martedì 31 luglio 2018

"Siate Coraggiosi" a non dimenticare

Sta terminando il ciclo dei congressi italiani "Siate Coraggiosi" com'è andata? Come vi siete trovati? Piaciuta? Noi di Osservatore Teocratico abbiamo già trattato e dato alcune impressioni sugli argomenti e non ci siamo risparmiati anche le consuete perplessità che questo congresso ci ha dato. 
Personalmente questa volta le miè perplessità sul congresso le ho concentrate su quello che è un po' l'evento clou della rassegna teocratica. Nella generazione precedente era il dramma l'evento principale adesso invece è diventato il lungometraggio cinematografico con tanto di effetti speciali. Il film di quest'anno narra la storia di Giona. 

La trama la conosciamo il profeta di Geova viene interrogato da Dio per un mandato preciso. Doveva andare a Ninive e predicare che di li a poco sarebbe stata distrutta. Ma Giona non ne voleva sapere di andare in quella città pagana per fare una predicazione di giudizio sull'intera popolazione. Mai prima d'ora Geova aveva mandato un profeta in una città straniera per proclamarne la fine. Giona in un primo momento si rifiuta di raggiungere Ninive tanto da scappare e prendere una direzione diametralmente opposta rispetto quella di Ninive. Durante il viaggio marittimo Geova Dio manda una tempesta che mette in serio pericolo la vita dell'intero equipaggio. Giona comprende di essere lui la causa di tutto e chiede di essere buttato in mare in sacrificio. Mentre Giona si inabissa viene inghiottito da un enorme pesce marino che lo trasporterà nella terraferma. Da li decide di ritornare indietro e di raggiungere la città di Ninive. Una volta arrivato in città iniziò la predicazione di giudizio che ebbero effetto anche sul re di Ninive. Ninive fa opere di pentimento tali per cui Geova decide di non dare luogo alla distruzione promessa. Ma Giona anche ora si dimostra sempre fuori luogo e fuori tempo non si capacità dei motivi che hanno giustificato il nostro creatore a non eseguire il giudizio nella città. Geova Dio gli da l'ultima lezione con la zucca da fiaschi fata seccare che testimoniò la sostanziale mancanza di fede di Giona verso le opere di Geova.

Fine del film...

Notato qualcosa? Sono talemente stato abituato alle profezie antitipiche da cercarle anche dove non esistono. Nella sceneggiatura di questo film vi ho visto tanti aspetti che ci coinvolgono direttamente da lasciarmi perplesso e crearmi non poco turbamento. I temi ci sono tutti, ci sono le profezie c'è chi deve predicare, c'è Geova che esprime il suo giudizio. Il protagonista di questo racconto non è Ninive e non è il giudizio di Geova ma è Giona. Come non possiamo intravedere nel racconto di Giona il terribile sospetto che la predicazione di giudizio non avrà gli effetti sperati semplicemente perchè Geova ha deciso altrimenti? Non risulta evidente che molti testimoni di Geova inconsapevoli siano davvero l'antitipico Giona della attuale situazione. Quanti fra voi agli studi non hanno applicato la generazione di 70 80 anni al 1914? Fra l'altro ci sono già state campagne melmose di condanna delle falsa religione che non hanno avuto il seguito che speravamo. Come non vedere nell'inconsapevole Giona lo stordimento dei tanti fratelli quando gli hanno spiegato il fantastico significato della doppia generazione?

Vi ricordate gli articoli delle riviste nel 75? Gli articoli di torre di guardia che invocavano la distruzione immenente e tutti quei calcoli sul giorno di riposo di Geova? Vi ricordate i calcoli sulla data di nascita di Adamo e quando è uscito dal giardino di eden? Del libro di Rivelazione studiato per 4 anni consecutivamente e poi buttato nel cesso assieme a tutte le farlocce profezie antitipiche spacciate per visioni dello spirito santo? Noi non dimentichiamo.

