Translate

Cerca nel blog

lunedì 16 aprile 2018

Scandalo Royal Commission Australiana

In concomitanza della Charity Commission Inglese c'è stata una indagine che ha affrontato le stesse problematiche in modo forse più esteso e concreto. Questa è la sintesi dei problemi affrontati
(link di origine).



28 novembre 2016
La relazione della Commissione reale sul caso di studio n. 29 - La risposta dei testimoni di Geova e della Società Torre di Guardia della Società Australiana Ltd alle accuse di abusi sessuali su minori è stata pubblicata oggi.

Il rapporto fa seguito a un'audizione pubblica tenutasi a Sydney a luglio e agosto 2015 che ha esaminato l'esperienza di due sopravvissuti di abusi sessuali su minori all'interno dell'organizzazione dei Testimoni di Geova, nonché i sistemi, le politiche e le procedure in atto all'interno dell'organizzazione per sollevare, rispondere a e prevenire gli abusi sessuali su minori. La Commissione reale ha ascoltato due testimoni sopravvissuti, 12 testimoni istituzionali e un esperto assunto dall'organizzazione dei Testimoni di Geova che ha fornito prove sulle politiche, le procedure e le pratiche dell'organizzazione.

Ha inoltre esaminato le prove provenienti da fascicoli giudiziari detenuti dall'organizzazione che hanno registrato accuse, denunce o denunce di abusi sessuali su minori da parte di 1.006 membri dell'organizzazione.  La Royal Commission ha rilevato che i bambini non sono adeguatamente protetti dal rischio di abusi sessuali su minori nell'organizzazione dei Testimoni di Geova e non crede che l'organizzazione risponda adeguatamente alle accuse di abusi sessuali su minori.

Dalle prove presentate, la Royal Commission ritiene che l'organizzazione dei Testimoni di Geova si basi su politiche e pratiche obsolete per rispondere alle accuse di abusi sessuali su minori che non sono stati oggetto di revisione continua e continua. Incluso in questi era la conservazione dell'organizzazione e la continua applicazione di politiche come la regola dei due testimoni in caso di abusi sessuali su minori che, secondo la Royal Commission, mostravano una grave mancanza di comprensione della natura degli abusi sessuali su minori. Ha preso atto della regola, che l'organizzazione dei Testimoni di Geova fa affidamento, e si applica in modo inflessibile anche nel contesto di abusi sessuali su minori, è stata ideata più di 2000 anni fa.

La Royal Commission ha rilevato che il sistema disciplinare interno dell'organizzazione dei Testimoni di Geova per affrontare le denunce di abusi sessuali su minori non era incentrato su bambini o sopravvissuti. Ai sopravvissuti viene offerta poca o nessuna scelta su come viene indirizzata la loro denuncia, le sanzioni sono deboli con scarso riguardo per il rischio di recidiva del perpetratore.

Infine, la Royal Commission ha ritenuto che la prassi generale dell'organizzazione di non segnalare casi gravi di abusi sessuali su minori alla politica o alle autorità, ha dimostrato un grave fallimento da parte sua nel garantire la sicurezza e la protezione dei bambini.

Leggi il rapporto completo. ( lingua inglese )


Video interrogatorio al membro del corpo direttivo Jackson 






Video testimonianza durante il processo. 
















20 commenti:

  1. Ecco da questo scandalo è nato il mio malessere. Da qui sono caduto dal pero e ho iniziato a dubitare.

    A volte vorrei non aver mai letto dell'esistenza di questa commissione e dell'audizione di Jackson.

    Saluti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sm stanco, purtroppo il risveglio è difficile per tutti. Quello che mi sento di dirti è di non distruggere tutto solo perché uomini ti hanno deluso. Adesso è il momento di ricostruire la fede su basi più solide e direttamente dal Cristo senza intermediari.
      Un abbraccio

      Elimina
    2. Infatti nessuna organizzazione è necessaria.
      Gesù non fondò alcuna religione e la figura dello "schiavo" è una semplice parabola.
      Tutto il resto è accademia.

      Elimina
    3. Se nessuna organizzazione è necessaria, allora che ci stiamo a fare dentro?

      Elimina
    4. @ SM stanco
      Io non ci sto da due anni...
      Ad ogni modo, organizzare è una cosa, decidere per te come vivere ogni momento della tua esistenza, e come adorare Dio, sono altre questioni...
      Poi, ciascuno agisca secondo la sua coscienza.
      Sarebbe meglio, però, la coscienza individuale, piuttosto che quella collettiva e spersonalizzata del gruppo religioso.

