni controllato gli operai TDG.

      Elimina
  6. 1Corinzi 8,5-6
    5 E in realtà, anche se vi sono cosiddetti dèi sia nel cielo sia sulla terra, e difatti ci sono molti dèi e molti signori, 6 per noi c'è un solo Dio, il Padre, dal quale tutto proviene e noi siamo per lui; e un solo Signore Gesù Cristo, in virtù del quale esistono tutte le cose e noi esistiamo per lui.

    RispondiElimina
  7. Numeri cap 31 v 40-41 dice: 16.000 persone di CUI 32 FURONO PER LA TASSA A GEOVA, 42 : Quindi mosè diede al sacerdote eleazaro la tassa come contribuzione a geova , proprio come geova gli aveva COMANDATO............domanda : Cosa se ne faceva l iddio onnipotente , onniscente, creatore di tutto ciò che esiste ...DI 32 BAMBINE come dice il versetto 40 ? (queste 16000 persone erano bambine vergini visto che erano le uniche sopra vissute) 32 erano la tassa per geova come lui stesso aveva richiesto...ripeto ...cosa se ne faceva l iddio altissimo.?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco la risposta trovata sul web:
      C’erano donne che svolgevano anche lavori delicati che richiedevano molta fiducia, come la cura di luoghi sacri, “donne che venivano a gruppi a fare il servizio all’ingresso della tenda di convegno [= Santuario]” (Es 38:8), “donne che erano di servizio all’ingresso della tenda di convegno” (1Sam 2:22). Ai tempi di Yeshùa, “Anna, profetessa”, “non si allontanava mai dal tempio e serviva Dio notte e giorno” (Lc 2:36,37). Forse queste donne pulivano, confezionavano e lavavano e riparavano vesti sacre.

      Elimina
    2. tommaso ..ti stai riferendo alle 32 bambine vergini per la tassa a geova ?

      Elimina
    3. Concordo con riflessivo,credo che abbiamo simili opinioni..

      Elimina
  8. E questo signore sarebbe lo stesso Dio che Gesù insegna a chiamarlo padre ????? come nella preghiera del padre nostro ? vi rispecchiate in un Dio del genere ?....forse quelli del ISIS si rispecchiano meglio in quei passi, IO NO DI CERTO !!....non prendiamoci in giro ..l AT è pieno di passi falsi attribuiti al VERO DIO (e gli ebrei lo sanno per primi)............non meravigliamoci se poi nella Bibbia troviamo tutto e il contrario di tutto ...da portare tutte le religioni che si fondono su quel libro, un continuo arrampicarsi sugli specchi .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un certo tipo di narrativa usata dagli ebrei non sminuisce i nostri valori spirituali, non per niente gli ebrei per ben due volte furono severamente puniti.

      Elimina
    2. Oggi ho un po di tempo da spendere:Per Tommaso,la tua cosidetta spiritualità come è messa?credi fermamente nella sacrosanta ispiratissima bibbia?Non hai nessun dubbio?Parli con Dio in preghiera?Ti ha risposto?Lo hai visto,hai visto Gesu sul trono con i 144.000?Arriva il Re del nord,siamo vicini alla fine?Se mi confermi qualcosa potresti avere nuovi discepoli...Una nuova scuola di pensiero.Mi vengono in mente pensieri di filosofi greci..vi è piu saggezza in loro che in tutta la bibbia,che é una scopiazzatura.No voglio discutere di fede,quella è personale...Piuttosto far luce su come sia stato costruito un cerchio di ignoranza ,mantenuto per secoli,attorno alle persone da parte delle religioni,condito con menzogne e copiazzature....

      Elimina
    3. Ti ringrazio Sumero boy cerco di rispondere alla sfilza di domande che poni in questo e nel commento precedente, ogni domanda meriterebbe un post, tuttavia posso dirti per sintetizzare il mio pensiero:

      sono da circa tre anni nel "limbo" dei consapevoli e come tutti gli altri consapevoli non trovo sia facile gestire la spiritualità, tendenzialmente sono agnostico nel senso che credo in Dio ma molte delle domande che ci poniamo non avranno risposte,

      la Bibbia per me ha il valore di una mappa non ti porta da nessuna parte se non sai leggerla, molte volte è semplice storia di un popolo che usò male quello che gli fu dato,

      altre volte ci troviamo davanti a delle "storie o parabole" che dovrebbero insegnarci delle lezioni.

      Poi c'è la storia di Gesù che è tutta un'altra storia.