Deuteronomio 4:9
9 “Solo fa’ attenzione e bada bene di non dimenticare le cose che i tuoi occhi hanno visto e di non farle allontanare dal tuo cuore per tutti i giorni della tua vita. Devi farle conoscere anche ai tuoi figli e ai tuoi nipoti. 



36 commenti:

  1. Non si possono dimenticare certe cose...

    RispondiElimina
  2. Con riferimento all'ultimo video di David Splane "io non vi conosco", avrei una domanda: secondo voi all'ultimo congresso vi sembra che le 5 vergini sagge abbiano olio extravergine spirituale abbondante con cui far luce? Oppure l'olio se lo conservano per loro per tempi futuri? La mia è una domanda seria!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel capitolo 112 del libro Gesù è la via l’organizzazione si schermisce quando le applicazioni antitipiche venivano associate a questo è a quel gruppo di appartenenza. Come puoi notare dal capitolo la parabola è stata declassata ad ausilio morale. Essa però permane nella visione cosmica della WT come parte della parousia di Gesù che è presente ma non è ancora venuto. Il significato dell’olio e della sue luce al momento è stato semplicemente asfaltato. Però sai nella fase di rimescolone delle idee la fantasia non manca.

      Elimina
  3. @Lo SFS si devono applicare in secunenza,Deut. 18:da 20 a 22, Isaia,%%:11,e Tito 1 :11, sena se e senza ma perchè passare per rimbambiti, e rintronati noi che abbiamo vissuto quel period no non se ne scende proprio,quando ci sono w e video che lo confermano che sono falsi profeti e poi ci siamo noi che siamo la memoria storica e che non potranno zittirci.

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Tommaso, grazie della correzione ho sbagliato a digitare, e poi dopo non ho l'accortezza di controllare prima di pubblicare ma penso che si era capio lo stesso.

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Temo che voler vedere profezie nelle parabole abbia creato non poca confusione.
      Splane fa riferimento a passi biblici prendendo dai riferimenti, ma i riferimenti non li ha messi Gesù, bensì chi ha scritto la TNM.
      La parabola delle vergini indica di vigilare, e fin qui non ci piove, nel racconto metà si rivelano sagge, meta stolte. Possibile che la metà sia solo un'ipotesi? Un numero esiguo?
      Anche nella parabola degli schiavi e dei talenti uno su tre si rivela malvagio.
      Nella parabola di Matteo 24:45-48 uno schiavo viene messo in guardia sulla possibilità di venir meno all'incarico.

      Credo siano parabole ammonitrici per tutti i cristiani, in special modo nei confronti di chi si assume il ruolo di Pascere gli altri compagni d'opera.
      Nel corso della storia molti cristiani hanno cercato di mantenere alta la luce nel mondo, ma molti hanno agito da schiavo malvagio, battendo i propri compagni e innalzandosi quali signori su di essi.
      Altri hanno finito l'olio della fede e sono corsi a cercarlo in questo mondo affidandosi a scienza o altri tipi di conoscenza.

      La domanda per noi è: riusciremo a mantenere accese le lampade? Continueremo a cercare di edificarci l'un l'altro?

      Elimina
    2. Libero Pensatore3 agosto 2018 07:24

      Sono d'accordo, Barnaba. Purtroppo il nostro "teologo" non ufficiale, il fratello Splane, non riesce a dare le spiegazioni che forse vorrebbe dare di parabole e profezie, da certi passaggi del video ho la sensazione che sa più di quello che dice. Anche per fare questo video il CD doveva essere d'accordo all'unanimità e ne è venuta fuori una apertura timida rispetto ai punti di ancoraggio tradizionali dell' organizzazione. Auguriamogli buone ricerche...

