domenica 17 febbraio 2019

EPO


Ma di cosa parliamo? Gli addetti ai lavori sanno che è un ormone che viene usato dopo i trattamenti di chemioterapia, per gli sportivi è vietato perchè è un doping.

Perchè dovrebbe interessarci? Perchè a volte viene procurato dai "Comitati sanitari" e somministrato all'insaputa dei medici per rialzare i volori dell'emoglobina di un paziente TdG.
Credo che la maggioranza della fratellanza non sia a conoscenza di questa pratica, perchè regna la più assoluta disinformazione!

Ma andiamo per ordine, l'Epo è l’acronimo di eritropoietina, un ormone prodotto soprattutto dai reni, capace di regolare la produzione dei globuli rossi da parte del midollo osseo.

Il farmaco è offerto dal servizio sanitario nazionale e occorre una ricetta particolare, fatta soltanto da un ematologo o da un nefrologo in base ad un protocollo terapeutico. È un prodotto molto caro, il prezzo oscilla tra 100 e 200 euro a fiala.

Gli effetti collaterali sono pericolosissimi: si può incorrere in gravi malattie cardiovascolari come infarto e ictus, detto più chiaramente: trombosi coronarica e quindi infarto del miocardio acuto, occlusione di un’arteria femorale e quindi ischemia grave di un arto inferiore, trombosi di un arteria renale e quindi infarto renale, con possibile insufficienza renale cronica e si può anche finire in dialisi.

Affinchè i "Comitati sanitari" procurino l'Epo a un paziente con l'emoglobina bassa che necessiterebbe di una trasfusione, hanno bisogno di un medico compiacente che procuri la "droga" in discussione o attraverso altri "canali" a noi sconosciuti, fin quì niente di male se pensiamo che ciò verrebbe fatto per il bene del paziente.

La prima domanda che sorge spontanea è: ma perchè i medici del "mondo" non sanno che esiste l'Epo? Certo che si, ma è evidente che a seconda del problema del paziente possono esserci gravi conseguenze cliniche nell'uso dell'Epo che debbano essere prese in considerazione, quindi com'è possibile far somministrare di nascosto un farmaco senza una persona esperta che ne valuti le conseguenze e senza consenzo informato?

Ora sposterei la discussione da quello medico sanitario a religioso sanitaro, andiamo per ordine, domanda numero 20 della seconda sezione domande per il battesimo:
"Perchè i cristiani devono astenersi dall'uso non terapeutico di droghe ... ?

Su quale principio si basa questa concessione all'uso terapeutico delle droghe (a me pare che l'Epo rientri in questa categoria essendo una "droga")?
La risposta è: il principio della santità della vita! Dio non potrebbe proibire una droga che salva la vita o almeno allevierebbe inutili sofferenze come nei casi di trattamenti di fine vita.

Lo stesso Gesù fece guarigioni in giorno di sabato, il principio è evidente, è lo stesso per l'uso delle droghe in medicina!
Gesù antepose una legge, il rispetto del giorno di sabato, alla santità della vita o semplicemente della sofferenza umana che toccò i sentimenti di Gesù.

La mia domanda con cui concludo questo post è: quali altre leggi o comadi biblici dovrebbero o potrebbero essere anteposti al principio superiore della santità della vita e della sofferenza umana?

Per ulteriori informazione ecco due link sull'argomento:

40 commenti:

  1. E si Tommaso questa faccenda meriterebbe di essere approfondita. Ho sentito questa storia più volte ma non ci sono mai andato in fondo. Io so di pastiglie passate di nascosto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tempo fa hanno dato notizia di un indagine, mi sembra in campania,nei riguardi di fratelli proprio per l'uso improprio e lo spaccio di Epo,in cui erano coinvolti,dove venivano acquistate dosi di Epo,rubate negli ospedali,poi non si è saputo più niente.
      Di certo è l'uso e l'abuso di questo prodotto,per fare salire i valori del sangue,con tutti gli annessi e connessi legati al giro di denaro che c'era dietro.