      Le religioni hanno fatto un pessimo servizio a Dio e alla Bibbia, usandoli a proprio uso e consumo,

      un libro che ho letto e ha cambiato la mia prospettiva è stato "La fine della religione" di Bruxy Cavei, (e ringrazio chi me lo ha consigliato) c'è anche un capitolo che parla dei tdG, cito una frase che fa al mio caso

      "Ma Bruxy, come puoi dire che la religione non è la via per giungere a Dio quando tu stesso sei pastore di una chiesa? Non sei il rappresentante di una religione?” La domanda scaturisce dalla tendenza
      a confondere la forma con la sostanza. Quando comprendiamo la sostanza del messaggio di Cristo, e cioè che nessuna forma religiosa è la via per giungere a Dio, siamo liberi di esprimere in vari modi il nostro amore per lui."

      Ti inviterei a leggere questo libro, lo trovi anche in epub sul web, potrebbe aprirti nuove prospettive,

      credo che tu io ed altri se avessimo risolto il problema della spiritualità non staremmo a perdere tempo a commentare ne su questo blog ne su altri non ti pare?

      Elimina
    4. Grazie per le risposte più che esaustive,posso dirti che siamo un po' tutti nella stessa barca,in mezzo ad un mare in burrasca,con una mappa che non si sa'da chi sia stata disegnata,e che nessuno sa'leggere..Comunque di auguro buone cose,e di trovare le tue risposte..Io tendenzialmente,abbraccio le tesi di Mauro Biglino,riguardo alla bibbia,e su come siamo stati creati..poi anche lui su certe questioni tende a fantaSticare..🤯🤥

      Elimina
    5. Tommaso puoi giustificare la tua coscienza con quella frase del libro, ma di fronte ai fratelli della tua congrega non ci fai una bella figura ad essere ancora un pastore pur affermando di essere tendenzialmente agnostico. Avresti fatto bene a dimetterti servendo come vuoi e con chi vuoi ma porti avanti il tuo teatrino con il ks e questa al mio paese si chiama ipocrisia.

      Elimina
    6. Mauro biglino piace anche a me ...almeno lui dice : facciamo finta ...a differenza dei teologi che loro invece sono i depositari della verità.

      Elimina
    7. @Gorizio no grazie i sentimenti di colpa puoi tenerteli per te, semmai dovessi giustificare la mia coscienza dovrei farlo davanti a Dio non a semplici uomini che vedono solo due righe scritte in un blog e giudicano come fai tu, al mio paese non si chiama ipocrisia ma spirito di sopravvivenza. Per quanto mi riguarda il ks (come ha detto qualcuno in un'altro blog) puoi buttarlo nel cesso e tirare lo sciacquone!

      Elimina
    8. Tommaso aiutami a capire praticamente l'ipocrisia non è una cosa detestabile ed ingiusta , lo è solo in relazione al contesto ed alle circostanze , insomma la tua è scusata e giustificata ,quella del corpo direttivo e della sua dottrina che ti ha portato a vivere una doppia identità e vita un abominio . Chi ti osserva sul podio non ha il diritto di sapere come stanno le cose , tu ti sei riconosciuto che puoi ingannarli , se una come me guida la sua vita dietro quello che tu affermi nei tuoi discorsi dal podio allora è una sciocca e tu sai che è cosi perchè stai mentendo . Mi aiuti a capire come concili tutto questo con quella giustizia di cui senti tanto la mancanza ? come fai a parlare di cose spirituali e poi avere dei valori completamente contraditori ?....no mi dispiace ma dei tuoi comportamenti ne devi rendere conte anche agli uomini , con cui non ti stai comportando onestamente , allora il fine giustifica i mezzi , solo quelli tuoi ? sei tu solo ad 'essere scusato e giustificato non quando si comportano cosi anche gli altri e tu ne diventi una vittima?.

      Elimina
    9. @Sidney se quello che ho scritto ha suscitato l'indignazione di voi consapevoli, quale pensi sia la reazione dei fratelli dell'uditorio se esprimessi il mio punto di vista? Io non inganno nessuno, casomai inganno me stesso, sto ancora elaborando la mia consapevolezza e come non danneggiare me stesso ne gli altri. Per me questo è giusto, poi che non condividi è un'altro discorso.

      E poi perchè non scriviamo tu io e gli altri consapevoli nome e cognome sui commenti invece di un nickname? Questa non è ipocrisia?