      Elimina
  6. Alla tua domanda finale non è facile rispondere Barnaba, per esempio sempre più spesso i sentimenti dei consapevoli sono come quelli dei discepoli descritti in Luca 24 dopo che Gesù era morto e poi risorto. Come si sentivano? Tristi, sconfortati, delusi e quando Gesù apparve loro sulla via per Èmmaus dopo avergli spiegato le profezie il loro cuore ardevava, eppure dopo qualche giorno di nuovo erano turbati e avevano dubbi e di nuovo Gesù apri la loro mente.
    Quando 'giro' sul web in particolare i siti propositivi trovo si belle idee ma c'è la tendenza a portare avanti il proprio punto di vista su come inquadrare l'organizzazione, le profezie, come vivere la spiritualità, un mondo virtuale sempre più frammentato. Tu dirai di usare le Scritture e gli insegnamenti morali in essa contenuta per incoraggiarci e sostenerci, e sono d'accordo con te, tuttavia bisogno riconoscere che qualcosa manca, è forse sarà proprio la presenza del Signore che ci riscalderà il cuore.

    RispondiElimina
  7. iosono fra quelli che predicava che i 70 -80 anni della generazione indicatata da Gesù era incominciata nel 1914 che chi si rendeva conto di ciò che accadeva doveva avere 13,o 14 anni,e tantissimi di questi c'è la speranz (Giov.5:28,29)e le dieci vergini si predicava tutaltra cosa. degli anziani(negli anni 70 e prima sorveglianti di congregazione ne sono rimasti pochi.e quei pchi rimasti sono pieni di acciacchi.e molti sono statti rimossi sostituiti dalla nuova generazione ,fra poco al di sotto dei 40 anni.cioe nipoti che devono dare aiuto spirituale hai nonni .noi quando si parlava di generazione ,per indicare che al massimo che nel 1975 sarebbe venuta la fine si diceva che i giorni creativi erano periodi di tempo di 7000 anni ciascuno ,e usando le nostre pubblicazioni con cronogia bibblica indicava che
    i 6000 anni della creazione di Di Adamo finivano nell'auttunno del 1975 .harmaghedon paradiso e risurrezione dei morti e tutti portati alla perfezzione entro i 7000 anni come stabilito da Geova (Gen.2:28,29).le date di milioni di anni?errore di calcolo perchè usato un sistema non attendibile,falsificando la data,vedi l'uomo è venuto per mezzo dell'evoluzione o per mezzo della creazione? pubblicato in inglese nel 1967 e in Italiano nel 1968.Siate coraggiosi?Che coraggio ad aver dato al congresso "sii coraggioso.

    RispondiElimina
  8. Caro Virgilio... e tutte le cose che preferiscono tacere?
    Ultimamente dicono fate ricerche nelle (nostre) pubblicazioni. Ma il mondo va avanti. In Antartide hanno perforato una carota di ghiaccio lunga 3700 metri che ci riporta indietro di 800.000 anni e che permette lo studio del clima. Del diluvio non vi è traccia.
    Il libro Evoluzione o Creazione diceva che non vi è traccia di dinosauri che si trasformano in uccelli. Bene negli ultimi anni sono stati ritrovati migliaia di dinosauri che presentano piume.
    E che dire del Tirannosauro Rex? I suoi denti non mi sembrano proprio adatti all'insalata, ma alla carne. E molti altri esempi ti potrei fare.
    Ora il film che la watchtower propone oramai è qualcosa di superato. Per carità a molti piace il vintage, ma la maggioranza lo chiama ciarpame. Dispiace dirlo, ma siamo poco credibili... forse sarà per questo che i libri Rivelazione ed Evoluzione sono esauriti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Lucio, certe idee sono figlie dei tempi. La scienza va avanti e scopre nuovi metodi di ricerca e nuove cose sull'universo, come sulla vita.
      Che Dio abbia creato in modi diversi da come pensavamo non cambia niente se ci pensiamo bene.
      Genesi è un racconto semplificato che non sempre va interpretato alla lettera. Perfino noi esseri umani siamo stati creati in un modo ma ci spetta qualcosa di nuovo, una trasformazione che Gesù paragonò al chicco di grano che deve morire per diventare spiga, oppure parlò di nascere di nuovo.
      Tutto nell'universo materiale si trasforma, ma niente si crea...