      Elimina
  2. Confermo anche a me é successo e la cosiddetta cura era molto costosa. Sono curioso dei dei commenti che seguiranno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. XVirgilio del 17:02:2019:22:46, ti faccio presente che l'epo che hai comprato a caro prezzo era stato sicueramente rubato da infermieri o dottori che lavoravano in strutture pubbliche in quanto come ha già scritto un altro utente non si trova di libera vendita, anzi non si trova neanche in farmacia in quanto per i suoi effetti collaterali negativi viene somministrata solo in strutture pubbliche e a chi si da deve essere tenuto sotto controllo, a conferma di ciò che scrivo non molti anni fà dei componenti del CS Campano furono presi dalla GDF con le mani nel sacco mentre stavano comprando confezioni di EPO da 4 infermieri che con la complicità di 2 dottori avevano rubato le fiale di EPO da strutture campane che curano casi oncologici la notizia usci sia sui quotidiani che per il TG3 e la cosa che mi sconvolse era che ogni confezione di EPO costava circa 2000 euro all?SSNe che poi i mariuoli se la facevanno pagare sui 200 euro a confezione dai componenti del CS dei tdg chiaramente si istitui un processo dove a testimoniare in quanto a conoscenza dei fatti si rese disponibile un ex anziano che per anni aveva fatto parte di un CS, poi come sia andata a finire non lo sò in quanto non se ne è più parlato ma devo chiedere all'ex anziano tanto per capirci lui abita a Modena.Ciao.

      Elimina
    2. Si si la ricordo c'è ancora in rete

      http://www.quotidianosanita.it/cronache/articolo.php?articolo_id=15941

      Ovviamente prendete tutto con le dovute precauzioni. Nell'articolo non ci sono nomi.

      Elimina
    3. Super questo capitano però!
      Ma l'articolo nn dice che chi comprava erano membri TDG ma che le giravano a costi irrisori a dei TDG....potrebbe però essere verosimile... Incredibile... E ovviamente niente da nessuna parte. Come e possibile?

      Elimina
  3. è come la morfina...la morfina è un derivato del oppio ..un forte analgesico il più potente anti dolorifico (dalla morfina viene prodotta l eroina) , ricordo che cera una TDG che aveva un tumore , la prendeva in pastiglie , ebbene, nonostante era a dosi basse era piena di allucinazioni quando l effetto era ai suoi massimi, oltre ad avere un euforia generale ...a chi ha il tumore avanzato e negli stadi finali i dolori sono molto forti e in quei momenti le dosi vengono somministrate per via endovenosa , il paziente muore praticamente drogato. ...nella valle del sole ( reparto per pazienti a fin di vita) sentivo urlare: voglio la morfina !! è l unica AMICA che ti rimane non hai altro ..E MENO MALE CHE CE !! ecco perchè viene chiamata la polvere degli angeli..........allora mi chiedo ..perchè in questo caso viene consentito al TDG di scegliere di usare la morfina che è una droga ? perchè in questo caso per uso terapeutico ce libertà di coscienza ? perchè invece di fronte ad una trasfusione di sangue viene visto come una disubbidienza ad un comando?
    (al di la che la WT non ci ha capito un bel nulla sul sangue biblico)

    RispondiElimina
  4. Capitan_kirk pastiglie passate di nascosto le ho prese anch'io, e care anche, il problema è che lì c'è un paziente che deve andare in una ospedale dove viene operato, ma prima deve prendere un appuntamento con IL chirurgo che opera se va bene 200 euro spese di viaggio, un familiare che dorme nei dintorni dell'ospedale altra spesa arriva IL comitato sanitario, e ti dice che sarebbe bene prendere questo medicinale che ti serve per aumentati i globuli rossi cosa fai?fai o non fai la cura?il paziente dirà di sì, partirà la fame quando ritorna a casa, sì perché molti fratelli e sorelle fanno fatica a sbarcare il lunario.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si caro Virgilio è proprio così c’è anche il problema economico oltre a quello sanitario, grazie per la testimonianza.

      Elimina
  5. Argomento doloroso anni e anni siamo stati tenuti Nell ignoranza totale. Ormai non sanno più come uscirne con questa storia del sangue

    RispondiElimina
  6. Forse si potrebbero salvare (sempre se il loro dio orgoglio glielo consente) di tornare prima del 1961 , dove veniva lasciata libertà di coscienza senza disassociare, anche se la WT riteneva immaturo chi si faceva una trasfusione, è l unica strada , poi chissà se con il tempo il famoso canale di geova , magari andranno dai figli di cora a farsi spiegare bene quello che non hanno mai capito. (-:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema, quando imponi dottrine come se fossi ispirato è che non si può tornare indietro senza perdere credibilità e scatenare le ire di chi ti ha creduto e forse ha sofferto enormemente per seguirti..
      Si finisce col mettere pesse alle pezze fino a rattoppare di tutto, ma alla fine che resta?