      Io sono stato sincero nello scrivere considero questo un luogo virtuale dove dire liberamente quello che penso dove altrove non è possibile, come vedi anche a costo di buttarmi la zappa sui piedi, ma credo che non tutti quelli che postano hanno gli stessi motivi di sincerità, me ne farò una ragione!

      Preferirei chiudere qui questo argomento se fosse possibile, grazie🤗

      Elimina
    10. Maria.Maddalena8 aprile 2019 09:53

      Io la faccio breve in quetsi casi, come ho fatto.
      Cara famiglia, le cose stanno così.
      Nessuno e dico nessuno di loro è andato in panico anzi mi hanno ringraziata di aver aperto loro gli occhi. Le prove parlano da sole. Ci siamo allontanati da quei luoghi e viviamo decisamente meglio. Mi vergogno di quel teatrino.
      Chi non può e non ce la fa ad allontanarsi deve almeno diminuire i danni e non sguazzare in quel fango credendo di darne conto solo a Dio poiché le direttive che deve far rispettare son quelle del CD e sinceramente io da PR mi sono dimessa subito senza ma e senza se.

      Elimina
  9. A farlo vedere sul trono con gli occhi letterali...ci pensano le publicazioni americane

    RispondiElimina
  10. Personalmente capisco Tommaso .....essere nel organizzazione è come stare in arabia saudita e nello stesso tempo non condividere più la religione mussulmana ,..... la WT è un piccolo stato nello stato e chi è al suo interno ne è vittima,....... i blog sono uno sfogo ma possono essere anche un sistema per cercare una via di uscita da quel matrix.

    RispondiElimina
  11. Gatto di Schroedinger8 aprile 2019 13:49

    Guarda, in casi simili lo spiegare il perché, come, quando e dove uno decide di restare o meno è difficile oltreché perfettamente inutile.
    Io sono dentro e sono sempre stato estremamente radicale nei confronti di molte dottrine e non sono quasi mai stato disposto ad orientare le mie scelte di vita per allinearle alla narrazione WT; non nego che la cosa mi abbia creato problemi ma lo sapevo a priori. Nonostante tutto, conoscendomi, ritengo di essere diventato una persona migliore rispetto a quella che sarei se non avessi deciso di entrare.
    Se questa consapevolezza dovesse cambiare anche nell'immediato futuro ovviamente cambierei posizione.
    Con la famiglia ho messo in chiaro i punti invalicabili oltre il quale non sono disposo a tirare la corda e passati quelli saluterei senza sensi di colpa.
    Detto questo, se a casa mia trova poco - slash - nullo seguito il torneo di sensi di indegnità e colpa indetto dalla WT, men che meno ne trovano le affermazioni di incoerenza / sudditanza / contraddizione et similia che arrivano da fuori. Non ho mai voluto rendere conto alla WT e alla congregazione di ciò che sono e penso, figuriamoci agli altri che spesso neppure conosco :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cristiano rende conto solo ad uno (v. Rivelazione 18:4; Marco 8:34). Certo che finché si filtrano le proprie riflessioni bibliche con il sommo metodo ateistico della scienza (o con le intepretazioni truffaldine di Biglino, o altro) è ovvio che si deperisce spiritualmente, e ci si giustifica nella via del “damage control”.

      Se poi si arriva a dubitare della morale riguardo al peccato originale e non ci si rende conto che così facendo si sta giudicando non la legge, ma il Legislatore, allora si sta rischiando la morte spirituale.

      Questa non vuole essere una accusa, ma una semplice e triste constatazione di ciò che emerge dalla piega delle conversazioni di questo blog.

      Elimina
    2. Gatto di Schroedinger8 aprile 2019 21:13

      tutto quindi si riassume in una semplice domanda: che ci stai a fare qui? se questo blog ti provoca tristezza e sei qui a commentare o c'è della curiosità morbosa (e ci sarebbe da chiedersi il perché) oppure c'è del masochismo.

      Più in generale se per fare luce nella stanza buia delle domande la dottrina mi da solo un cerino, io provo magari a vedere se c'è modo di usare una torcia elettrica. L'approccio WT (specialmente, ma in realtà di tutte le religioni) invece vorrebbe che io con quel cerino io incendiassi tutta la stanza. Il problema è che dopo aver fatto luce, anche accecante non mi ritroverò la stessa stanza di prima.
      Allarga pure lo stesso modus operandi richiesto a tutte le stanze / domande dell'esistenza e ti troverai in una realtà fatta di camere carbonizzate tutte uguali e pressochè inutilizzabili.