      Elimina
    2. @lucio del 08:2018:14:25, se avrei il piacere di conoscerti di persona ti chiederei di darmi il 5 come si usa ora trà i ragazzi, in poche parole hai spiegato la realta inconfutabile della situazione,Ot sai che la famosa frase del fuuocherello che tu citsati tempo addietro? sai che è stata fatta in un brodocasting in riferimento alle notizie sulla pedofilia ecc ecc dicendo grosso modo che notizie apprese denigratorie nei riguardi della WTS da parte di alcuni fratelli non se ne dovrebbe parlare ad altri, altrimenti da un iniziale piccolo fuocherello le notizie potrebbero causare un grosso incendio, questo è grosso modo il senso del discorso fatto nel brodocasting, dovresti chiedere i diritti d'autore sulla famosa frase da te pronunciata tempo fà, hahaha scherzo.

      Elimina
    3. Lucio for president :D

      Elimina
    4. @Antonio2...
      La congregazione purtroppo sta diventando un luogo dove avere una maschera. Si sa ma si deve tacere. Non si crede più a tutto, ma non si deve dirlo. E meno male che la congregazione si basa sull'amore e la verità!

      @Barnaba....
      Personalmente credo in Dio, ma fa molta differenza se credete o no alla Genesi. La cosa non può essere liquidata con un "non cambia niente". La Genesi è l'atto costitutivo del popolo ebraico, da cui discende il diritto ad essere un popolo eletto che porta al Messia. Se Adamo, Noè, Abraamo sono figure mitiche tutto cambia in maniera radicale. Di queste "origini" mitiche ne è piena la storia, ricordo per tutte Romolo e Remo e la Lupa.

      Elimina
    5. Gatto di Schroedinger2 agosto 2018 15:00

      @Lucio
      La WT fra l'altro continua a fare una guerra di religione per un creazionismo "ibrido" senza più dare motivazioni per le quale prendere una decisione. SI rinuncia quasi interamente alla confutazione e si scende sul livello "tifoseria da stadio" per la quale non ti chiedi il motivo per cui tifi una squadra e non un'altra.
      Si tace per intero sulla biologia evolutiva dello sviluppo che mette parecchie toppe alle teorie evolutive di inizio secolo scorso (quelle su cui continuiamo a confrontarci noi e ormai superate) e che ha diverse evidenze.
      Si moltiplicano i video nelle quali giovani coraggiosi partono lancia in resta contro i professori dimostrando con successo le proprie posizioni, ovviamente si sorvola su cosa costoro abbiano detto di così sconvolgente per rivoltare in 5 minuti il modo di pensare di un evoluzionista.
      Sappiamo bene (ma non lo sanno i nostro giovani) che la realtà è ben diversa e che con con le "armi" fornite dalla WT mediante la sua retorica, andare a confutare cose simili è come partire con una lancia di selce contro carri armati Abrahams.
      Ci vuole tanta incoscienza più che coraggio. Io sinceramente la risposta non ce l'ho, ma non posso nemmeno negare le evidenze ne blindare il cervello ad informazioni diverse al film che ci siamo fatti in testa perché ci sembrava di aver capito fosse stato girato così quindi dev'essere per forza così.

      Elimina
    6. Gatto di Schroedinger2 agosto 2018 15:12

      @Lucio

      "forse sarà per questo che i libri Rivelazione ed Evoluzione sono esauriti"

      si sono estinti caro Lucio, si sono estinti come i dinosauri
      Ed è possibile che non sia in la da venire una estinzione di massa :D

      Elimina
    7. @Lucio, non sono dell'idea di liquidare tutti i personaggi biblici come mitologici.
      Per fare un esempio, il diluvio è evidente che non ha potuto coinvolgere tutto il globo, non per questo significa che non sia esistito un uomo che abbia creato un'arca e che vi abbia messo molte specie autoctone del luogo alluvionato di una zona più circoscritta.
      Zona che ospitava gran parte della popolazione umana e che quindi nel racconto viene vista come intera terra abitata.
      Puntualizzare sulle parole di un testo scritto millenni fa, ben sapendo che fu scritto da un punto di vista umano sarebbe riducente.
      Un po come leggere il tema che il Papa ha fatto scrivere al suo bambino per descrivere qualcosa di accaduto, secondo gli occhi del bambino le cose possono avere un punto di vista diverso dalla realtà vista da un adulto.