      Elimina
    2. Gatto di Schroedinger18 febbraio 2019 17:16

      ... un patchwork in cui nessuno sa più cosa è partito da dove per arrivare a come ma soprattutto perchè

      Elimina
    3. Nel caso specifico però, come per tante cose che ci dicamo da tempo, non è un problema di dottrine. C'è davvero poco di dottrinale nel distribuire sottobanco pastiglie di epo. Vedo invece un modo di affrontare i problemi che mi lascia sconcertato. Se è vero che i comitati sanitari in visita dei pazionti passano pastiglie di epo con chissà quali criteri c'è tutta una serie di problemi che non possono essere sottavalutati. Quando si è degenti in un ospedale ci sono precise responsabilità che sono legalmente tutelate e che comporatamenti di questo tipo potrebbero vanificare mettendo a repentaglio la salute stessa del paziente e anche la sua stessa vita.
      Non voglio fare il terrorista, in questo link

      http://www.sportpro.it/ricerche/rischiepo02.htm

      hanno risontrato che in alcuni pazienti la somministrazione dell'EPO ha fatto impazzire il sistema immunitario costringendo il paziente dover essere continuamente trasfuso per sopravvivere.

      Tutte queste considerazioni però le devono fare le persone preposte alla nostra cura. L'EPO è prescritta dai medici la dove c'è bisogno non vedo perchè rischiare così e in questo modo.

      Elimina
  7. E ti credo che dicono : non andate sui siti non attendibili perchè dicono bugie e vi scoraggiano , e certo che scoraggiano , anche quando il fratello era venuto a casa mia a farmi lo studio , il prete del mio paese mi disse . non ascoltare i TDG perchè ti sviano senza che te ne rendi conto, sono tutti uguali, ognuno deve difendere il suo ovile le sue pecore, ma la bibbia ci dice : ACCERTATEVI DI OGNI COSA !! non dice : accertatevi di ogni cosa, in via della bufalotta, Roma. oppure: piazza san pietro, Roma.

    RispondiElimina
  8. Bravo Barnaba quando per anni hai sostenuto che quello che affermsvi veniva da Geova, come fai adesso a dire che non è più ....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo che Barnaba ti ha risposto scegliendo di non rispondenti.
      Spero Barnaba mi perdonerà e azzardo una risposta, che vale prima di tutto per me.

      In psicanalisi si fa una differenza tra l'io e il me, in sostanza c'è una differenza tra quello che appare e quello che siamo realmente, da una lettura superficiale qualcuno la confonderebbe con una sorta di ipocrisia (tipo PIMO), tuttavia l'argomento è molto più complesso e non può essere banalizzato in questo modo.
      Per ragioni sociali tutti gli esseri umani fanno prevalere l'io che purtoppo ci limita notevolmente, ma in un momento della vita ti accorgi che il me, quella parte inconscia che ti parla la "vocina interiore" ti dice che non sei tu quella persona ... e allora piano piano viene fuori quello che sei realmente, e voli libero nei pensieri, nei sentimenti, nelle emozioni, voli in alto come con ali di un'aquila e vedi il mondo con un'altra prospettiva.

      Alcune volte il nostro inconscio ci dice, perchè lo intuisce, qual'è la soluzione dei nostri problemi. Spesso però la parte razionale tende a farla tacere e/o ignorare.
      Poi la vita scorre passano gli anni e ti accorgi di non aver ascoltato quella "vocina" che ti diceva la verità e che ti voleva bene, comunque questo è il percorso umano della serie "provare per credere"!

      Elimina
  9. Pubblico parzialmente il commento di Bobcat perchè è interessante la prima parte del commento e le implicazioni che sottolinei, per quanto riguarda 'termini che insultano' vorrei ricordarti che anche un'accusato di qualcosa di molto grave ha diritto al rispetto e di un avvocato per potersi difende.
    Per il servizio delle "Iene" traquillo che è stato visionato!

    Commento parziale di Bobcat:

    Il problema non è tanto la vergogna o la credibilità che perdono, il problema è che sono morte delle persone e se cambiano intendimento i parenti se li mangiano "la Wts" Non vorrei essere nei loro panni! .....