      Quindi ecco il "damage control" che intendi tu.
      Confondendo domande atta a evidenziare le contraddizioni e le criticità della narrazione che facciamo delle scritture con una accusa al legislatore si sta confonde il legislatore stesso con la "voce fuori campo" che fa la narrazione della narrazione di esso

      io la morte spirituale l'ho rischiata solo quando per un po di tempo rinunciai all'indagine

      Elimina
    3. Caro Samaritano e cari tutti il blog funziona se ci fermiamo agli argomenti. Non gradisco ripetermi ma purtroppo ciclicamente si devono riaffrontare. Questo è un blog religioso ma non è una congregazione è un posto dove possiamo esprimere opinioni idee scritturali ma si deve evitare di dare giudizi alle scelte di chi partecipa. Si deve perché non siamo i signori spirituali di nessuno. I giudizi lasceteli ad altri blog e alla religione qui ci fermiamo alle i

      Elimina
    4. ... dicevo qui ci fermiamo alle idee e alle opnioni.

      Elimina
    5. Prima parte

      @Gatto di Schroedinger - Non ho commentato il tuo post ma quello di Tommaso (pollice su, quindi ha fatto sua la tua affermazione). Non cerco polemiche con te (v. Netiquette 5 di questo blog), l'ultima volta hai fatto un giro di parole pur di non rispondere ad una domanda molto importante che ti avevo fatto. Sto ancora aspettando la risposta, se vorrai, altrimenti non ha senso perdere tempo (mio e tuo).

      Caro Tommaso, ieri hai scritto “tendenzialmente sono agnostico nel senso che credo in Dio ma molte delle domande che ci poniamo non avranno risposte”, oggi: “la mia fede in Geova e in Gesù non è venuta meno di un millimetro, io parlo di fiducia negli uomini e in un'organizzazione”, poi rimandi ad un altro blog che è apertamente contro il nostro Padre celeste ed infine sottolinei l'importanza di “trovare... in noi stessi quello che cerchiamo...”. Ma in che senso 'in noi'... non certo nel nostro io!

      Dalla Bibbia comprendo che per un cristiano l'opinione personale “è” quella di Cristo. Non ti scrivo per dare sfoggio di conoscenza biblica o per mia gloria, ma per la gloria di colui che mi ha mandato (v. Gv 17:16, 18; cfr. Gv 8:50; 1 Gv 4:9). Questo deve essere sempre l'obiettivo di un cristiano, vero? Non fare o dire nulla di propria iniziativa (v. Gv 8:28, 29).

      @Capitan Kirk mi ricorda che in questo blog si “confrontano le opinioni” (v. punto 13 delle linee guida di questo blog), ma opinioni su cosa, ad esempio, sulla morale di Dio o su come viene interpretata? Se è il dubbio di un non credente, è comprensibile, ma se è di un credente, è sininomo di malattia spirituale... e da chi ti fai curare, dalle opinioni? Mie, tue, della JW (no di certo), "da chi" vai?

      Tommaso, vorrei riproporti la stessa domanda che ho fatto in passato a Gatto di Schroedinger con la speranza di non ricevere la stessa “non risposta”: Hai consapevolezza che Gesù Cristo è “in” te (v. 2 Co 13:5 [Nota1]; cfr. Gv 14:16-17)?

      @Capitan Kirk mi ricorda anche che “non siamo i signori spirituali di nessuno”, come se stessi facendo “visite pastorali” alla TdG, ma io sto solo applicando Ebrei 10:24!

      Nelle Linee guida di questo blog (punto 10) si legge: – Ricercate la verità nelle acque profonde della parola di Dio e nelle espressioni ispirate, anche negli aspetti controversi. Potremmo non aver valutato bene quello in cui crediamo e scoprire poi realtà diverse potrebbero demolire la fede. Prendere in considerazione che Dio non esiste non è mancanza di fede ma è volontà di rafforzarla. (1 Co 2:14, 15) «Ma l’uomo fisico non riceve le cose dello spirito di Dio, poiché per lui sono stoltezza; e non [le] può conoscere, perché sono esaminate spiritualmente. Comunque, l’uomo spirituale esamina in realtà tutte le cose»

      Elimina
    6. Seconda Parte

      Come «l'uomo spirituale analizza tutte le cose»?, nel vers. 16 si legge “… Ma noi abbiamo la mente di Cristo.” (cfr. Ro 15:5)! Come potrebbe mai Gesù farsi queste domande (morale di Dio, se esiste, ecc.)? Un cristiano, in quanto figlio di Dio conosce suo Padre, e non si domanda se Egli sia giusto, non dubita di Lui, non vaglia le 'interpretazioni', queste domande o indagini non vengono da Cristo “che dimora in voi”, ma da... (Mt 16:22-23).