      Elimina
    8. @Barnaba,
      Qui noi perpetuiamo certi errori, scrivi "diluvio... dove viveva la gran parte della popolazione umana". Beh! Questo è tutto da dimostrare.
      Chi ha scoperto l'America? Colombo il 12 ottobre 1492? Non è vero, era già popolata da 10-15.000 anni. Ma gli uomini bianchi arrivarono... non è ancora esatto perché le saghe nordiche ci raccontano che ancora prima del 1.000 i vichinghi arrivarono nel Vinland (l'attuale Canada).
      Dipende molto dalla prospettiva.
      Minimizzare le incongruenze bibliche ed esaltare i pregi dimostra a mio avviso il solito atteggiamento UMANA di voler credere.
      Penso saprai che c'è molta gente che crede agli extraterrestri: c'è gente che afferma di essere stata rapita e ci sono foto e filmati. Per loro è tutto vero. Fede o credulità?

      Elimina
    9. Gatto di Schroedinger3 agosto 2018 21:24

      @Lucio
      per quanto già scritto sul precedente blog-forum sai già come la penso al riguardo e sono più di 10 anni che cerco di trovare una "teoria del tutto" che metta assieme Genesi e il resto delle scritture.
      Premesso che non sono ancora arrivato a nulla di soddisfacente, mi sembra di capire che il testo biblico sia stato scritto da uomini per uomini e riflette la cultura del tempo in cui è stata scritta per il motivo ovvio che doveva principalmente servire in quel momento. Non tutto il messaggio trascende le epoche e la storia, specie la prima parte di Genesi quando i patriarchi emersero in un contesto culturale contraddistinto da totale entropia protoreligiosa. Che ci sia del mito in mezzo ai capitoli di Genesi? possibile, anzi probabile, anche perchè non sappiamo con precisione quale modo avevano i mediorientali di quel periodo di raccontare la storia e le lezioni che ne derivano. Mi pare di intravedere un approccio storiografico che facesse largo uso di stereotipazioni su figure o eventi mitologici che avevano lo scopo di semplificare il tutto e renderlo immagazzinabile nella mente e tramandabile oralmente. Era comunque un approccio funzionale allo scopo perché ciò che contava era la lezione che se ne sarebbe dovuta derivare. il nostro misunderstanding di fondo è secondo me sempre rintracciabile nell'approccio neoromantico della visione del mondo e della possibilità di venire a conoscenza della realtà fattuale completa, mentre in realtà siamo solo in grado di rappresentarla attraverso modelli mentali molto semplificati. Su questo poi si inserisce l'effetto framing culturale e ambientale a complicare le cose.
      Quindi abbiamo un problema della creazione di una "realtà fattuale di loopback" o fittizia, ovvero proiettiamo la descrizione della realtà vista con gli occhi dei mediorientali di 4 mila anni fa e il loro "framing" per ricreare la storia della terra con l'accuratezza con cui uno storiografo contemporaneo descrive e documenta storia e cultura contemporanea. Proiettare un geroglifico in uno schermo 5K non lo rende più comprensibile. Resta un geroglifico, non diviene per magia uno documentario di NatGeo.
      Un esempio è l'interpretazione delirante relativa a "non era mai piovuto prima del diluvio" prendendo un singolo versetto in Genesi 2 in cui si torna al 3° giorno creativo. Non dico cosa ho sentito dire al riguardo dal podio recentemente perché mi sanguinano ancora le orecchie.
      In pratica ora ci si rende ben conto che le evidenze vanno da tutt'altra parte e negarle sarebbe come affermare che la terra sia piatta. Allora che si fa? si tira nel bidone la nostra realtà passata ricostruita fittizia? eh no! Ci mettiamo una patch come nel peggiore dei software legacy: "si forse pioveva, ma se lo faceva, pioveva piano!". Così salviamo capra (il nostro quadro bucolico del passato prediluviano) e cavoli (tutta la sovrastruttura di racconti che ci siamo fatti in testa su Noe e la sua vita)
      Capisci per quale motivo lo scollamento verso il messaggio biblico e quello che organizzazione vorrebbe che fosse è sempre più largo da rendere via via più inaccettabile l'intero messaggio?
      Ricordo una barzelletta che si raccontava decenni fa come valido aneddoto per rendere l'idea sulla difficoltà di mollare i propri frame e bias cognitivi. Si raccontava ai tempi del partito comunista e c'era un padre riprendeva severamente il figlio che affermava che i maiali volavano. Quando il figlio gli risponde che "guarda che è scritto nell'Unità (il giornale di partito d'allora), il padre si corregge: ma non è che volano, svolazzano.....