    RispondiElimina
  10. il libro ..mantenetevi nel amore di Dio pagina 76 dice : Va notato però che gli israeliti non dovevano andare agli ESTREMI , cercando di eliminare ogni traccia di sangue nella carne del animale .Se questo veniva dissanguato dovutamente, un israelita ne poteva mangiare con la coscienza pulita , sapendo che era stato mostrato il dovuto rispetto per il datore della vita...........incredibile !! PARLANO DI ESTREMI meglio farsi una risata ((-: perchè ci sarebbe da piangere ))-: ...La WT ad un metro dal traguardo si è fermata ed è tornata indietro, se fossero andati avanti con questo ragionamento sarebbero arrivati alla conclusione che il sangue rappresenta la vita ed è del tutto assurdo lasciarsi morire per rispettare un simbolo in situazioni di sopra vivenza,,,,,LA VITA UMANA è PIU IMPORTANTE DELLA SIMBOLOGIA DELLA VITA !! DIO SA QUELLO CHE DICE !! purtroppo uomini presuntuosi e ignoranti che si credono Dio in terra, non sanno quello che dicono e fanno....questi signori vanno fermati informando chi è sotto la loro guida.

    RispondiElimina
  11. Ce chi muore per la patria chi per un proprio ideale e poi ci siamo noi.....disposti a morire per il proprio Dio....non vedo dove sta il problema

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema sorge dal fatto che in realtà si muore per un'organizzazione che impone la propria visione alle coscienze dei fedeli.. a meno che per "proprio Dio" tu non volessi intendere l'organizzazione..

      Elimina
    2. Geova=Organizzazione...........Organizzazione = Geova
      Questo è sempre il problema di fondo,pensare che quando l'organizzazione dice o impartisce disposizioni,sia Geova in persona a farlo,ma dopo un po' di anni sembra piuttosto chiaro che le cose non stanno così,altrimenti dovremmo tirare le orecchie al nostro Dio e non mi pare il caso,perché gli sbagli sono prettamente umani.

      Elimina
    3. Anonimo ...l ignoranza va combattuta su qualsiasi cosa , perchè o si no saremmo ancora al tempo della pietra.

      Elimina
  12. Anonimo, sono d'accordo con te in linea di principio con quanto dici. Per esempio, morire per non rinnegare Dio o per non bestemmiare la sua Santa persona ,si, ci può stare. Ma se Dio stesso ci dice di tutelare la sacralità della vita, considerata come il bene supremo di cui ci ha fatto dono, io rispetto questo dono. La wts fa bene a dire che il rispetto della vita si traduce tra l'altro nell' evitare di mettere volontariamente a rischio la vita con sport estremi, rispettando e attuando tutte le norme di sicurezza, non assumendo droghe, e cose simili. Poi, per assurdo contrasto, ti impone, in caso di estrema ed oggettiva necessità, di non assumere sangue per salvare quella stessa vita che dovremmo tutelare non facendo uso di sigarette....quando si tratta solo di una personale quanto pazzesca deduzione ricavata da una improbabile interpretazione di scritture bibliche. Ecco per cosa dunque io non morirò mai, per un errore di interpretazione da parte di chi ammette (oggi) di non essere né ispirato né infallibile. Ma scherziamo?
    E' emblematica quanto illuminante la posizione della comunità ebraica sull'argomento. E' nota a tutti la loro stretta osservanza della legge contenuta nell'antico testamento, legge sul sangue compresa. Ma, quando si parla di tutela della vita, essi si rifanno a quello che in ebraico identificano come il principio della "piquach nephesh", secondo il quale Dio ci ha nominato custodi del dono della vita, da proteggere in ogni caso, anche assumendo sangue. Essi non mangiano sangue, ma non rifiutano le trasfusioni...essi sarebbero disposti a perdere la vita solo se fosse messa in seria discussione la relazione con Dio....ragionamento che anche per un cristiano non fa una piega.
    Dunque, va bene morire per un ideale, se uno ha una forza morale tale da esserne capace, ma non per un conclamato colossale errore di interpretazione omicida quale quello imposto dalla wts ai suoi adepti spacciato per volontà di Dio.