      Non sarebbe per il benessere di tutti, amministratori e lettori, dire: chiedete in preghiera e cercate nella Bibbia lasciando che sia Cristo ad operare in noi, ciò permette di fugare qualsiasi dubbio! Ad esempio, sul peccato originale è sufficiente un paio di scritture [Nota2]:

      * 1 Pt 1:20 – «Questi[l'Agnello] era stato preconosciuto davvero prima della fondazione del mondo, ma fu rivelato in questi tempi della fine per voi.»

      * Ri 13:8 – «... nel Libro della vita dell'Agnello, scannato dalla fondazione del mondo.»

      Il Testo dice che l'Agnello, con il suo sangue versato, era così conosciuto prima della creazione (la Parola di Dio è dove la creazione inizia e la Sua Parola è dove la creazione finisce. E quella Parola è la prima e l'ultima, Gesù Cristo, Eb 4:3; 2Tm 1:9-10; Is 55:11; Ri 2:8), il che significa che Dio sapeva tutto, e ben prima di creare, allora a cosa servono le elucubrazioni storico-cuturali (di chi possiede la sapienza di questo mondo) o la salsa rabbinico ebraico-medievale di Biglino (uno che bestemmia lo Spirito santo peggio dei farsei – come si comportò Gesù, cosa fece scrivere lo Spirito di Verità: opinioni tollerabili, non date etichette, giudizi, oppure «parole vuote... opere infruttuose... esponetele/denunciatele... siete luce... comportatevi come figli della luce»! – v. Ef 5:6-14; cfr. Ef 2:2, i figli di disubbidienza sono sotto l'influenza del diavolo)? Ci sarebbe da aggiungere altro, ma non è possibile in un blog. A questo punto nessun cristiano può mettere in dubbio la bontà o la competenza di Dio nel creare, non dopo che lo Spirito del Suo stesso figlio scannato ha fatto scrivere: “... l'amore è da Dio e chiunque ama è stato generato da Dio e conosce Dio [Nota 3]. Colui che non ama non conosce Dio, perché Dio è amore.” (1 Gv 4:7-8ss).

      * [Nota1] – ΙΗΣΟΥΣ ΧΡΙΣΤΟΣ ΕΝ ΥΜΙΝ ΕΣΤΙΝ secondo il 99% dei manoscritti. L'1% è costituito da alcuni manoscritti alessandrini (il tipo testuale più corrotto).
      * [Nota2] – Non sto usando la pseudo-traduzione TNM, come del resto in tutte le scritture che ho citato.
      * [Nota3] – “chi ama è stato generato da Dio e conosce Dio”, questa frase è sconvolgente (mind blowing, all'americana) per chi indaga nelle Scritture, (altro che scienza)! Non solo Gesù è stato generato da Dio, anche chi ama è figlio di Dio!, con tutto ciò che ne comporta! (cfr. Eb 1:5; Gc 1:18).

      Elimina
    7. @Samaritano l'agnosticismo, è un termine molto ampio per questo ho specificato e ulteriormente chiarito cosa intendevo, non sei d'accordo ok puoi esprimere cosa pensi.

      Per me l'io è frutto della cultura in cui siamo immersi, mentre mi riferivo al me, quello che siamo realmente dentro possibilmente "scremato" dall'io.

      Ho citato il blog di John, il cristianesimo non ci insegna ad amare i nemici? Se esprimono un pensiero interessante perchè non dargliene atto? Questo ti crea problemi?

      Citi 1 Corinti 2:15 e uso un'altra traduzione di questo versetto: Chi invece ha ricevuto lo Spirito è capace di giudicare ogni cosa, ma nessuno è in grado di giudicarlo.

      Tu hai ricevuto lo Spirito? Preghi Geova per questo? Io non ho ricevuto lo Spirito ecco perchè ho dubbi parola di Tommaso.

      Secondo te lo Spirito "sopprime" i dubbiosi o risponde ad essi affinche abbiamo la mente del Cristo? Se hai le risposte ti prego dacci più fede!

      Per quanto riguarda la domanda: hai consapevolezza che Gesù Cristo e in te? Ti rispondo che stai usando questi versetti in modo contorto, si parla di cristiani che ricevettero lo Spirito e nonostante questo furono necessari quegli ammonimenti che Paolo diede ai Corinzi.