      Per chiudere, puoi estendere il periodo climaticamente simile al nostro (al lordo delle glaciazioni) a 8 milioni di anni, tanto sembra siano vecchi alcuni ghiacci antartici (prima ci si fermava a 5) Se vogliamo vedere un clima stravolto e caldissimo rispetto all'attuale dobbiamo tornare indietro di circa 50 milioni di anni.

      Elimina
    10. @Gatto...
      Sono d'accordo con te. Allora salta il discorso "la Bibbia opera adatta a tutte le epoche e a tutte le culture" che tanto viene diffusa dai tdG. Raccolta di libri di parte. Se ad una cosa, ogni volta che la utilizzo, devo metterci sempre una pezza, la devo aggiornare, spiegare, interpretare non posso dire che è PERFETTA. Non è logico.

      Elimina
    11. Gatto di Schroedinger4 agosto 2018 10:13

      ... e qui parte il secondo fraintendimento stavolta relativo al concetto di "perfezione", che di fatto secondo me non esiste per come lo intendiamo noi come occidentali ma soprattutto con le esasperazioni concettuali della retorica WT. La perfezione non esiste in natura per un semplice motivo: non dura, non resiste ai cambiamenti. Noi quindi ci immaginiamo un futuro paradisiaco in un mondo perfetto e immutabile, mondo che finirebbe con il consumare se stesso e dovrebbe essere retto da Dio per miracolo; quindi ritornando al punto di partenza, dove sarebbe la perfezione di una struttura da puntellare continuamente e non autosostenibile?. Ritengo che il concetto di perfezione sia molto più liquido di come siamo stati abituati a considerarlo

      Elimina
  9. Non voglio arroccarmi, solo far notare che "l'evidente dimostrazione" della nostra fede non esiste più.
    Sono più le cose che non sappiamo che quelle che pensiamo di conoscere. Io a questo punto farei il modesto, ma a Warwich non va di moda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lucio ma l’esercizio della fede è proprio quella di dare certezze là dove non è possibile trovarne con la ragione. Magari in questo esercizio rivalutare i problemi ripristinando le priorità è un buon modo per salvaguardare la spiritualità messa in discussione dagli approcci sbagliati. Con approccio sbagliato intendo l’applicazione letterale della Bibbia o anche l’antropomorfizzazione di Dio. Distraggono da Dio stesso dalla sua esistenza e dal suo proposito.