      Elimina
    5. Corretto ne noi ne l’organizzazione serviamo a Dio. L’organizzazione in un certo senso rende solo più facile all’uomo fare certe cose.

      Elimina
    6. Caro Capitano, dalla mia esperienza ho visto che l'organizzazione è stata un freno allo sviluppo di una personale spiritualità, scevra da regole e rituali.
      Comunque ritengo la Watchtower una società editoriale che almeno ha contribuito a diffondere una traduzione delle Scritture.

      Elimina
    7. L'errore è scambiare il servizio ad una religione con l'adorazione a Dio. Un'organizzazione religiosa può essere uno strumento pratico per un gruppo di fedeli ma non deve diventare un fine. Deve restare uno strumento in uso all'ekklesia e non viceversa.
      Restare o non restare quindi diventa una scelta soggettiva in base alla propria circostanza. Se ancora riusciamo ad avere margine di manovra per servire Dio e altri cristiani, se nel nostro caso in questo modo possiamo restare più vicino ai familiari, specie chi ha dei figli da crescere e il coniuge inconsapevole deve meditare bene i suoi passi.
      Altri sono arrivati a un punto di rottura in cui la domanda: "che ci sto a fare?" Non ha trovato ragioni positive per continuare e hanno trovato altri modi di vivere la propria fede.

      Elimina
    8. Ambros Chappel17 aprile 2018 14:23

      Dio ha sempre avuto dei servitori che si sono organizzati o che si sono
      radunati assieme. Anche oggi non doveva essere diverso. Purtroppo
      gli esseri umani peccatori sbagliano e peccano o in un senso o nell'altro.
      Ecco che da una semplice siamo passati ad una struttura esageratamente potente
      e troppo intromettente. Occorre depotenziarla.
      Ma le verità del regno sono passate attraverso questo popolo o congregazione
      seppur tra mille difficoltà e lacerazioni. Occorre avere una qualità che spesso
      manca a tutti noi La fede e la Pazienza

      Elimina
    9. Gatto di Schroedinger17 aprile 2018 15:18

      A dire il vero è una affermazione indimostrabile. Non possiamo assimilare la struttura patriarcale della discendenza di Abramo ad una organizzazione spontanea di adoratori di Dio. Per come intendiamo ora l'organizzazione il popolo di Dio non ne ha avuta una per migliaia di anni, praticamente fino all'Esodo. Qualche contaminazione pagana nelle scritture appare anche fra i personaggi biblici pre-esodo per cui se organizzazione la vogliamo chiamare, sarebbe una organizzazione molto naive. Legalmente "i puntini sulle i" vengono posti solamente dopo l'uscita dall'Egitto con la legge mosaica, e la struttura organizzativa ebraica evolve nel corso del tempo, specie durante l'esilio babilonese, fino divenire qualcosa di diverso nella forma ma anche nella sostanza. Poi arriviamo a Gesù, che di fatto non sembra dare quasi nessuna disposizione organizzativa (lo fanno gli apostoli successivamente). Dopo l'apostasia delle congregazioni primigene, ammesso che non vogliamo considerare la corrotta cristianità come popolo di Dio, in termini di organizzazione abbiamo il nulla.
      Un organizzazione è un prodotto spontaneo delle interazioni umane dove uomini debbano raggiungere uno scopo, quando lo scopo diventa l'organizzazione stessa questa si avvia a divenire qualcos'altro e a vivere di vita propria, come storicamente si è visto innumerevoli volte in tanti campi e come è successo anche alla WT

      Elimina
    10. Ambros Chappel17 aprile 2018 19:56

      Non capisco questa filosofia e vabbè. Mi pare ovvio che Gesù
      abbia già detto che i suoi discepoli sarebbero stati una chiesa
      e si sarebbero radunati tra loro in ogni luogo dove ve ne erano due o tre.
      Non so se leggo un altra bibbia, ma ripeto non capisco !

      Elimina
    11. Ambros, non capisco cosa non capisci..