      E a proposito di mostrare apprezzamento per il sacrificio di Cristo rispondi a questa domanda: prova e visitare il blog di Eliseo leggi il post "Il pasto serale del Signore: Chi dovrebbe partecipare?

      Ti cito parte di un commento, "... cosa non è il pasto serale del Signore, bellissima l'immagine del passare il calice e il pane al vicino=a me il sacrificio di Cristo non serve!"

      Il Signore che è in te cosa dice? Dobbiamo vivere la fede ignorando cosa accade intorno a noi e cosa provano altri cristiani?

      Per il resto lascio il "privilegio" di partecipare gli altri bloggers.

      Elimina
    8. Prima parte

      Perché ti rivolgi a me come se avessi opinioni personali (non sei d'accordo... puoi esprimere cosa pensi,... ti crea problemi?, ... se hai le risposte dacci più fede, ecc.). Io non ho opinioni personali, imito Cristo riguardo al Padre e dico solo quello che dice Lui (v. Gv 8:28, 29).

      Me, io, ecc, cambierà qualcosa per le “scienze della mente”, ma Cristo disse «... rinnegate voi stessi...» (v. Mt 16:24).

      Amare i nemici significa principalmente dire le cose come stanno (v. Ef 5 sopra citato), certo «... per quanto dipende da voi, siate pacifici con tutti» (Ro 12:18). I nemici hanno “pensieri interessanti”?, mhm, come quello di Ge 3:5-6? No Tommaso, il diavolo è troppo furbo, il diavolo è troppo furbo, «smettete di toccare ciò che è impuro» (v. 2 Co 6:17, ciò non riguarda solo il matrimonio). Mai abbasare la guardia (1 Pt 5:8)!

      Riguardo a 1 Co 2:15 (spiegazione nel versetto 16), mi domandi: Tu hai ricevuto lo Spirito? Io non ho ricevuto... e poi, secondo te lo Spirito "sopprime" i dubbi o risponde ad essi affinché abbiamo la mente del Cristo?

      Dici di no, ma solo in base alle false categorie TdG (unti / cristiani semplici, ecc.), non metto in dubbio che secondo la loro teologia le mie citazioni scritturali appaiano contorte, ma che loro si siano dimostrati falsi profeti è sotto gli occhi di tutti (le loro profezie non si sono mai avverate!).

      Il punto è che alla resurrezione Gesù «...divenne Spirito vivificante» (1 Co 15:45), CRISTO È LO SPIRITO, inizialmente riceviamo la giustizia di Cristo, la santificazione è di tenerci “puliti” lungo la strada e la redenzione è la vittoria finale (v. 1 Co 1:30), chi riceve il vangelo (in ebraico basar che significa sia messaggio sia carne... non a caso) riceve la vita, chi lo rifiuta la morte (v. 2 Co 2:14-17; cfr. Galati 3:2, 14), «...poiché in Cristo Gesù io vi ho generati per mezzo della buona notizia.» (v. 1 Co 4:15). Gesù è morto affinché potessimo essere figli di Dio, come pensi che Dio adotti i suoi figli (v. Gal 4:5), ha una agenzia di adozioni?... ma con lo Spirito santo, esattamente come ha fatto con Cristo (v. Mt 12:18), lui è «...il primogenito tra molti fratelli» (v. Ro 8:23)!

      Elimina
    9. Seconda parte

      IL PADRE È LO SPIRITO e CRISTO È LO SPIRITO (che gli ha dato il Padre, v. Gv 16:15), SONO L'UNICO E LO STESSO SPIRITO, per questa ragione, quando lo “Spirito di Verità” (v. Giovanni 14:15-26; 15:26-27) viene a dimorare nei credenti, Gesù dice: «Se uno mi ama ubbidirà alla mia parola, e il Padre mio lo amerà, e verremo da lui e dimoreremo in lui» (v. Gv 14:23-24; “in”, non “presso” come si trova nella TNM).

      Domandi: Chi dovrebbe partecipare (in base all'articolo del blog di Eliseo)?
      Non entro nel merito dell'articolo (ma ci sarebbero diverse cose da dire), rispondo solo alla tua domanda: “Tutti i cristiani.”

      Domandi: Il Signore che è in te cosa dice? Dobbiamo vivere la fede ignorando cosa accade intorno a noi e cosa provano altri cristiani?
      Il Signore a me dice quello che leggo nelle Scritture, ciò che accade intorno a noi, va esposto/denunciato (v. Ef 5:6-14; cfr. Ef 2:2 già citati)!, e su ciò che provano gli altri cristiani v. Eb 10:24 (già citato).