      Elimina
    2. La fede biblica è fiducia di ciò che accadrà avendo delle prove (Ebrei 11:1).
      Credulità è voler credere senza base. Ora credere a Noè e al diluvio è ormai esercizio di credulità. Non vi è alcuna prova. L'Antartide ci dice che negli ultimi 800.000 anni il clima terrestre ha visto le stagioni come le conosciamo. Non vi è stato nessun cataclisma su tutto il globo, ma al limite catastrofi locali. La deriva dei continenti ci dice che le specie animali si sono adattate all'ambiente. Le isole ci fanno capire che sono isolate dai continenti da ben più di 5000 anni. Il bradipo lo ritroviamo solo in America del Sud. I lemuri solo in Madagascar. Il kiwi (animale) solo in Nuova Zelanda. Chi c'è li ha portati? Noè o gli angeli dopo il diluvio? Miracoli multipli? O mito?
      Lascio a ognuno di voi la risposta, ma spesso la risposta meno complicata è quella giusta!

      Elimina
    3. Hai detto tutte cose vere e coerenti ma non hanno niente da spartire con la fede. Chi ha portato i lemuri in madagascar non fa parte dell'esercizio delle fede. Non ci vuole la fede per interpretare un carotaggio antartico, oggi in un articolo di Repubblica sostengono che sono riusciti a riportare in vita un verme di 35000 anni fa. Per me basta e avanza se un giorno troveranno un ameba su un'asteroide o su Marte.
      Al momento non ho niente che mi permetta di giustificare la mia esistenza senza che questo sia la conseguenza dell'esistenza di Dio e per arrivare a lui ho solo una scala, quella della fede.

      Elimina
    4. @Capitano,
      Credere in Dio o in una Causa Superiore è una cosa, credere ciecamente alla Genesi un'altra.
      Quindi in definitiva non credo più al creazionismo di stampo americano che caratterizza i tdG.
      Fede? Forse sono troppo materialista (e non sto parlando di denaro) per averne una. Certo che certe volte pregare libera l'anima, forse sto diventando superstizioso (non nel senso napoletano).

      Elimina
    5. Ma io vedo più il problema nell'obbligare a credere a certe cose. Qui sta l'inghippo della nomina e di tutti gli aspetti che sono legati ai requisiti stessi.

      Elimina
  10. Libero Pensatore3 agosto 2018 07:30

    A proposito dell' ultimo video di domenica al congresso, avrei una domanda. Dove troviamo scritto nella Bibbia che nell'imminenza della fine i cristiani devono proclamare un messaggio di giudizio? Non sono uno studioso attento delle scritture, probabilmente, ma non trovo riferimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Libero Pensatore anche il messaggio di giudizio fa parte integrante della cosmogonia dei Testimoni di Geova anche se in effetti bisogna avere un consolidato backgroud per dettagli di questo tipo. Il messaggio di giudizio è uno dei tanti aspetti che fanno parte dello strascico che il libro Rivelazione ha lasciato nonostante l'abbiano defenestrato. Il brano biblico da cui proviene il senso è quello di Rivelazione 9:1,11. Dove si parla di locuste in una torre di guardia del secolo scorso viene spiegato di come esse porranno l'attenzione verso gli uomini che non hanno il segno sulla fronte. Ti cito la torre di guardia integrale...

      "24 Quindi Giovanni dice: “E dal fumo usciron delle locuste che si sparsero sopra la terra, e fu dato loro un potere simile a quello che hanno gli scorpioni della terra. Però fu ordinato loro di non danneggiare l’erba della terra, né alcunché di verde, né alcuna pianta, ma solo gli uomini che non hanno il segno d’Iddio sulla fronte”. Tali uomini non avevano il segno o suggello dello spirito di Dio, perciò non producevano i frutti del Suo spirito ma erano falsi cristiani, falsi Israeliti spirituali. Gli unti, cristiani testimoni di Geova raffigurati dalle locuste che escono dal fumo dell’abisso procurano loro un acuto, bruciante dolore simile a quello causato dagli scorpioni. Come? Mediante il messaggio di giudizio proclamato da queste “locuste”.
      25 Inoltre Giovanni dice: “Fu dato loro di non ucciderli, ma di tormentarli per cinque mesi, con un dolore simile a quello che dà lo scorpione, quando punge un uomo”. Il ciclo vitale della locusta (schistocerca [o dalla coda spartita] gregaria) è di circa sei mesi. Per la durata di questo periodo la locusta può danneggiare. Le locuste simboliche che nel 1919 furono rianimate per compiere il servizio di Dio si presentarono nel mondo postbellico, ma non per uccidere i loro persecutori, il clero religioso della cristianità che non aveva il sigillo dello spirito di Dio. Si presentarono per dichiarare loro il messaggio di giudizio di Dio. Questo non piacque ai capi religiosi della cristianità. Recò loro grande dolore come se fossero stati punti da uno scorpione, ma una tale puntura, benché dolorosa, non è necessariamente fatale. — 2 Cor. 10:3-6."