    RispondiElimina
  13. Anonimo ..1978 strage di johnstown circa 900 persone si suicidarono per mano di un santone americano bevendo cianuro per andare in paradiso ( su internet con sono foto con tutti quei morti) Solo un centinaio si salvarono tra cui il figlio del santone , che racconta di aver fatto di tutto per salvare quella povera gente , ...Domanda , allora che doveva dire ? A ma tanto ce gente che muore per la patria ognuno muore per il suo ideale !,,,,,,,,io credo che i TDG sono anche essi vittime , tieni conto che oltre predicare conducono studi biblici , e quando uno diventa TDG viene convinto che trasfondersi è un reato presso Dio , lui si battezzerà e riceverà il tesserino per il suicidio , e se ha figli sarà pure peggio , dunque informare la gente su questo argomento è un dovere morale che ognuno di noi ha in coscienza.

    RispondiElimina
  14. Ma lo volete capire che questa storia del sangue è diventata troppo mediatica pagherebbero oro per uscirne, ma non possono una volta era tenuto tutto nascosto, oggi stanno ottenendi troppo cattiva pubblicità e pressioni mediatiche tramite la veloce informazione. Si sono avvolti su loro stessi. Sono caduti nelle loro stesse trappole. Lo volete capire di o no Andrea m.

    RispondiElimina
  15. Ma una via d'uscita veramente c'è e se la sarebbero anche creata.

    Se sommate le incongruenti concessioni ad utilizzare le cosidette frazioni minori del sangue, le farisaiche perversioni per permettere l'uso di macchinari che di fatto eseguono delle trasfusioni autologhe vi accorgereste che il rispetto per il divieto all'uso del sangue è solo apparente e confinato a relativamente poche situazioni.

    L'indagine dei due anziani volta a capire il pentimento di un fratello che accetta la trasfusione basterebbe renderla di facciata e molto blanda e nessuno o quasi si ritroverebbe "dissociato" d'ufficio per aver accettato il sangue.

    Basterebbe rispettare la privacy (vedi post Me ne frego) senza ficcare il naso a tutti i costi per vedere se i fratelli hanno fatto le DAT o meno o voler spiare attraverso i comitati sanitari quello che decidono di fare in ospedale i singoli proclamatori e i casi tipo quello portato alla ribalta dalle Iene sarebbero un lontano ricordo, pur lasciando sulla carta la dottrina sulle trasfusioni.

    Però il problema è che l'organizzazione non riesce proprio a rinunciare alla bramosìa di potere, all'insana ossessione di controllare la vita delle persone per sentirsi onnipotente, non riesce a concedere che i governi o i medici possano avere qualche volta ragione perchè il sistema essendo satanico deve avere per forza torto anche quando oggettivamente ha ragione, non riesce ad avere fiducia nei suoi stessi componenti, pur asserendo il contrario.

    E' questo il vero limite, non i mezzi d'informazione o internet o le cause in triburale che sparirebbero come d'incanto

    RispondiElimina
  16. Il punto di vista di Geova sul sangue utilizzato come "medicina" lo si comprende chiaramente dalla composizione del latte materno. Il latte materno protegge il bambino; è infatti ricco di ingredienti vivi, tra cui cellule staminali, *globuli bianchi* e batteri benefici, nonché di altri componenti bioattivi, come anticorpi, enzimi e ormoni, che aiutano a combattere le infezioni, prevengono le malattie e contribuiscono al normale sviluppo in salute.
    https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25469400

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho capito il nesso logico.
      E comunque il latte materno non lo vedo come una protezione ma bensì un ottimo alimento (completo) per il neonato.
      Il termine protezione lo associo per esempio alla Placenta.

      Perchè ci ostiniamo a far dire qualcosa a un libro che nulla sapeva delle emotrafusioni?
      Prima emotrasfusione nel 1818. (colpo di fortuna)
      Poi nel 1901 vengono scoperti i gruppi sanguigni, da li in poi vennero praticate con successo le emotrasfusioni.

      NO BIBBIA, NO VECCHIO TESTAMENTO E NO NUOVO TESTAMENTO.
      tutte argomentazioni che neanche lontanamente immaginavano a quel tempo che forse praticavano i salassi o urinavano sulle ferite pensando di disinfettarle.

      Quindi esprimersi con frasi del tipo "il punto di vista di Geova" non ha senso ed è una FORZATURA!!!!

      P.S. Tommaso o chi per lui, non sono offensivo potreste evitare di azzittirmi stile CD?

      Elimina
    2. Mi spiego meglio: alcuni accettano le frazioni di sangue perché si trasmettono dalla madre al feto tramite il cordone ombelicale. Nel caso del latte materno, la madre da al figlio non solo frazioni di samgue, ma uno dei componenti principali (i globuli bianchi) e non al feto ma ad un essere vivente (il bambino) che MANGIA i globuli bianchi della madre. E' questo avviene perché così lo ha creato Geova; quindi è chiaro come la pensa!