      Mi spiace di averci messo tanto, ho avuto difficoltà a rintracciare il sito di Eliseo.

      Elimina
    10. Samaritano devo prima di ogni altra considerazione chiederti SCUSA, e sdrammatizzo con la mia solita battuta " Tommaso arriva sempre a scoppio ritardado" 😂 perchè ti ho risposto considerandoti un tdG.

      Ti spiego: gli amministratori di questo blog sono dei credenti, dissidenti nei confronti non della fede ma in particolare del culto di cui facciamo parte, e un movimento che coinvolge diversi fedeli che sono costretti a vivere nell'anonimato per via di una specie di ricatto psicologico, quando affrontiamo argomenti scientifici non vogliamo demolire la fede di nessuno ne tantomeno l'amore che nutriamo per Dio e Gesù, ma esattamente il contrario magnificare la sapienza del Creatore per il modo meraviglioso in cui ci ha creato a Sua immagine, per quanto riguarda la cena del Signore a noi dissidenti ci sembra di mancare di apprezzamento non avendo la possibilità di prendere il pane e il vino, in conclusione ti ringrazio delle tue osservazioni e i versetti citati 🤗

      Elimina
    11. Mi dispiace di aver fatto trasperire una certa inimicizia con quello che ho scritto, ti saluto con affetto ☺

      Elimina
    12. Chiedo scusa per l'imprecisione, ho troppa fretta... e scrivo troppo, spero di non avere fatto troppi errori:

      basar (bsr) – sostantivo – carne; besrah (bsrh) notizie

      basar (bsr) – verbo – portare notizie

      Guarda che sono un exTdG, disassociato circa 20 anni fa (ufficialmente per uso di tabacco... una scusa puerile per coprire le pesanti porcherie che ho visto e l'incapacità di difendere dottrine umane con la Bibbia in mano).

      Dici "ci sembra di mancare di apprezzamento non avendo la possibilità di prendere il pane e il vino". Guarda che non partecipare, sapendo cosa significa, equivale a rifiutare Cristo e disprezzare lo Spirito! Significa la morte!

      Elimina
    13. Diciamo che stò elaborando questa consapevolezza, nel frattempo spero nella misericordia di Dio, non volendo scaricare la responsabilità su nessuno, penso che mi occorra un po' di tempo per concretizzare.

      Comunque tu come ti sei oganizzato in questi 20 anni? Fai parte di un'altro culto? O come fanno alcuni consapevoli ti raduni in piccoli gruppi di amici con cui "spezzi il pane"? Se ti va mi piacerebbe conoscere il tuo percorso dopo essere stato disassociato, potremmo imparare qualcosa, grazie☺

      Elimina
    14. Non esiste nessuna vera adorazione (o culto, se preferisci) se non quella verso "L'Iddio" di Gesù (v. Gv 20:17).

      Le cose di cui stavamo parlando sono più importanti di me, ma visto il tuo cambio di argomento, significa che non desideri più parlarne, almeno non ora, e del resto c'é già molto nei post sopra. Non insisto oltre.

      Concludo (ma quanto segue vale per tutti i lettori): pregherò che Dio ti aiuti rileggendo e meditando sulle scritture citate nella nostra conversazione, perché non sono parole che vengono dal mondo, ma dalla «luce venuta nel mondo» (Gv 3:19; v. Gv 8:12, 58 -parallelismo IO SONO-; 1 Gv 1:5; cfr. Mt 5:14). Non esiste cosa più importante, è tutto quello che stai chiedendo a Dio, ed è davanti ai tuoi occhi!

      Buona serata.