      Attenzione perchè la predicazione di giudizio come si vede chiaramente dal brano citato è un evidente salto logico che fa parte dell'ermeneutica geovista. Come tale non garantisco che sia oggetto ora e in futuro delle consuete modifiche illuminate dallo spirito santo.

      Elimina
    2. Libero Pensatore4 agosto 2018 13:42

      Grazie, Capitan Kirk. Mi riferivo in particolare alla w 15/7/15, cito il paragrafo 9:
      "Quello non sarà il momento di predicare la “buona notizia del regno”. Il tempo per farlo sarà passato. Sarà invece il tempo in cui “verrà la fine”! (Matt. 24:14). Senza dubbio il popolo di Dio proclamerà un energico messaggio di giudizio, che potrebbe includere la dichiarazione dell’imminente e completa fine del malvagio mondo di Satana. La Bibbia paragona questo messaggio a grandine quando dice: “Una grossa grandine dai chicchi del peso di circa un talento cadde dal cielo sugli uomini, e gli uomini bestemmiarono Dio a motivo della piaga della grandine, perché la piaga d’essa era insolitamente grande” (Riv. 16:21)."
      Qui tirano fuori i chicchi di grandine. A me sembra che la stessa scrittura citata, Matteo 24:14, contraddice tali forti asserzioni, così come l'incarico di fare discepoli fino al termine del sistema di cose (Matt. 28:19,20). Anche Rivelazione 14:6,7 dice qualcosa di molto diverso. La dichiarazione dell'angelo che l'ora del giudizio è arrivata è sempre una buona notizia da dichiarare ai popoli come "lieta novella" non un messaggio di giudizio con dice quel paragrafo. Valli a capire...

      Elimina
    3. Si @Libero Pensatore è corretta l'applicazione di Rivelazione 16:21 come puoi notare essa è figlia di un pensiero generale che si ripete in Rivelazione. Ma e anche figlia di quel modo di applicare dei tipi e degli antitipi che non hanno oggettivi riscontri biblici e che sono sempre stati usati nella spiegazione di brani profetici come quelli di Rivelazione. Nel caso specifico la tua torre di guardia è evidente il linguaggio teocratichese usato da sempre che ha affermazioni che non possono essere smentite.
      Il paragrafo inizia con un "Senza dubbio" e poi ci buttano dei condizionali che danno la sensazione del vero "che potrebbe includere la completa dichiarazione...". Che cosa vuol dire potrebbe includere? Ho predichi la fine o non la predichi. Cosa fai in alternativa compri le testate giornalistiche e ci scrivi sopra "Tra poco morirete tutti?"
      Come si fa a dire che il messaggio è come i chicchi di grandine? Perchè non possono pesare 20 kg? Queste affermazioni sono fortemente speculative e sono davvero complicati da capire. L'unico pregio che hanno è che sono di indubbio effetto e particolarmente scioccanti nell'immaginario della fratellanza. Per questo le sfruttano e le sentiremo in continuazione...

      Elimina
    4. Amen,Capitano,amen

      Elimina
  11. Non ci sono più argomenti da portare avanti. Stallo totale e questa la verità!!!

    RispondiElimina

Grazie per il commento.

Chatteria