      Elimina
    3. Ad esempio, il colostro viene talvolta paragonato a un vaccino naturale grazie all'elevato contenuto di anticorpi e di globuli bianchi. Il tuo primo latte ne ha bisogno per proteggere il tuo bambino da infezioni e malattie in cui può incorrere dopo aver lasciato l'ambiente protetto del grembo materno.

      Elimina
    4. Quasi quasi confido ad un anziano della mia congregazione che sembra ci sia una sorella che somministra al figlio un preparato a base di globuli bianchi e gli chiedo se lo ritiene grave. Chissà se mi dice che se viene appurato scatta il CG! Poi aggiungo che sembra anche che il medico sia un fratello...

      Elimina
    5. Forse sono ignorante io ma non ho mai sentito di simili preparati e non credo che ingerendoli si ha qualche reale beneficio.

      Ci sono integratori o prodotti che stimolano la produzione ma come prepari un preparato a base di globuli bianchi? hai bisogno di una sacca di sangue e una centrifuga... aiutami a capire.

      Elimina
    6. Credo che anonimo si riferisca a normale "somministrazione" in gravidanza tra mamma e figlio.. ;)

      Elimina
    7. E magari Anonimo è anche leggermente ironico 😂🤣

      Elimina
    8. 🤣🤣🤣 solo adesso mi sono accorto che era ironico, non avevo capito che si riferiva alla poppata.

      Elimina
  17. Comunque, per quanto siano giusti i vostri ragionamenti .. una volta che si arriva a capire cosa vuole dire Dio sul sangue biblico, non ce più bisogno di aggiungere altro.

    RispondiElimina
  18. Con questi comitati se ne sono sentite di tutti i colori. Le pastiglie EPO sono solo una parte della storia sembra che sia molto più ampia grottesca e inquietante.
    Questa storia è fatta di tanti fratelli che si sono spesi nell'opera di sostengno spirituale nei comitati sanitari, tanti sono stati sinceri altri un po' meno ...
    Così ad esempio pare che ci sia stato il periodo delle gocce omeopatiche visto che le medicine come l'Epo non si possono dare, alcuni zelanti andavano in giro distribuendo soluzioni acquose spacciate per medicinali che erano a loro volta prodotti da valenti fratelli e che non avevano la necessità di avere la prescrizione medica. Il tutto a pagamento e senza ricevuta.
    E così ad esempio poteva capitare che a qualche degente arrivassero li gli agenti speciali della salute e gli somministrassero queste gocce omeopatiche senza criterio. Qualcuno già in crisi emorragica con vene e capillari rotti so è trovato nei problemi perchè come molti sanno l'alcool è vero che aumenta la pressione sanguinea ma è anche un forte vasodilatatore aumentando e non diminuendo la crisi. Così per poco non gli fanno il necrologio nel letto di ospedale...
    Siccome queste gocce costavano, se il paziente non moriva, alla fine della visita gli agenti speciali passavano la famosissima busta della donazione.
    La donazione serve ufficilamente perchè questi fratelli hanno spese ma non sono aiutati dalla betel serve anche per aiutare chi purtroppo non si può permettere queste presunte medicine. Ma non solo...



    RispondiElimina
  19. non solo dicevo perchè questi agenti speciali non visitavano e non visitano solo i pazienti ma hanno anche il mandato di intrattenere rapporti con i medici e chirurghi ospedalieri. In questa categoria di persone si trova un po' di tutto purtroppo alcuni di essi hanno la tendenza a mettere da parta l'etica professionale quando ci sono altri interessi.
    La dico in modo brutale se non vuoi trasfusioni di sangue alle volte basta allungare un tintinnino alla signora del chirurgo, per ottenere comunque il suo consenso...

    RispondiElimina
  20. @Capitan Kirk
    Confermo tutto quanto, ne ho viste anch'io delle belle, con qualcuno talmente grave che per un pelo non ci ha rimesso la pelle, nutrito con le fantomatiche 'gocce miracolose' che alzavano i valori dei globuli...
    Con relativa donazione a pagamento...
    Il tutto gestito "sotto semaforo" da gente di una ignoranza e incompetenza medica da far paura!

    RispondiElimina

Grazie per il commento.