      Elimina
  12. Tommaso io non sono indignata e non ti ho giudicato , altrimenti ti avrei definito con qualche parola , ti ho solo chiesto gentilmente se mi puoi spiegare un certo modo dissonante di percepire e vivere i valori .
    Ho paura che questa consapevolezza la dovremmo trovare prima dentro di noi e chiederci quanto siamo consapevoli di amare veramente certi valori ,che sarebbero il fondamento della nostra fede ,io per prima sono confusa , non è questione di scelte e posizioni , stiamo condividendo degli stati emotivi e sentimenti generati da un contesto di vita di cui alcuni di noi ne fanno ancora parte , e ti aggiungo purtroppo .
    Sai ti capisco ma ogni volta che sono seduta davanti al podio mi chiedo se l'anziano che sta parlando sia anche lui un Tommaso , se è uno ancora convinto , o di chissà quale fazione faccia parte , e per una come me non è facile convivere con queste continue emozioni , sembra di essere in una realtà virtuale fatta di bolle dentro altre bolle , e dentro altre bolle ancora ....ed io stessa quando sono davanti alle persone a parlare non mi sento più in pace ....sò che quella non sono io ....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Sidney ti rispondo perchè ho riletto il tuo commento da Eliseo sul post "In death of Jared" e mi sento in "dovere di risponderti" voglio dirti che la mia fede in Geova e in Gesù non è venuto meno di un millimetro, io parlo di fiducia negli uomini e in un'organizzazione, ora ma anche nel corso dei milleni in quello che è stato scritto.

      Ce ne fossero di Tommaso sul podio ... quando mi lamento con mia moglie scoraggiato di combattere con manegers privi di amore con le regole del ks in testa come dovessero dirigire un'azienda, mi incoraggia sempre di non mollare ...

      Ti faccio un esempio qui su questo blog, non ho voluto etichettare ne Sumero boy ne Riflessivo e li ho visti per quello che sono brave persone, ho cercato a modo mio di aiutarle, esponendomi a critica da parte di altri (e non mi riferisco a te) che non hanno perso tempo a "sentenziare" la critica.
      Io "lavoro" in questo modo con le persone le vedo per quello che sono non filtrate dal ks o da un'organizzazione, per me questa non è ne ipocrisia ne incoerenza.

      Oggi c'è un post molto bello sul blog di John C. s'intitola: "Siete religiosi o spirituali? C'è differenza!" Questo significa per me guardare oltre le apparenze non attribuendo motivi errati neanche a chi è considerato "nemico".

      Il mio augurio per te (ma vale anche per me e gli altri consapevoli) di trovare come giustamente hai detto nel tuo commento, in noi stessi quello che cerchiamo e poi vedrai che anche tutto il resto cambia.

      Elimina
  13. La Genesi, nascita. Ogni comunità ogni insediamento ha avuto un inizio. Avvolte si fondano delle paesi dal nulla o da parte di un conquistatore, che fa trasferire chi conquista,e chi li deve comandare, costruendo tutto ciò che occorre. Ma nella stragrande maggioranza dei casi, avveniva per caso o necessità, in passato si andava a lavorare in maniera, all'improvviso comparivano villaggi, con tanto di negozi per fare la spesa. Oppure una volta si viveva veramente alla buona con abitazioni fatiscenti

    Senza nessuna comodità, compresa la privacy.,per i bisogni fisiologici,il vaso da notte, altrimenti si andava fuori. Per lavarsi o fuori, o si portava l'acqua in casa e usando un lavamano, ci si lavava in questa maniera. Poi ci si spostava, gli sposi pur di stare insieme decidevano di trasferirsi e dove di solito dove c'era acqua un rio, un fiume, si perché per gli animali c'era bisogno di acqua. E li fanno la loro prima abitazione. Scusate Adamo ed Eva che abitazione avevano?,avevano per caso i doppi servizi?Ma torniamo con i piedi per terra. Questa coppia si fa l'abitazione un riparo per gli animali che hanno, in seguito nascono figli, crescono conoscono altre famiglie che avevano fatto la loro stessa cosa anche loro hanno figli cresciuti, il figlio di una famiglia si sposa con la figlia dell'altra famiglia è dove fanno la casa, dove abitava lo sposo e così si formava la prima comunità, i primi villaggi, paesi e citta, io personalmente ho conosciuto dei villaggi e piccoli paesi, che gli abitanti erano tutti parenti, e proprio perché erano tutti i nonni e nonne i padri e madri, zii zie e tutti erano cugini e cugine fratelli e sorelle quando si spostavano, lo sposo o la sposa era di un altro villaggio di cui non c'era nessuna parentela, con la loro storia, con le loro usanze le loro leggi fatte a loro uso e consumo, per appagare ESCLUSIVAMENTE il loro pensiero, e ottenendo severamente chi dissentiva da chi scriveva, e imponeva il rispetto di tali leggi giuste o sbagliate che fossero. E nel racconto di Genesi ci vedo proprio questo, in particolare quando Caino fuggiasco, ha moglie e fa famiglia da un'altra parte, con la paura dall'incontro con altri uomini ed essere ucciso. 😋

    RispondiElimina

Grazie per il commento.

Chatteria