      Elimina
    12. Gatto di Schroedinger17 aprile 2018 21:19

      Non è una filosofia ma una mera constatazione. nei 4000 e rotti anni di storia raccontati nella bibbia la presenza di una organizzazione e di un popolo separato seppure con modalità semplici non è una costante. Semplicemente, essendo rigorosi, non è possibile provare che Dio abbia sempre avuto una organizzazione sulla terra anche se è un tema abbastanza caro alla dottrina WT per ovvie ragioni di "eredità spirituale". Adoratori quasi certo, ma non organizzazione di adoratori. Nell'ambito prediluviano vi erano personaggi considerati giusti, ma non risulta abbiano dato vita ad organizzazioni (ne avrebbe avuto senso esistessero), così come non è possibile stabilire con certezza vi fossero forme di adorazione organizzata prima di Esodo. Anche partendo da Matteo 18:20 che citi per arrivare al concetto di organizzazione ce ne corre parecchia.
      Era solo per dire che la storia, biblicamente parlando, offre meno costanti di quelle che immaginiamo o che siamo stati abituati ad immaginare. L'imprinting culturale WT è abbastanza aduso ad anacronismi cercando paralleli della situazione attuale in ogni epoca biblica ribaltandogli la cultura presente.

      Elimina
    13. Questo articolo tradotto dal fratello Baruq forse risponde alle perplessità di Ambros.

      http://www.baruq.uk/has_jehovah_always_had_an_organization-it.html

      Elimina
    14. "Ma le verità del regno sono passate attraverso questo popolo o congregazione
      seppur tra mille difficoltà e lacerazioni. Occorre avere una qualità che spesso
      manca a tutti noi La fede e la Pazienza" di che verità parli? Io ho visto, una volta resomi conto delle grosse falle, vedi scandalo pedofilia, che lo schiavo fedele e "saggio" (a proposito.. Proverbi 3:7) abbia preso solo delle grosse cantonate. Libri scritti 30 anni fa come rivelazione, diventati ormai carta straccia per tutti i cambiamenti di intendimento. Un buon tdg, e lo sai bene, parte dal presupposto che lo schiavo non può essere messo in discussione perché ha sempre ragione.. Eppure i fatti dimostrano esattamente il contrario. Non hanno azzeccato il significato di una profezia neanche per sbaglio. C'è qualcosa che non torna. È proprio il presupposto alla base di questa organizzazione ad avere nessun fondamento!

      Elimina
    15. Ambros nel commento del Gatto c’è un po’ lo spirito di osservatore Teocratico. Non ti diciamo che questa Organizzazione è sbagliata ma nemmeno indispensabile.
      Pensare di relegare l’approvazione a Dio confondendola con l’appartenenza ad una associazione o organizzazione crea un cortocircuito spirituale. Tieni conto questo cortocircuito aumenta con l’aumentare degli incarichi e delle nomine.
      Buona giornata

      Elimina
    16. Sull’organizzazione e diciamo meglio sul senso che possiamo dare all’organizzazione abbiamo questo articolo

      https://osservatoreteocratico2.blogspot.it/2018/03/io-sono-lunico-rimasto.html?m=1

      che ci può aiutare..

      Elimina
  2. Prima o poi tutti i nodi vengono al pettine!

    RispondiElimina
  3. Caro Ambro Chappel, quando parli delle verità del regno sicuramente ti riferisci al peso lordo.... Per correttezza, calcoliamo rapidamente un po' di tara agli insegnamenti della WTS relativi al regno:
    - 1914, sette tempi, 2520 anni;
    - presenza invisibile di Cristo;
    - divisione in due classi in base ad un errato intendimento di Giovanni 10:16;
    - doppia generazione sovrapposta in base ad una ridicola interpretazione di Matteo 24:34;
    - quadro profetico di quello che accadrà in futuro basato sulla errata interpretazione di
    Daniele e Rivelazione (libri ritirati e non sostituiti).

    Al netto della tara, cosa rimane? Il fatto che il Regno di Dio è un insegnamento biblico che dobbiamo ancora ben capire. Serviva mettere in piedi una multinazionale come la WTS per arrivare a questo? E in che modo questo rende la WTS superiore ad altre organizzazioni che si definiscono cristiane? Fede e pazienza vanno sempre bene, ma in questo caso caro Ambro credo servano anche onestà e coraggio, non pensare sempre che la propria puzza fa comunque un po' meno puzza di quella degli altri, ma amare la verità rinunciando a ciò che è falso e fare quello che le Scritture indicano. (Salmo 118:8)

    RispondiElimina
  4. Grazi in particolare per la seconda parte con la traduzione scritta della seconda udienza ,che prima era solo in inglese. che nonostante fosse in internet chi è all'apice della piramide aveva ordinato di dire che erano informazioni di apostati e più di un anno fà un anziano lo fecce notare a un CO e gli disse la stessa cosa ,e di fare finta di essere all'oscuro di tutto preche altrimenti i suoi privileggi Teocratici verrebbero compromess.Si questo bravissimo anziano,doveva tacere

    RispondiElimina

Grazie per il commento.

Chatteria